EXODUS: Steve “Zetro” Souza parla di quando invitò Chuck Billy a entrare nei LEGACY / TESTAMENT

Pubblicato il 28/06/2020

Il cantante degli EXODUS, Steve “Zetro” Souza, in una recente puntata di “Ask Exodus” ha parlato di quando nel 1986 lasciò i LEGACY (che sarebbero poi diventati i TESTAMENT) per passare agli EXODUS in sostituzione di Paul Baloff e di come venne rimpiazzato da Chuck Billy:

“Fu una decisione difficile e non me ne sarei mai andato se si fosse trattato di entrare in un’altra band. All’epoca tutte le band come LEGACY, FORBIDDEN, VIO-LENCE e altre della Bay Area adoravano e rispettavano i METALLICA ma volevano tutte essere come gli EXODUS. Già un anno prima avevo ricevuto l’offerta di entrare negli EXODUS quindi già nell’aria c’era la voce che avrei sostituito Paul Baloff. Quando mi chiamarono definitivamente, ne fui onorato e accettai.
Per quanto riguarda Chuck, ricordo che ero fuori ad allenarmi e lo incontrai. Mi disse: ‘Cazzo Zet, stai per entrare negli EXODUS, non posso crederci’. Io risposi: ‘Sì, vuoi fare una prova con i LEGACY?’. A quel punto mi disse: ‘Seriamente? Thrash metal? e io gli risposi: ‘Certo amico, puoi farcela’. Lui cantava in una band di nome GUILT che faceva una specie di power-hair metal. Non erano thrash metal e lui in effetti non aveva mai cantato in un gruppo thrash metal.
Io e i LEGACY quindi ci separammo in modo amichevole e per le prime due settimane in cui Chuck provò con la band, io ero presente e gli mostrai come cantare pezzi come ‘Raging Waters‘, ‘Burnt Offerings‘, ‘Over The Wall‘ e ‘TheHaunting‘ e altri brani che avevo già scritto per la band. Tutto funzionò perchè Chuck è un frontman fantastico e si adattò molto bene. Ora chi di vuoi riesce a immaginarsi i TESTAMENT senza Chuck Billy?”

Steve “Zetro” Souza e Chuck Billy

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.