DECAPITATED: accusati di stupro di gruppo

Pubblicato il 12/09/2017

Come noto, i DECAPITATED sono stati arrestati lo scorso 9 settembre in California con l’accusa di aver rapito una donna dopo il loro concerto del 31 agosto al The Pin di Spokane, nello stato di Washington.
Secondo quanto riportato da Spokesman.com, la posizione della band sembra però essersi aggravata: i quattro musicisti non avrebbero solo trattenuto la donna sul loro tour bus contro la sua volontà, ma alcuni di loro sarebbero anche responsabili di uno stupro di gruppo ai suoi danni, oltre che di aver aggredito l’amica che si trovava con lei.

Stando ai verbali depositati presso le autorità competenti, la vittima sarebbe salita sul tour bus dei DECAPITATED volontariamente, ma in seguito la situazione sarebbe degenerata. Mentre l’aggressione era in corso, l’altra donna presente sul tour bus sarebbe stata scaraventata a terra e si sarebbe allontanata in auto, per essere fermata poco dopo dalla polizia per sospetta guida in stato di ebbrezza. A quel punto, la polizia avrebbe rintracciato anche la vittima, che nel frattempo aveva chiamato i soccorsi, a circa due miglia dal locale. La donna presentava contusioni significative ed è stata portata in ospedale per essere visitata.

Interrogati dalla polizia, i membri dei DECAPITATED hanno preso posizioni diverse.
Il batterista Michal Lysejko ha detto di non conoscere le due donne. Il chitarrista Waclaw Kieltyka sostiene che Rafal Piotrowski (voce) e Hubert Wiecek (basso) avrebbero effettivamente avuto rapporti sessuali con la persona che li accusa di stupro. Dal canto suo, Piotrowski ha ammesso che le due donne erano presenti sul tour bus, come anche Wiecek, il quale ha prima dichiarato di non aver visto nulla e poi di non ricordare l’accaduto.
Lysejko, Piotrowski e Wieck si sono rifiutati di fornire un campione di DNA e di rilasciare dichiarazioni se non in presenza di un interprete.
Un quinto uomo, Wojciech Cichocki, ha raccontato di aver dormito sul tour bus e di aver solo intravisto l’amica della vittima.

La band rimane in stato di custodia nella contea di Los Angeles, in attesa di essere estradata a Spokane. L’avvocato della band, Steve Graham, si è detto fiducioso e ha ribadito che sarà presto resa nota un’altra versione degli eventi, fornita da testimoni che potrebbero accertare che la donna è salita sul tour bus di sua volontà e che ha lasciato amichevolmente la band.

 

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.