JESTER BEAST: ristampa per ‘Destroy After Use’

Pubblicato il 04/05/2010

Riceviamo e pubblichiamo:

F.O.A.D. Records è orgogliosa di annunciare:
 
JESTER BEAST  –  "Destroy after use" 12" (14/05/2010)

1988: un classico imperdibile del Thrashcore made in Italy più feroce e di impatto, sparato a velocità incredibili per quegli anni. Riacquisito dalla bobina originale nello studio dove era stato registrato, e masterizzato al top della qualità possibile sotto la diretta supervisione del gruppo. 
 
www.foadrecords.it
 
Puoi prenotare la tua copia scrivendo a:  foadrecords@gmail.com
 
Fuori il 14 di Maggio, le prime copie saranno in vendita a:

::VENERDI’ 14 MAGGIO::
–  "La Noche de la Santa Muerte" festival al "Taurus" di Ciriè (TO)
con CRIPPLE BASTARDS, DSA COMMANDO, WRATH OF BLOOD
 
::SABATO 15 MAGGIO::
Wolves In The Throne Room live al Koko Club di Castelletto Cervo (BI)
 
 
JESTER BEAST
 
i JESTER BEAST si formarono a Torino nel 1983. La formazione originale registrò un demotape e un pezzo pubblicato sulla compilation LP "Heavy Metal Made in Italy" (1985, Shirak Records) ma non durò a lungo a causa della scomparsa del chitarrista fondatore Attilio, morto in un tragico incidente. L’unico componente che proseguì fu il batterista Tony, che rimise in piedi la band con l’aiuto di C.C. Muz, Keeodo (entrambi provenienti dai Tomahawk) e del cantante Steo Zapp.  Tra i vari cambi di line-up i JESTER videro tra le proprie file dei colossi assoluti dell’Hardcore torinese come Tax dei Negazione e Orlando (Declino, 5# Braccio, Negazione, Kollettivo).  Nel 1988 la band incise il capolavoro "Destroy after use" al Minirec Studio di Torino, pubblicato come demo in cassetta e circolato in migliaia di copie.  Ecco come i JESTER descrivevano il loro stile in una pagina promo che mandavano in giro all’epoca:  "J.B.’s lyrics and music are from experience ripened across many years, being the result of the musical tastes of each of us, from Thrash Metal to the fastest Hardcore. All  with the addition of our way of life and thinking. The lyrics don’t speak about muscles, women or the devil, they are the vision and thoughts of a beast that observes, with his jester eye, the stupidity of man."
"Destroy after use" fu uno dei capitoli più incisivi nella storia del gruppo grazie al suo sound aggressivo e diretto, che combinava la carica thrash degli Slayer a passaggi più Voivodiani e soprattutto a una miscela di Thrash-core furibondo per chi all’epoca strippava per Wehrmacht, Carnivore, D.R.I. e Crumsuckers.  Il demo ebbe un grande seguito e fu presentato benissimo da tutte le riviste e fanze underground di quel periodo, a tal punto che la Nuclear Blast Records ne estrapolò 3 brani per la compilation "Pleasures in life" in triplo LP. Ai Jester si spianò la strada per concerti e tour con nomi del calibro di MORBID ANGEL, ACCUSED, CORONER, CRO-MAGS, DISMEMBER e la lista prosegue!  La loro carica Thrash-core (o meglio "freak-core" come la definivano loro) si sviluppò ulteriormente sul successivo album "Poetical freakscream" e sul mini LP "Serial killer", ma questa è un’altra storia..
A 17 anni di distanza la "bestia" è finalmente tornata in vita con una formazione di massimo rispetto: C.C. Muz alla chitarra, Steo Zapp alla voce, Marco Klemenz (ex Nerorgasmo) al basso e Sergio (ex Woptime, Mindsnare) alla batteria.  Il ritorno ufficiale sui palchi è in programma per SABATO 5 Giugno al CSA Dordoni di Cremona, come headliner del festival "FOAD THRASHCORE" organizzato da FOAD Records.  In cantiere per i Jester c’è anche un album nuovo. 
 
http://www.myspace.com/jesterbeasttorino 

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.