MAYHEM: Necrobutcher, “Stavo per andare a uccidere Euronymous ma Varg mi anticipò”

Pubblicato il 16/10/2019

In una recente intervista rilasciata a Consequence of Sound, il bassista dei MAYHEM, Jørn “Necrobutcher” Stubberud, ha ammesso che aveva lui stesso in mente di uccidere l’allora leader della band, Euronymous, ma nel 1993 venne anticipato da Varg Vikernes (BURZUM), il quale assassinò Euronymous accoltellandolo.

Jørn ‘Necrobutcher’ Stubberud all’epoca era stato sostituito proprio da Varg Vikernes per le registrazioni del primo album, “De Mysteriis Dom Sathanas“.

Ecco la sua dichiarazione:

“Il nostro fratello Per ‘Dead’ Ohlin decise di togliersi la vita e io fui molto colpito dalla cosa. Provai tristezza per molto tempo e anche ora, in realtà, ne provo. Il primo anno però fu particolarmente duro, specialmente per via del fatto che il mio ‘amico’ Euronymous aveva fatto delle cazzo di foto al suo cadavere. Questo non aiutò certo a placare il dolore che provavo. Volevo superare questa cosa uccidendo io stesso quel vigliacco di Euronymous. Arrivò però il karma, perchè lui mi aveva accoltellato alle spalle chiamando Varg Vikernes per suonare sull’album… e poi sapiamo cosa è successo. Ho atteso molti anni ma ora posso dirlo: io stesso stavo per andare ad ucciderlo. Quando lessi sui giornali dell’omicidio pensai: ‘Devo tornare a casa a togliere di mezzo tutte le armi e la droga che ho, perchè sarò il primo sospettato’. Non sapevo che la polizia norvegese fosse a conoscenza del fatto che anche Varg stesse andando ad ucciderlo. Avevano messo il suo telefono sotto controllo e lui aveva parlato di quell’omicidio prima di andare a Bergen, quindi la polizia doveva aver pensato che se non lo avessero incriminato per il rogo delle chiese, lo avrebbero preso per l’omicidio”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.