METAL VALLEY OPEN AIR 2009: tutto sul nuovo festival

Pubblicato il 14/06/2009

A cura di Alessandro Corno

 

 

 

Quante volte si sentono lamentele sul fatto che in Italia ci sono pochi festival dedicati alla musica metal rispetto ad altri stati, Germania su tutti? Ebbene, ogni tanto però accade che qualcuno si armi di pazienza e tanta determinazione e decida di fondare un nuovo evento, cercando così di offrire un’alternativa ai pochi open air presenti nel nostro paese. Questa volta quel "qualcuno" sono i Sadist ed in particolare il loro frontman Trevor, che ha spinto per la realizzazione di un evento in una location particolare: Rossiglione, un paese dell’entroterra ligure immerso nella natura. Metalitalia.com, partner dell’evento, ha scambiato due chiacchiere proprio con il cantante circa la nascita del Metal Valley Open Air e le caratteristiche che rendono unico questo appuntamento.

CIAO TREVOR, VUOI RACCONTARCI INNANZITUTTO COME È NATA L’IDEA DI FONDARE QUESTO NUOVO FESTIVAL?
"Può sembrare scontato o uno stereotipo, ma alla fine il perchè del Metal Valley Open Air è la grande passione. Abbiamo voglia di metterci in gioco con questo nuovo meeting, specie in una terra come quella ligure dove è molta la gente che segue e supporta la scena, ma dove purtroppo gli spazi sono sempre troppo pochi… Non abbiamo nessuna velleità, se non quella di fare le cose al meglio e vogliamo crescere poco alla volta insieme al festival".

LA LOCATION È ABBASTANZA INSOLITA. CON QUALI CRITERI L’AVETE SCELTA?
"Rossiglione è una piccola ed accogliente località dell’entroterra ligure, avvolta da fitta vegetazione, un’oasi naturale e poi, cosa molto importante, è il mio paese, dove vivo tuttora… Avevo e ho voglia di fare qualcosa di molto importante per lo stesso e anche logisticamente non possiamo lamentarci: per chi arriverà da nord (MI-TO) sull’autostrada per Ventimiglia troverà l’uscita Ovada, che dista 9 km da Rossiglione; per chi arriverà da sud (GE-FI), seguendo le indicazioni per Alessandria, l’uscita sarà quella di Masone, a 8 km dalla meta. A 40 km da Genova, 35 da Alessandria, a un’ora di macchina da Milano e Torino: non ci sono giustificazioni per mancare al Metal Valley Open Air!!!".

COME MAI AVETE SCELTO DI STARE LONTANI DALLE CITTÀ DOVE GENERALMENTE SI TENGONO I CONCERTI, COME MILANO O BOLOGNA?
"Le ragioni sono diverse: per primo come già detto c’è la mia volontà, quella di poter far crescere un nuovo appuntamento a casa mia; e poi la nostra intenzione è quella di mettere in piedi un qualcosa che sia più a misura d’uomo, lontano dalla vita caotica delle grandi città, lontano dallo stress. Vogliamo che i ragazzi si possano divertire anche oltre la musica…".

QUALI SONO LE DIFFICOLTÀ MAGGIORI CHE SI INCONTRANO DURANTE L’ORGANIZZAZIONE DELLA PRIMA EDIZIONE DI UN FESTIVAL?
"Mi sa che dobbiamo ripetere l’intervista a fine festival (risate, ndR)! Dai, scherzi a parte, a conclusione di tutto tireremo le somme e faremo una critica analisi, dove non mancheranno gli errori e i rimorsi; ma l’importante è che da parte di tutti noi ci sia il massimo impegno, il resto non conta. Sbagliare è umano, solo andando avanti si migliora… Siamo pronti ad investire e non rientrare da quanto speso, ma alle critiche da parte delle band e del pubblico no. Cercheremo di fare tutto nel migliore dei modi, vogliamo creare un ambiente cordiale e ospitale per tutti".

COSA OFFRE IL METAL VALLEY IN PIÙ DI UN NORMALE FESTIVAL? QUAL È LA SUA PARTICOLARITÀ?
"Spero solo che possa offrire divertimento e una giornata di metal ai ragazzi!!! Oltre questo? Belle ragazze, ottima cucina ligure, passeggiate nel verde per chi vuole conoscere meglio queste bellissime terre… Insomma, venite e non ve pentirete!".

DESCRIVICI COME VERRÀ ORGANIZZATA L’AREA CONCERTO. AVETE PREVISTO DEGLI STAND AGGIUNTIVI OLTRE AL MERCHANDISING UFFICIALE?
"L’Area Expo sarà letteralmente stravolta. Lo spazio a disposizione sarà allestito a sorta di arena e all’interno della stessa, di contorno alla musica, ci saranno diversi stand, molti di questi inerenti e consoni alla giornata: magazine, label, tattoo, piercing, music store. Altri invece saranno dedicati ai prodotti tipici della valle, dai vini ai formaggi e così via… stiamo cercando di creare un vero e proprio luogo d’incontro, dove le attrative andranno oltre la buona musica".

A LIVELLO DI COLLEGAMENTI E SERVIZI, QUALI CAMPEGGIO E HOTEL, COME È ATTREZZATA L’AREA CIRCOSTANTE IL FESTIVAL?
"A circa 3 km di distanza dall’area concerto si trova lo spettacolare Camping Monterosso, una vera e propria oasi immersa nella natura selvaggia tra pinete e acque limpidissime, a dimostrazione che anche nella nostra penisola, in quanto a bellezza naturale, ci difendiamo e molto bene. Altra possibilità di campeggio la troviamo distante 4 km, presso l’ampio park-hotel Bellagio. Per chi invece preferisce un sonno più tranquillo e rilassato, ci sono diversi agriturismi convenzionati, dove potrete gustare i prodotti tipici di queste valli (roba da buongustai). Mi raccomando, buttate un occhio sulle news di Metalitalia.com perchè a breve vi faremo avere l’elenco dettagliato degli stessi".

UNA COSA CHE STA A CUORE AI FAN VISTO IL CALDO DEL PERIODO… QUANTO COSTERÀ LA BIRRA? SCHERZI A PARTE, SPERO NON CI SARANNO I SOLITI PREZZI DI FUOCO PER QUANTO RIGUARDA CIBO O BEVANDE…
"I ragazzi non si dovranno preoccupare, i prezzi saranno davvero popolari. Come detto in precedenza, siamo pronti e preparati ad investire e non poco, quello che però ci preme è non aver il dito puntato. Insomma, cercheremo di fare tutto nel meglio nelle nostre possibilità, facendo in modo che tutti siano soddisfatti. Saranno previsti fiumi di birra e stand gastronomici e poi ottima carne alla griglia… Partner dell’evento molto probabilmente sarà anche un birrificio che produce dell’ottima birra artigianale, che senza nulla togliere ai più famosi marchi internazionali, essendo di produzione propria, ha tutt’altro sapore e gusto. Fidatevi, nessuno rimarrà all’asciutto o denutrito. Nonostante siamo genovesi abbiamo dato dimostrazione del contrario: il prezzo del biglietto è popolare, non credete (16,50 € su Ticketone, ndR)??? Forse qualcuno si è sbagliato su Genova (risate, ndR)!".
 
PASSIAMO AL BILL. LA PRIMA E OVVIA DOMANDA È: COME MAI NON SUONANO I SADIST?
"Credo fortemente che se vuoi fare le cose al meglio non puoi far tutto, qualcosa dev’essere sacrificato. Era difficile voler organizzare tale evento e nel frattempo pensare anche al concerto dei Sadist. Abbiamo preferito dedicare tutte le nostre energie solo ed esclusivamente all’organizzazione. A dirla tutta poi, con i Sadist è un momento di massima concentrazione rivolto al prossimo album. Infatti, festival fuori Italia a parte, abbiamo deciso di rinviare tutte le proposte nel nostro paese a quando uscirà l’ultimo full length".

COME AVETE SCELTO I GRUPPI? LA SCALETTA È COMPOSTA DA GRUPPI ESTREMI. IL METAL VALLEY È STATO QUINDI CONCEPITO COME UN FESTIVAL DEDICATO AL METAL ESTREMO?
"Con tutte le band che saranno presenti al Metal Valley c’è un rapporto che va oltre il lato professionale. Volevamo invitare a questa prima edizione band come gli Entombed, con cui abbiamo condiviso momenti divertenti. Al momento della scelta dell’headliner, la decisione è caduta proprio sulla band svedese. Oltre ad avere una grande stima e rispetto per quello che hanno rappresentato nella storia della musica estrema, siamo sempre molto felici nel riabbracciare Alex & C.. Lo stesso discorso vale per tutte le altre compagini. Estremo o no, il Metal Valley Open Air è un festival metal e questo è quello che più conta!!!".

CI SARÀ QUALCHE ALTRA AGGIUNTA?
"Nonostante siano arrivate davvero tante proposte, e per questo ringrazio tutti coloro che hanno mandato mail o messaggi, il bill è chiuso da tempo. Avremmo voluto fare più giornate, ma per quest’anno va bene così. Chissà il prossimo anno…".

NOTO CHE AVETE INVITATO I NECRODEATH. SAPEVO CHE PESO AVEVA AVUTO QUALCHE SCREZIO CON I MEMBRI DEI SADIST QUANDO USCÌ DALLA BAND. COME SONO ORA I RAPPORTI TRA LE DUE PARTI?
"Come sempre, il tempo e gli anni aggiustano tutto. Sono cose successe davvero in età preistorica; in Italia perdoniamo chi uccide un bambino, figuriamoci qualche piccolo screzio adolescenziale. Detto questo, con i Necrodeath c’è un buon rapporto come con tutte le altre band e ci sembrava giusto e doveroso chiamare in causa una band importante, specie a Genova e in Liguria".

QUALI SONO INVECE I PROGETTI FUTURI IN CASA SADIST?
"Ho già anticipato qualche riga fa su quello che sta succedendo, ovverosia l’impegno rivolto al nuovo disco. Siamo in fase di realizzazione e arrangiamento dei brani, al momento sono una decina e, anche se prematuro, già dai primi ascolti siamo soddisfatti di quello che sta nascendo. Per ciò che concerne il live, abbiamo qualche festival fuori dal nostro Paese. A fine giugno saremo al Volnitca Metal Fest in Ucraina, mentre la settimana successiva, in compagnia dei nostri amici Cynic, approderemo ad Atene in Grecia per un altro evento. A luglio poi faremo visita in terra russa e precisamente a Mosca, mentre ad agosto saremo headliner dell’ultima giornata del Metal Heads Mission Fest in Crimea. Insomma, carne al fuoco ce n’è molta… Come dico sempre: le giornate dovrebbero essere di 100 ore!".

GRAZIE TREVOR, A TE LE ULTIME PAROLE…
"Cosa posso aggiungere, se non un grazie di rito per lo spazio prestato? E poi un invito a tutti i ragazzi: venite al Metal Valley Open Air, sono certo che ci sarà da divertirsi! Le band vi aspettano sotto il palco e come sempre: IN ALTO IL NOSTRO SALUTO!".

 

 

Visita la pagina MySpace del festival.

 

1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.