KISS: Gene Simmons, “I giovani hanno ucciso il rock”

Pubblicato il 07/02/2021

Artista: KISS | Fotografo: Enrico Dal Boni | Data: 16 maggio 2017 | Venue: Unipol Arena | Città: Bologna

 

Il bassista e cantante dei KISS, Gene Simmons, in una recente intervista rilasciata alla radio newyorkese Q104.3 è tornato a parlare del perchè secondo lui “il rock è morto“. Stando a quanto dichiara l’artista, la colpa è del massiccio uso da parte dei giovani fan prima del download illegale e poi dei servizi digitali e di streaming, al posto dell’acquisto di album nel classico formato fisico:

“I colpevoli sono i giovani fan. Avete ammazzato la cosa che amate. Perché non appena è arrivato lo streaming, avete tolto una possibilità alle future grandi band che sono rimaste lì nell’ombra, che non possono lasciare il loro lavoro quotidiano, perché ora non si guadagna un centesimo pubblicando musica. Si prende un centesimo o un millesimo di penny per ascolto. Devi avere milioni e milioni e persino miliardi di download prima di poter guadagnare qualche soldo. E i fan hanno ucciso tutto quanto e il business è morto. E questo significa che i prossimi BEATLES o i prossimi ‘chiunque’ non avranno mai la possibilità che abbiamo avuto noi. Avevamo case discografiche che ci davano milioni di dollari in modo da poter fare dischi e tour, senza preoccuparci di dover fare un lavoro dalle nove alle cinque. Quando sei impegnato dalle nove alle cinque, non hai il tempo per dedicarti alla tua arte, qualunque essa sia.

Quindi, facciamo un gioco. Dal 1958 al 1988, sono 30 anni. Durante quel periodo, c’erano ELVIS PRESLEY, THE BEATLES, JIMI HENDRIX, THE ROLLING STONES… migliaia di band. C’erano DAVID BOWIE, PRINCE, U2, forse noi KISS negli anni ’70, AC/DC, METALLICA e così via. E nella disco c’era MADONNA, c’era la Motown e c’era della grande musica afroamericana. Dal 1988 fino ad oggi, chi sono i nuovi BEATLES? Sono più di 30 anni. È più o meno il periodo in cui Napster e tutte quelle cose hanno iniziato ad operare. La volpe entra e ruba il primo uovo dal pollaio e quando la volpe non viene uccisa, tutte le altre volpi dicono: ‘Ehi, possiamo prendere le uova gratuitamente’. Prima che tu te ne accorga, l’agricoltore fallisce e non ci sono più uova nei negozi di alimentari. Il negozio di alimentari fallisce, i camion che consegnano i polli e le uova falliscono, solo perché non hai ucciso la prima volpe che è entrata per rubare le uova”

 

 

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.