MOTÖRHEAD: Mikkey Dee racconta il peggior show mai tenuto con la band

Pubblicato il 21/02/2021

In una recente intervista rilasciata a Drum for the Song Podcast, l’ex batterista dei MOTÖRHEAD, Mikkey Dee, ha parlato di quello che considera il peggior concerto mai fatto con la band:

“Abbiamo fatto quasi 5.000 concerti assieme, quindi è difficile da dire… forse però il più memorabile è anche quello peggiore e si tratta del Bloodstock 2011.
Fu assolutamente orrendo! E’ stato fantastico tornare a suonare a quel festival con gli SCORPIONS lo scorso anno e spaccare il culo a tutti. Ho anche detto in conferenza stampa: ‘Posso solo scusarmi per quello che successe nel 2011’.
Per farla breve, Lemmy stava male. Nulla di grave, aveva solo un raffreddore ma stava veramente male. Aveva la febbre, a malapena riusciva a parlare ed era di umore assolutamente pessimo. Mentre eravamo in auto diretti al festival, gli dissi: ‘Lemmy, dobbiamo cancellare lo show’, ma lui insistette per tenerlo comunque. Salimmo sul palco e al primo pezzo si si girò verso di me e mi disse: ‘Mikkey, figlio di puttana mi stai uccidendo! Rallenta, cazzo!’. Suonai ogni pezzo più lentamente di quanto avessi mai fatto prima.
Registrati tutto dal mixer, perchè lui a volte non si rendeva conto del tempo. Era veramente incazzato con me. Quando finimmo di suonare ‘Metropolis‘, ricordo che Phil stava cambiando chitarra e Lemmy venne dietro alla batteria e mi gridò che lo stavo uccidendo.
Io avevo un secchio di ghiaccio con un asciugamano dentro. Gli lanciai in faccia l’asciugamano col ghiaccio e tutto il resto. Gli dissi di fottersi e me ne andai dal palco verso i camerini, che erano a 200 metri di distanza. Entrai nel camerino, mi cambiai, andai in auto pronto per andarmene. Lemmy e Phil intanto continuarono a suonare ‘The Chase Is Better Than The Catch‘ e attaccarono anche il pezzo successivo. A quel punto Eddie venne da me e mi disse: ‘Mikkey, finisci lo show’. Tornai sul palco e finimmo il concerto ma fu orribile. Io continuai a lanciare bacchette e asciugamano a Lemmy durante lo show, mentre lui mi urlava dietro… terribile. Ed eravanmo anche headliner di un festival importante”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.