MEGADETH: il comunicato della band dopo le accuse a David Ellefson

Pubblicato il 11/05/2021

Dopo le accuse di molestie, pedofilia e adescamento di minori via internet ricevute dal bassista David Ellefson e la smentita sia sua che della ragazza che era stata indicata come presunta vittima, la band ha diffuso il seguente comunicato:

“Siamo a conoscenza delle recenti dichiarazioni riguardanti David Ellefson e stiamo osservando attentamente gli sviluppi.
Per quanto riguarda il lato artistico e gli affari, ci conosciamo tutti. Tuttavia, ci sono chiaramente aspetti della vita privata di David che ha tenuto per sé.
Mentre attendiamo gli sviluppi di questa situazione è importante che tutte le voci vengano ascoltate in modo chiaro e rispettoso. Confidiamo che la verità venga alla luce”.

Ricordiamo che, come riportato dagli screenshot pubblicati da Metaladdicts,  tutto era partito da un account Instagram di una persona che avrebbe accusato il musicista di aver adescato online una sua amica diciassettenne, di averle fatto delle videochiamate e aver inviato a lei e ad altri giovani fan delle foto dei propri genitali e altri contenuti osceni. Le accuse sarebbero state accompagnate anche da dei video osceni pubblicati su Twitter.

La giovane che avrebbe avuto rapporti con Ellefson ha a sua volta diffuso il seguente messaggio via Instagram:

“Sono la ragazza di cui la gente sta parlando nei post su David Ellefson e voglio solo raccontare la mia versione della storia, perché le persone condividono informazioni sbagliate e la situazione sta sfuggendo di mano senza che venga detta la verità.
Sì, quelle videochiamate sono avvenute, ma sono stata io a iniziarle e non ero minorenne, sono sempre stata un’adulta consenziente. Prima di allora non era mai successo niente di inappropriato. È stato tutto consensuale. Non sono una vittima e non sono stata adescata minimamente, perché sono stata io a iniziare. Sono stata così ingenua da registrare [le conversazioni] e condividere con un amico senza il suo permesso. Alla fine, è stato tutto consensuale e tutto online.
Non so come si sia arrivati a questo punto, ma molte informazioni vengono tralasciate dalle persone che cercano di proposito di fargli del male. Chiedo a chiunque condivida questi video personali privati ​​o qualsiasi informazione errata su di essi, di smetterla”.

David Ellefson, cinquantaseienne pastore luterano e sposato da 27 anni con una donna di nome Julie, ha dichiarato quanto segue via Instagram:

“Cari fan e amici,
Come forse saprete, alcune mie conversazioni e interazioni private e personali sono emerse online, rilasciate con cattiva intenzione da una terza parte che non era autorizzata ad averle o condividerle. Anche se è certamente imbarazzante, voglio parlarne il più apertamente e onestamente possibile.
Per quanto non sia qualcosa di cui sono orgoglioso, queste erano interazioni private e tra adulti che sono state estrapolate dal contesto e manipolate per infliggere il massimo danno alla mia reputazione, alla mia carriera e alla mia famiglia.
L’altra parte coinvolta ha rilasciato una dichiarazione che potete vedere di seguito. La ringrazio per averlo fatto e spero che questo chiarisca che la situazione non era affatto come presentata.
David Ellefson

Il post condiviso da Ellefson:

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.