GUNS N’ ROSES: Axl Rose contro Donald Trump, “La smetta di usare nostri pezzi ai suoi eventi”

Pubblicato il 05/11/2018

Axl Rose ieri ha attaccato duramente via social lo staff del Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per l’utilizzo non autorizzato di pezzi dei GUNS N’ ROSES durante la propria recente campagna elettorale:

“Solo per informarvi che i GUNS N’ ROSES, come molti altri artisti che si oppongono all’uso non autorizzato della propria musica a eventi politici, hanno formalmente richiesto che i loro brani non vengano usati ai raduni di Trump o a eventi a lui associati. Sfortunatamente, per la campagna di Trump stanno usando, senza autorizzazione degli artisti, dei permessi per la riproduzione di brani musicali nelle varie location che non erano stati pensati per vigliacchi motivi politici di questo tipo. Posso dire ‘merde’? Personalmente posso anche apprezzare il lato ironico di far ascoltare ai supporter di Trump dei pezzi di artisti che non sono dalla sua parte, ma non credo che molti di questi sostenitori afferrino la cosa e quando il tuo telefono esplode, perchè la gente sente ‘Sweet Child O’ Mine‘ a quegli eventi politici, allora come band sentiamo il bisogno di chiarire la nostra posizione”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.