MIKE PORTNOY: “Delle ottantasette band che ho avuto ne ho lasciate solo due”

Pubblicato il 05/08/2017

Che Mike Portnoy sia iperattivo sul piano musicale non è un mistero. Da quando ha lasciato i DREAM THEATER nel 2010, il batterista ha collaborato con numerose band e ha fondato un numero non indifferente di nuovi progetti: per citare solo alcune delle sue più note partecipazioni, ricordiamo AVENGED SEVENFOLDTHE WINERY DOGSADRENALINE MOBMETAL ALLEGIANCE e TWISTED SISTER, oltre ai recentissimi SONS OF APOLLO, presentati solo pochi giorni fa.

Tutto questo darsi da fare, però sembra valere a Portnoy un certo biasimo da parte di alcuni suoi fan, secondo i quali avrebbe così tanti progetti da non riuscire a star dietro a nessuno di essi in modo continuativo. Portnoy ha risposto a queste critiche durante lo show radiofonico “Trunk Nation“:

“Sento ancora lamentele per questa cosa. Anche per quanto riguarda l’annuncio di questa settimana, quando abbiamo presentato la nuova band SONS OF APOLLO. Ho letto i commenti on line e vedo ancora post tipo ‘Oh mio dio! Ma in quante band vuole suonare Portnoy? Oh mio dio! Questa è tipo l’ottantasettesima band?’. Bla bla bla. Quindi è ancora un argomento con cui la gente si diverte ad infastidirmi. Ma il punto è che io riesco a gestirmi. Sono uno stakanovista e sono molto strategico nella coordinazione dei miei impegni di lavoro, facendo sì che tutto funzioni. Le persone si fanno idee sbagliate, pensano che io metta su una band e la lasci, poi un’altra e lasci anche quella.
Delle ottantasette band che ho avuto ne ho lasciate solo due. Una sono stati i DREAM THEATER, dopo venticinque anni, l’altra gli ADRENALINE MOB, perché non riuscivo a destreggiarmi tra tutte le cose che dovevo fare. Ma oltre a ciò, mi lego a tutto ciò di cui faccio parte e lo porto avanti. E se riesco a fare il giocoliere tra tutte queste band e farle funzionare, perché cazzo non dovrei farlo?”

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.