DOPE: la risposta agli attacchi di Robb Flynn dei MACHINE HEAD

Pubblicato il 16/10/2019

Pochi giorni fa Robb Flynn dei MACHINE HEAD, in difesa dalle critiche dei fan circa le similitudini tra il testo del ritornello del nuovo singolo “Do Or Die” e quello di “Die MF Die” dei DOPE, aveva concluso il proprio post con la frase “Ma chi cazzo ascolta i DOPE?!”.
Successivamente ha di nuovo attaccato i DOPE postando su Instagram una foto di una fan che si è presentata a un meet&greet con la band indossando una maglia dei DOPE. Flynn ha aggiunto il commento:

“Questa cosa è divertente… al meet&greet di oggi. Le ho chiesto un titolo di un pezzo e non ha saputo rispondere”

La risposta alla domanda di Flynn, “Ma chi cazzo ascolta i DOPE?!”, è arrivata direttamente da Edsel Dope, il leader dei DOPE, il quale ha dichiarato via social:

“Ieri Robb Flynn ha chiesto su Instagram ‘Ma chi cazzo ascolta i DOPE?!’, poi oggi ha tirato un’altra frecciata alla nostra band, postando una foto di una fan con una maglia dei DOPE e aggiungendo un commento piuttosto tagliente.
Da persona adulta mi sento in dovere di rispondere a questi due attacchi.
La verità è che a me piaciono i MACHINE HEAD, una band killer e che tira parecchio! Se le due band dovessero mai condividere il palco, i DOPE suonerebbero indubbiamente prima dei MACHINE HEAD. Rispetto!
La questione però non è questa ma: ‘Chi cazzo ascolta i DOPE?!’. Bene, Robb, essendo Spotify ormai il mezzo con cui la maggior parte della gente ascolta musica, ti rispondo coi numeri. Guarda un po’:
– utenti che ascoltano i DOPE al mese su Spotify: 1.238.355
– utenti che ascoltano i MACHINE HEAD al mese su Spotify: 1.208.667
Siamo vicini, fratello.
Ci sono solo 30.000 utenti al mese che ci separano, quindi è giusto dire che un sacco di ‘motherfuckers’ ascoltano i MACHINE HEAD e i DOPE su Spotify. Qualcuno in più per i DOPE ma fa nulla…
Ci sarebbe anche da dire che il pezzo dei DOPE di cui tutti, incluso Robb, stanno parlando, ‘Die MF Die‘, ha 30 milioni di ascolti in più su Spotify di qualsiasi pezzo Robb abbia mai scritto o pubblicato.
Non sono uno che dice cazzate e non voglio dire nulla di male contro Robb. Questi sono solo i fatti.
Noi non abbiamo mai detto che il nuovo pezzo dei MACHINE HEAD derivi da ‘Die MF Die‘ dei DOPE. Noi non parliamo mai male!
La frase ‘Die motherfucker die’ non è di mia proprietà, è comunemente usata e continuerà a esserlo negli anni a venire.
Infine, non posso farci nulla se certa gente associa questa frase ai DOPE. Il pezzo ‘Die MF Die‘ è in giro da 20 anni ormai e ha raggiunto 60 milioni di ascolti su Spotify. I militari americani hanno usato il pezzo per addestrare le truppe, quindi ogni soldato sotto i 40 anni conosce il pezzo, soprattutto chi è stato in missione in Iraq.
Le cose stanno così e certo non sono stati i DOPE a innescare questa cosa priva di senso.Siamo in tour, a Vienna, e nemmeno sapevamo che i MACHINE HEAD avevano pubblicato un nuovo pezzo, fino a quando il mio telefono ha iniziato a ricevere notifiche di gente che condivideva il post di Robb su Instagram, il quale senza motivo ci chiamava in causa.
Io nemmeno ci badavo, finchè oggi lui non è tornato nuovamente sulla cosa in modo stupido.
Ho sempre avuto rispetto per Robb. Lui è un artista molto prolifico ed è uno che dice quello che pensa. Lo rispetto per questo. Ad ogni modo non so cosa volesse ottenere attaccando i DOPE non una volta ma due negli ultimi due giorni.
Per concludere, spero di aver risposto alla domanda e spero che questa sia l’ultima cosa che si sente circa questo dramma infantile di ‘Die motherfucker die'”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.