HELLYEAH: la lettera aperta di Tom Maxwell a Vinnie Paul nell’anniversario della scomparsa

Pubblicato il 23/06/2019

Il 22 giugno 2018, a soli 54 anni, Vinne Paul Abbott (HELLYEAH, PANTERA) moriva nel sonno stroncato da un infarto. A un anno dalla sua scomparsa, il chitarrista degli HELLYEAH e suo ex compagno di band Tom Maxwell ha voluto ricordarlo con una lettera aperta, che riportiamo in traduzione:

Vince,

in un battito di ciglia è cambiato tutto. Ti scrivo questa lettera per dirti quanto mi manchi e quanto ti voglio bene. Non avrei mai potuto immaginare che non saresti più stato con noi.

Abbiamo perso così tanto quando ci hai lasciati. Il tuo sorriso, la tua risata contagiosa, la tua premura costante per chi ti stava attorno. Tutto è cambiato, adesso. Sono rimasti solo i cocci della famiglia che eravamo. Ci è sembrato che ogni giorno fosse più duro del precedente. E’ dura anche solo sapere che non sei lì a tenerci su tutti quanti e a rendere tutto migliore anche con la più semplice delle cose che eri solito fare. E’ dura svegliarsi e cercare di navigare attraverso acque così oscure. Stiamo facendo del nostro meglio, certi giorni va meglio, certi altri no. Il dolore non è altro che amore senza un posto dove andare ed è così che mi sento, a volte. 

Il nostro disco uscirà presto e so che ne saresti stato dannatamente fiero. Ci siamo impegnati per progettare questo disco e per onorare la tua memoria, e per fare tutto quello che avresti voluto facessimo. Ma non è facile. La passione si è annacquata e in certi momenti l’abbiamo quasi persa, ma alla fine penso solo a quanto tu saresti dispiaciuto se non andassimo avanti.  Posso solo immaginare quanto lo saresti.

Passo giorni e a volte settimane senza nemmeno guardare una chitarra. Il mio desiderio e la mia voglia di tutto questo soffre molto, ma so che passerà. O almeno lo spero. Forse tornare in tour e circondarmi della famiglia degli HELLYEAH mi aiuterà a resuscitare il mio amore per la musica e la chitarra. So che è ciò che vorresti da me e da tutti gli altri. Eri sempre così positivo e non eri il tipo da lasciarsi andare alla negatività. Ci sto provando: ci stiamo provando tutti.

Ti amiamo Vince, ci manchi terribilmente. Rimetterò in testa il mio cappello, mi allaccerò le Converse, metterò in spalla la mia chitarra e ce la metterò tutta per spaccare e rappresentare gli HELLYEAH al meglio delle mie possibilità.

Grazie per esserci sempre stato per me. Grazie per avermi sempre incoraggiato, per avermi fatto entrare nella tua vita e soprattutto per essere stato per me un caro amico. Ti voglio bene e spero che un giorno ci rivedremo da un’altra parte. Fino ad allora,

Il tuo amico, Maxwell

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.