DESTRUCTION: Schmier, “Putin è il nuovo Hitler e va fermato”

Pubblicato il 09/04/2022

In una recente intervista rilasciata a Blabbermouth, il frontman dei DESTRUCTION, Schmier, ha dichiarato quanto segue circa l’invasione russa dell’Ucraina e un recente attacco hacker a cui sono stati sottoposti gli account social della band:

“Dei bot russi e latinoamericani hanno attaccato i nostri canali nel tentativo di pubblicare propaganda filo-russa sulla nostra pagina. È stata un’esperienza interessante. Ho dovuto chiamare i miei compagni di band e dire: ‘Visto che tutti accedono alla nostra pagina, pulitela perchè è sotto attacco da parte di robot di Internet.’ È stato triste vedere come funziona la guerra su Internet, come i robot modellano l’opinione pubblica. Avevo sentito qualcosa circa quei robot, ma quando attaccano la tua pagina Facebook e vedi le centinaia di messaggi che postano e devi bloccare centinaia di profili fake, vedi la tragedia che questo tipo di cose genera. Pensi cose del tipo: ‘Oh mio Dio, allora è così che funziona’. È stato interessante. C’è stata una enorme interazione su un post. Abbiamo ricevuto quindicimila like e mille commenti e abbiamo dovuto cancellare un paio di centinaia di strani post di propaganda.
 
La guerra scatenata dalla Russia ha colpito il mondo. Ho visto che Putin ha lavorato duramente alla sua propaganda negli ultimi anni. Con la [rete televisiva statale russa] Russia Today ha creato uno strumento di propaganda, proprio come la CNN per l’America. Russia Today ha diffuso la propaganda russa ovunque nel mondo.
 
Molte delle fake news russe sono state create in paesi che non amano la cultura occidentale, come i paesi arabi o i paesi dell’America Latina, dove la gente odia il sistema capitalistico e odia l’America. Quelle persone ora credono che Putin sia un salvatore. Questo è stato scioccante per me. Nemmeno io sono un capitalista, ma abbiamo visto che la Russia non concede alcuna libertà di parola e sta facendo propaganda nel peggiore dei modi al di fuori dei propri confini. Era qualcosa che il mondo occidentale non si aspettava. Ciò ha influenzato fortemente le divisioni nel nostro mondo.
 
Ora vediamo tutto in diretta grazie alle telecamere e assistiamo alla brutalità della guerra. Nessuno vuole questa guerra; neanche i russi la vogliono. È il loro presidente che la vuole. Come si ferma un pazzo come questo? Da tedesco, sento come se fosse il nuovo Hitler e va fermato. Il problema è che, almeno in Europa, dipendiamo tutti da lui. Ci allatta al seno con il suo gas e il suo petrolio. Dobbiamo tagliarlo fuori immediatamente.
 
Tutto questo è straziante. Sono stato in Ucraina. La nostra ingegnere delle luci è una donna ucraina di nome Lena. Lei riceve le notizie dall’Ucraina, ci mostra le foto e la sua famiglia sta soffrendo. E’ brutale vedere tutto questo nel mondo di oggi, nel 2022 e con questo livello di istruzione. Come può ancora succedere? Io non lo so.”

 

 

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.