NIFELHEIM: ‘Avevamo approvato le nostre dichiarazioni!’

Pubblicato il 11/12/2008
Gli svedesi black metallers NIFELHEIM hanno pubblicato un nuovo comunicato stampa dove confermano che hanno approvato i commenti, rilasciati alla rivista svedese Sweden Rock magazine, dove loro screditavano la memoria del bassista defunto dei METALLICA, Cliff Burton, e del chitarrista, morto anch’egli, dei PANTERA/DAMAGEPLAN “Dimebag” Darrell Abbott.

BLABBERMOUTH.NET aveva infatti ricevuto un comunicato da qualcuno vicino ai NIFELHEIM (il web magazine pensa si tratti di un membro della band che parlava a nome del gruppo sebbene il gruppo abbia negato questo), attraverso il quale venivano divulgati i commenti secondo i quali “si trattava tutto di uno scherzo” fatto durante “conversazioni private” con dichiarazioni “prese fuori contesto”. Sweden Rock magazine ha fatto invece sapere che i NIFELHEIM “hanno approvato ogni singola frase prima della pubblicazione sulla rivista”, stando a quanto dichiarato dall’editore Thomas Väänänen. I NIFELHEIMhanno poi pubblicato l’unico comunicato “ufficiale” in merito a questa materia:

“L’articolo postato su  Blabbermouth [il 7 dicembre] NON è un comunicato ufficiale della nostra band” scrive il chitarrista del gruppo, Apocalyptic Desolator (nome vero: Johan Bergebäck). “Come NIFELHEIM abbiamo approvato l’intervista rilasciata al magazine Sweden Rock prima della pubblicazione”.

Niklas Göransson, l’intervistatore, insiste sul fatto che l’articolo fosse “accurato” in merito alle singole frasi che hanno scatenato il dibattito, e che le stesse sono state approvate dalla band prima della divulgazione.

“Dopo aver letto il presunto comunicato dei ‘NIFELHEIM‘ lo scorso Lunedì su Blabbermouth ho immediatamente chiamato Tyrant [bass; nome vero: Erik Gustavsson], Insulter [of Jesus Christ; drums; nome vero: Peter Stjärnvind] e Apocalyptic Desolator per chiedere delle spiegazioni,” scrive Göransson in un comunicato. “I tre sono rimasti sorpresi come me del resto, e hanno dichiarato di non sapere niente di quello scritto diffuso a nome della band. Visto che in qualche maniera quel comunicato screditava la mia rivista e anche me, ho chiesto loro di rettificare la situazione. Visto che è giunto ora la confermà della veridicità dell’intervista, possiamo quindi dichiarare che il comunicato inviato per dire ‘che si trattava di un gioco’ è un falso”.

PROSSIMI CONCERTI

23 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.