GHOST: il nuovo album “Prequelle” traccia per traccia!

Pubblicato il 15/05/2018

A cura di Andrea Raffaldini

Gli ultimi due anni in casa Ghost sono stati molto movimentati. Dopo la pubblicazione di “Meliora” (2015), la band capitanata da Papa Emeritus III ha vissuto momenti di grande gloria culminati con il Grammy vinto per la miglior performance metal nel 2017. Lo scorso anno però ha visto la band svedese vacillare a causa dello split tra il cantante ed i suoi Nameless Ghoul, che, licenziati praticamente in tronco, hanno svelato per vendetta la vera identità di Tobias Forge, rompendo di fatto per molti l’incantesimo e la nube di mistero che aleggiava attorno alla figura del Papa Emeritus. A seguire, come accade molto spesso quando una band si separa, una causa legale intentata dai Ghoul, vittime, a loro detta, di non essere stati pagati per il loro importante ruolo all’interno della band. Con queste premesse, è facile capire perché questo nuovo “Prequelle” sia un disco molto atteso dai fan dei Ghost. Riuscirà l’oscuro Cardinal Copia (nuova identità indossata da Tobias Forge) a soddisfare le grandi aspettative che pendono sulla sua creatura? In questo ascolto in anteprima cerchiamo di entrare nel dettaglio di “Prequelle”, un disco in cui si nota sin dalle prime battute l’intenzione dei Ghost di mantenere da un lato il loro trademark caratteristico e nel contempo di dare un tocco più attuale alla loro proposta musicale, per fare breccia sulle generazioni più giovani. Gran parte del merito di questo processo di smerigliatura va al produttore Tom Dalgety (Opeth, Royal Blood, Simple Minds, Therapy?), capace di creare dei suoni di qualità sopraffina.

GHOST

Cardinal Copia (Tobias Forge) – Voce
Fire – Chitarra solista
Water – Basso
Wind – Tastiere
Earth – Batteria
Ether – Chitarra ritmica
Papa Nihil – Sassofono

PREQUELLE

Data di uscita: 01/06/2018
Etichetta: Spinefarm Records

Ashes (1:21)
Una intro lunga poco più di un minuto e costruita utilizzando voci innocenti di bambini che intonano una sinistra filastrocca. L’atmosfera ricorda, almeno per i fan meno giovincelli, i film della saga di “Nightmare”, almeno fino a quando irrompono le chitarre elettriche per gonfiare ulteriormente il pathos in un crescendo che lascia presto spazio alla opening track ufficiale.

Rats (4:21)
Un breve giro di batteria viene subito sorretto da riff decisamente corposi e decisi. Le parti vocali di Cardinal Copia/Papa Emeritus/Tobias Forge si dimostrano evocative, grazie anche al contributo delle tastiere e dei cori. Il bridge crea spasmodica attesa per il ritornello, squisitamente corale che entra in testa sin dal primo ascolto e che ricorda l’Alice Cooper più commerciale, quello di “Trash”, per intenderci. Ottimo l’assolo di chitarra successivo, semplice e di buon gusto. Nella parte finale, dopo il refrain, i Ghost giocano con le tastiere, ultimi riff e gran conclusione. “Rats”, per quanto catchy, riesce anche a tirar fuori le unghie; la produzione punta molto sulle chitarre ed il risultato dà ragione alla band.

Faith (4:29)
Un mid tempo quadrato attacca subito con chitarre molto pesanti, quasi alla Rammstein, che dopo il primo minuto si aprono al classico stile Ghost. La volontà della band di dare un tocco più fresco e attuale al proprio sound è palese. Come sempre il ritornello è molto immediato e maestoso, zeppo di cori e tastiere. Non mancano dei validi assoli che impreziosiscono ulteriormente la canzone. Il refrain interpreta il ruolo di protagonista su “Faith”, un brano senza particolari sorprese, che scorre via liscio come l’olio. Un altro centro a favore degli svedesi. Negli ultimi trenta secondi irrompe un organo da chiesa (satanica).

See The Light (4:05)
“See The Light” finora si dimostra il pezzo più radiofonico di “Prequelle”. Tastiere e voci tessono dolci melodie nelle strofe, le chitarre irrompono nel ritornello, fin troppo mieloso, in cui le atmosfere sinistre marchio di fabbrica dei Ghost si perdono a favore di soluzioni più mainstream. Questa volta Tobias Forge sembra aver voluto scrivere una canzone di hard rock melodico di stampo svedese, ma con risultati discutibili.

Miasma (5:17)
Un organo da chiesa scandisce l’inizio di “Miasma”, canzone che cerca di portare nel nuovo millennio – grazie all’attento lavoro di produzione –  le sonorità rock degli anni Settanta. Questo strumentale attinge al progressive rock d’annata, l’alternarsi tra chitarre e tastiere crea una forte dinamicità, con l’aggiunta di un sax che dona una tocco vintage alle melodie. I nuovi Ghoul assoldati da Cardinal Copia si dimostrano musicisti di grande valore, capaci di non strafare mai e autori di tessiture dal gusto sopraffino.

Dance Macabre (3:39)
Come suggerito dal titolo, “Dance Macabre” possiede un ritmo incalzante e danzereccio. La velocità d’esecuzione non viene spinta al massimo, quanto basta per potersi scatenare sotto al palco in sede live. Durante l’ascolto viene voglia di battere il piede a tempo e di scapocciare con l’esecuzione del ritornello pretenzioso e bombastico. Questa canzone dal gusto old fashioned è priva del fascino misterioso e sinistro dei Ghost, ma punta tutto sulla spensieratezza e sulle melodie. In poco più di tre minuti e mezzo, la formazione svedese sgancia uno dei suoi pezzi da novanta.

Pro Memoria (5:39)
Una intro celestiale di tastiere funge da contrasto con il “nostro” Cardinale, che attacca la prima strofa cantando in modo maligno “Luficer whispering silently into your mind…”. La leggerezza della canzone, il pianoforte, le parti vocali eteree che dolcemente sussurrate all’orecchio tentano di corrompere l’ascoltatore proprio come il Serpente fece con Eva, hanno un che di inquietante e malvagio. Il rock di “Pro Memoria” strizza l’occhio al pop da classifica, nonostante le limitate parti di chitarre distorte cerchino di nasconderlo. La canzone non presenta particolari variazioni, la melodia iniziale viene continuata fino alla fine. Il breve intermezzo strumentale nella seconda parte che precede il refrain torna a chiamare in causa i Seventies, lucidati dalla produzione pulita e moderna.

Witch Image (3:30)
Altra canzone potenzialmente perfetta per fungere da singolo per la sua leggerezza e per l’appeal commerciale. Strofa essenziale, voci e keyboards in crescendo fino al ritornello esageratamente melodico, al limite dello stucchevole. Va però detto che “Witch Image” nella sua semplicità assolve il suo compito: basterà una passata nel lettore per diventare una sorta di tormentone canticchiabile. Questa volta le chitarre non cercano di farsi notare, ma rimangono in secondo piano al servizio della canzone.

Helvetefostner (5:55)
Secondo e ultimo brano strumentale del disco. Al suo interno troviamo intermezzi oscuri, parti più rock anni Settanta, ma soprattutto un importante ruolo di tastiere e pianoforte. Un accenno di ritmi tipici della mazurka e, nella seconda parte, melodie folkeggianti. Senza infamia e senza lode, “Helvetefostner” funge da interludio di attesa per il gran finale.

Life Eternal (3:27)
Contrariamente a quanto sarebbe lecito aspettarsi, i Ghost decidono di chiudere il sipario sul nuovo “Prequelle” con una ballata. “Life Eternal” non brilla certo per originalità, ma Tobias Forge è riuscito a comporre una canzone che funziona perfettamente grazie alla sua semplicità. A volte la musica più semplice e spontanea funziona molto meglio di un brano pieno di orpelli, proprio come avviene nei poco più di tre minuti di durata di questa canzone.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.