HEAVY METAL – 50 anni di musica dura: il nuovo libro di Stefano Cerati

Pubblicato il 29/08/2019

In uscita il 9 settembre 2019 per Tsunami Edizioni il nuovo libro di Stefano Cerati, una poderosa storia dell’Heavy Metal dal 1968 ai giorni nostri.

La presentazione ufficiale è prevista il 13 settembre presso il Wizard Pub di Milano – Ripa di Porta Ticinese 69, alla presenza dell’autore.

“Per l’uomo della strada per molti anni l’heavy metal è stata quella musica grezza e rumorosa suonata da brutti ceffi ricoperti di borchie. E non neghiamo che quest’immagine da reietti o da fuorilegge un po’ ci fa piacere. Ma questa è solo la superficie e non arriva a capire il cuore di questo genere che non è solo musica, ma anche un proprio linguaggio espressivo fatto di vestiti, immagini, riferimenti letterari e cinematografici. L’heavy metal infatti è prima di tutto un atteggiamento, un modo di intendere la vita. L’heavy metal è una porta su mondi reali e immaginari dove si parla di epic fantasy, di fantascienza, di guerra, di morte, di politica e di Satana e lo si fa con cognizione di causa e profondità di intenti che ha solo un grande filo conduttore: l’esplorazione del lato oscuro della natura umana. Fin dai tempi dei Led Zeppelin e Black Sabbath, padri fondatori del genere e nati entrambi nel 1968, l’heavy metal è stata una musica scomoda, bistrattata e aspramente ridicolizzata dalla critica impegnata ma è diventata presto la beniamina di una o più generazioni di ribelli, di persone che si sentono “contro” dentro e che sono appagate dallo sfoggio di potenza eroica e da un volume insostenibile. Nel tempo questo genere si è evoluto, trasformato e rinnovato attraverso molte correnti diverse, cambiando faccia, ma rimanendo sempre vitale grazie non solo a grandi interpreti che ne perpetuano la sua eccellenza come Iron Maiden, Metallica, Slayer, AC/DC o Rammstein ma anche a migliaia di altre formazioni più piccole e meno note, ma non meno importanti.
Questo libro racconta idealmente tutte le sfumature dell’heavy metal, non è la sua storia, ma l’analisi delle sue caratteristiche, dei suoi tanti contatti con l’arte, il teatro, la letteratura, il cinema e i fumetti che lo hanno portato a diventare la musica più diffusa nel mondo. E parla del suo impatto economico e sociale e della sua rilevanza nella cultura popolare. Heavy Metal è la chiave per entrare in un mondo nuovo, cupo, horror e affascinante come un thriller o un romanzo hard boiled. E alla fine, capendo la sua filosofia, potrebbe pure piacervi la musica”.
Stefano Cerati

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.