METALITALIA PODCAST: parliamo di #ultimoconcerto con Cristina Scabbia dei LACUNA COIL e Paolo Colavolpe dei DESTRAGE

Pubblicato il 28/02/2021

Sta facendo molto discutere l’iniziativa #ULTIMOCONCERTO, che con il suo atto finale tenutosi ieri alle ore 21:00 è diventata il più grande flashmob digitale mai realizzato in Italia in campo musicale. La campagna, promossa da KeepOn Live, Arci e Assomusica aveva come scopo quello di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni circa la difficile situazione che i live club italiani stanno vivendo ormai da un anno.

Sono stati coinvolti oltre 130 locali e altrettanti artisti italiani, tra cui LACUNA COIL, LIGABUE, CAPAREZZA, ROBY FACCHINETTI, DIODATO, MARLENE KUNTZ, SUBSONICA, MANUELAGNELLI, PINGUINI TATTICI NUCLEARI,  DESTRAGE e molti altri. I locali nelle scorse settimane avevano annunciato degli “Ultimi Concerti” che si sarebbero dovuti svolgere in live streaming su www.ultimoconcerto.it. Gli oltre 100.000 utenti che si sono connessi si aspettavano quindi di vedere degli show ma, allo scoccare dell’ora prestabilita, è invece comparso sul sito un lungo elenco di video pre-registrati, con i quali le band e i cantautori coinvolti si sono uniti alla causa, trasmettendo all’unisono un messaggio che sottolinea una crisi senza precedenti dei locali italiani.

Abbiamo parlato con Cristina Scabbia dei LACUNA COIL, Paolo Colavolpe dei DESTRAGE e con Laura Ciraudo del Live Club di Trezzo sull’Adda del loro coinvolgimento, delle motivazioni e del significato di questa grande campagna nel nuovo episodio del nostro Metalitalia Podcast. Conduce Jacopo Casati, giornalista musicale e digital strategist.

Il podcast è disponibile su Spotify, Apple Music, Google Podcasts, YouTube, Deezer, Spreaker e molti altri. A breve sarà disponibile anche su Amazon Music / Audible.

 

 

A questo indirizzo il comunicato stampa ufficiale pubblicato dopo la campagna #ultimoconcerto.

Il video finale:

Il Prossimo Concerto.

Vi aspettavate di vedere un concerto, invece vi siete trovati davanti a un muro di silenzio. Non vi abbiamo preso in giro. I vostri artisti non vi hanno voluto fare un brutto scherzo.Abbiamo voluto trasmettervi un messaggio.Farvi capire qual è la situazione in cui ci troviamo.Da un anno, siamo obbligati al silenzio e cerchiamo di galleggiare, di preservarci per un futuro che ogni giorno sembra allontanarsi. Abbiamo voluto condividere con voi queste sensazioni e, con ancora questo sapore amaro in gola, vi chiediamo tutto il supporto e la comprensione di cui abbiamo bisogno. Un grazie immenso a tutti gli artisti che hanno preso parte a questa iniziativa.È stato emozionante rivederli nelle varie forme, ancora una volta qui, sui nostri palchi, nelle scorse settimane. E’ stato un colpo al cuore per tutti noi avere l’occasione di riaccendere le luci, i microfoni, le casse, anche solo per poche ore. Questa era la nostra vita fino a un anno fa e vogliamo tornare a viverla. Con voi. Per farlo ora più che mai abbiamo bisogno di essere riconosciuti, di essere adeguatamente sostenuti e promossi, desideriamo essere citati come luoghi di cultura, al pari di cinema e teatri, e non scomparire nel silenzio.Grazie quindi per la vostra partecipazione, per il vostro incoraggiamento, e per la vostra presenza qui, ora, in questo momento che ci auguriamo possa rappresentare una svolta. UN CONCERTO SENZA MUSICA NON È UN CONCERTO. UN LIVE CLUB IN SILENZIO NON È UN LIVE CLUB.Da oggi inizia per noi una nuova fase, da oggi vogliamo parlare del PROSSIMO CONCERTO.Tutti i video di ogni locale li trovate in questa playlist YouTube:https://www.youtube.com/playlist?list=PLkAx75TrRwKM0Z_GN2CyN1WaJDcBFFvdw Abbiamo bisogno di tutti voi! Continuate a seguirci suwww.ultimoconcerto.it#ultimoconcerto#prossimoconcerto

Posted by L'Ultimo Concerto on Saturday, February 27, 2021

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.