JOHN PETRUCCI, JOE SATRIANI, STEVE LUKATHER e molti altri chitarristi in una raccolta fondi per JASON BECKER

Pubblicato il 23/03/2021

 

Il chitarrista dei DRAGONFORCE, Herman Li, ha organizzato una raccolta fondi e uno show in live streaming con alcuni dei più grandi chitarristi del mondo, per supportare il chitarrista e compositore Jason Becker che convive con la SLA da oltre 30 anni e continua a comporre e registrare musica.

L’evento si terrà tra marzo e aprile ogni lunedì e venerdì alle ore 21:00 italiane, sul canale Twitch di Herman Li. Tutti i fondi raccolti saranno trasferiti al medico di fiducia di Jason. Finora sono stati raccolti oltre 3.000 dollari.

Gli artisti doneranno chitarre autografate, merchandising e altri oggetti rari che verranno venduti tramite lo shop online Reverb.

Tre delle chitarre più importanti di Jason saranno messe all’asta entro la fine dell’anno, comprese le chitarre che appaiono sulle copertine di “Perpetual Burn” e “Speed ​​Metal Symphony” e la “Numbers” suonata da Eddie Van Halen.

Tra i musicisti che partecipano alla raccolta fondi figurano John Petrucci, Joe Satriani, Steve Lukather, Marty Friedman, Steve Vai, Devin Townsend. La lista completa degli ospiti è disponibile ai seguenti link: www.Jasonbecker.com e twitch.tv/hermanli.

Herman Li afferma:

“Sono un grande fan di Jason Becker sin da quando ero giovane, ed è uno dei più grandi onori della mia vita essere in grado di aiutare a organizzare questo tributo e raccogliere fondi per lui. Ho ancora un poster di Jason Becker nel mio studio a Londra. È stato molto stimolante vedere tutti riunirsi per celebrare Jason“.

Becker ha commentato:

“Sono così grato per tutto l’amore e il sostegno che tutti hanno dato a me e alla mia famiglia. Per quanto riguarda la tristezza che deriva dal mettere in vendita le mie chitarre e il fatto che non dovrei farlo, voglio che sappiate come mi sento. Mi rende felice vedere gli altri suonare la mia musica. Mi sento bene nel lasciare ad altri le mie chitarre, pensando che significhino qualcosa per loro. Io non posso più suonarle, ma altre persone sì. È una gran cosa. Vorrei inoltre che io e la mia famiglia non dovessimo più preoccuparci dei soldi, se possibile. Grazie per tutto l’amore. Ve lo rimando indietro.”

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.