MEGADETH: Marty Friedman parla dei motivi per cui non rientrò nella band

Pubblicato il 09/09/2020

L’ex chitarrista dei MEGADETH, Marty Friedman, nel nuovo libro di Dave Mustaine, “Rust In Peace: The Inside Story Of The Megadeth Masterpiece“, ha parlato della mancata reunion con la band nel 2015, alla quale avrebbe dovuto partecipare anche Nick Menza, ricostituendo così la formazione dell’album-capolavoro “Rust In Peace“:

“Il motivo principale, per quanto mi riguarda, fu il fatto che non ero disposto a prendere meno soldi di quelli che guadagnavo con le mie attività. Vivevo in Giappone da più di dieci anni, coltivando una carriera che garantiva ottimi guadagni non solo per me ma anche per il mio management e il mio staff. Il mio manager era al mio fianco da quindici anni. Tutto era molto ben avviato e quando arrivò l’offerta di rientrare nei MEGADETH, io sarei stato pronto per farlo, se però questo non avesse comportato prendere meno soldi. Non avrei accettato di guadagnare meno per suonare in una band che, francamente, in quel momento dal punto di vista musicale non aveva molto da offrire. Un paio di membri del gruppo erano da poco andati via e io non avevo ascoltato nulla di quello che avevano fatto negli ultimi anni. Non sapevo di quanto ancora il gruppo fosse rilevante, perchè non era una band di cui parlavano tutti, almeno in Giappone. Lì la gente non mi collegava più ai MEGADETH ma a quello che avevo fatto come solista. […] Per quanto mi riguarda, se la cosa fosse stata più una situazione con la band in quanto tale al centro di tutto e non una sorta di festa per una one-man-band di Dave Mustaine, allora avrei anche potuto partecipare con un compenso un po’ inferiore rispetto a quello che guadagnavo come solista. Alla fine però i MEGADETH sono Mustaine, perchè è così che lui li ha creati. Non vedevo lo spirito di squadra che c’era in altri quartetti come THE BEATLES, KISS, METALLICA. Sentii che sarebbe stato più dare un contributo al grande successo di Dave Mustaine, quindi pensai: ‘Se lo faccio, non lo faccio certo perdendoci dei soldi’”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.