Monza: proteste dei residenti per un concerto metal in un centro sociale

Pubblicato il 10/11/2022

Come riportato da Monza Today, il Wasteland Brianza Metal Massacre con BARBARIAN, RABID, REJEKTS e WOJTEK in programma per Domenica 13 novembre 2022 nell’area occupata del FOA Boccaccio di Monza, sta creando tensioni tra gli abitanti della zona e l’amministrazione comunale.

Stando alle testimonianze raccolte dalla testata brianzola, la popolazione da tempo lamenta la difficile convivenza con il vicino centro sociale a causa dei comportamenti del pubblico che assiste ai concerti organizzati nell’area.

Un lettore di Monza Today aveva dichiarato:

“Da un anno a questa parte si verificano situazioni a dir poco insostenibili a causa delle manifestazioni organizzate dal Foa Boccaccio nella sede del loro centro sociale in via Timavo. In quelle occasioni è un caos, soprattutto in strada: la zona viene occupata da camper e da auto, con i mezzi parcheggiati anche in mezzo alla via. Ma si verificano anche comportamenti a dir poco disdicevoli con persone che non si fanno problemi a espletare i loro bisogni fisiologici anche in mezzo alla strada”.

Ora, sull’onda probabilmente di quanto accaduto per il rave di Modena e il relativo giro di vite normativo deciso dal Governo, i residenti nei dintorni del FOA Boccaccio hanno deciso di rivolgersi al comune, alle forze dell’ordine e anche al Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, a loro dire intimoriti dal fatto che il raduno metal possa in qualche modo trasformarsi appunto in un “rave”. Hanno dichiarato a Monza Today:

I residenti che hanno famiglie con i bambini piccoli, le persone che lavorano, che devono studiare e nel fine settimana hanno il diritto del giusto riposo nelle proprie case, non vogliono subire le angherie che il il rave comporterebbe”

Si attendono sviluppi.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da FOA Boccaccio (@foaboccaccio003)

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.