MÖTLEY CRÜE: botte in casa Lee

Pubblicato il 07/03/2018

Secondo quanto riportato da TMZ, il batterista dei MÖTLEY CRÜE, Tommy Lee, e suo figlio ventunenne Brandon avuto da Pamela Anderson sarebbero venuti alle mani. Non è noto cosa abbia scatenato il litigio ma stando a fonti riportate da TMZ, Tommy sarebbe stato ubriaco e Brandon avrebbe agito per legittima difesa. Lee ha invece dichiarato via Twitter che si trovava in camera da letto con la sua fidanzata Brittany Furlan, quando è entrato Brandon e lo ha aggredito, colpendolo e facendogli perdere i sensi prima si scappare dalla polizia.

Il fatto sarebbe accaduto presso l’abitazione di Tommy a Calabasas, California, e sul posto sarebbero anche arrivati degli agenti di polizia che però non avrebbero notificato reati. Il batterista è stato portato in ospedale, dal quale è stato dimesso poco dopo.

Ecco l’immagine che Tommy ha postato via social:

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.