NIRYTH: Tom G. Warrior replica a Mia Wallace, “Ho co-fondato il progetto fin dal primo minuto”

Pubblicato il 30/05/2020

Tom G. Warrior non ha atteso a lungo per replicare alle dichiarazioni di Mia Wallace su quanto avvenuto in seno ai NIRYTH, il nuovo progetto che avrebbe dovuto vederli protagonisti assieme al batterista Pidi Leuenberger. Sul proprio blog personale, il musicista svizzero ha postato un lungo messaggio nel quale descrive la genesi del gruppo.

Mia Wallace, su Blabbermouth, oggi [parafrasato]: ‘le canzoni di Niryth sono tutte mie, rappresentano più di 20 anni delle mie idee’.

Sempre Wallace, nella stessa dichiarazione su Blabbermouth [parafrasato]: ‘i credits delle composizioni di Niryth sono stati registrati da Fischer e da me presso la GEMA come 50% Wallace / 50% Fischer (musica) e 100% Fischer (testi)’.

Quindi di che si tratta? Niryth è tutta musica di Wallace, scritta ‘in più di 20 anni’, o è in effetti una collaborazione in cui io – secondo la sua stessa affermazione! – ho scritto metà della musica e tutti i testi? Una collaborazione, le cui effettive quote di songwriting, come elencato sopra, sono state correttamente registrate presso la GEMA e l’editore musicale della band a Berlino dalla stessa Wallace, dal sottoscritto e dal manager di Niryth?

Beh, in realtà non solo ho scritto tutti i testi, ma ho anche co-scritto tutte le canzoni (alcune sono principalmente mie, altre principalmente sue). All’epoca, principalmente nel 2018, apparentemente lavoravamo in armonia creativa e i contributi di Wallace erano davvero estremamente validi. In effetti, questo è esattamente il motivo per cui ho finito per suonare in due band con lei! Oltre alle canzoni per le quali ha scritto la maggior parte dei riff (ad esempio, ‘Covenant’ o ‘Wounds I Bear’), ha anche creato delle linee armoniche davvero eccezionali. Ma lo stesso vale reciprocamente per le canzoni per le quali ho proposto la maggior parte della musica (ad esempio, ‘Violently Sleeping’ o ‘The Spell’) e che riflettono 39 anni delle mie idee. E nessuno qui ha mai negato questo o ha la minima intenzione di farlo in futuro.

Ho co-fondato Niryth con Wallace in un ristorante vicino all’aeroporto di Milano Malpensa, nel nord Italia, la sera del 27 agosto 2017. L’idea di una band con più bassi – simile alla mia prima band, i Grave Hill, nel 1982 – è stata mia, per esempio. Il progetto è nato quando Wallace ha espresso simili interessi per una nuova band. Dopo aver discusso una serie di idee, ho chiesto di farne parte fin dall’inizio. Il nome della band è stato creato qualche tempo dopo, da una delle amiche di Wallace, una giovane donna di nome Giulia Dulio, ad Arona, in Italia, sabato 18 novembre 2017.

La maggior parte delle prime sessioni di songwriting in Italia sono avvenute nella casa del batterista dei Triumph Of Death, Alessandro Comerio, il quale è stato uno dei primi membri dei Niryth e ha registrato queste sessioni iniziali. Ho fornito le location per la composizione in Svizzera e la sala prove a Zurigo, Svizzera, e ho regalato a Wallace numerosi strumenti ed effetti per chitarra / basso; questi sono stati successivamente utilizzati non solo per il songwriting e le prove, ma anche per gli altri progetti di Wallace, fino ad oggi. Mi sono occupato della maggior parte del lavoro di arrangiamento sulle nostre canzoni, convertendole da demo a materiale registrabile. In effetti, tale lavoro di arrangiamento si è protratto fino alle ultime sessioni di registrazione della voce.

Il batterista Pidi Leuenberger, successore di Alessandro Comerio, si è unito a Niryth domenica 3 giugno 2018.

Prowling Death Records, la casa discografica con sede nel Regno Unito che gestisco con il mio manager, Antje Lange, ha finanziato l’intera sessione di registrazione di Niryth dal 20 agosto 2018 al 22 febbraio 2019 e ha anche pagato il mixaggio, il mastering e coperto le spese di tutti i partecipanti. Come suo fidanzato e membro della band, avevo già spesso pagato di tasca mia per il viaggio di Wallace (da e per l’Italia) e coperto altre spese durante il periodo di scrittura dei brani, oltre a fornire un alloggio per lei.

Ho organizzato le sessioni di registrazione in uno studio in Germania, ho registrato circa la metà della musica (circa l’altra metà è stata registrata altrettanto bene da Wallace) per tutte queste canzoni, ero presente durante ogni singola sessione di registrazione (dalle registrazioni di batteria al mixaggio finale) mentre Wallace è stata presente solo per due sessioni complete (ha anche partecipato alle registrazioni di batteria per una canzone). Ho co-prodotto l’intera sessione di registrazione di Niryth dall’inizio alla fine con V. Santura dei Triptykon (con la co-produzione di Wallace ogni volta che era presente). E V. Santura può confermare tutti questi fatti.

Ho fornito i contatti del settore musicale, ho procurato un management e, insieme a quest’ultimo, ho ottenuto un accordo di licenza con un’etichetta di fama e con persone dell’ambiente che conosco da decenni. Prowling Death Records ha anche organizzato e finanziato i voli, gli hotel e le sessioni di ascolto in Germania che hanno portato a questo accordo di licenza.

Prowling Death Records ha inoltre organizzato e finanziato tre sessioni fotografiche per Niryth, tra cui una di livello internazionale per la prima uscita di Niryth. Inoltre, Prowling Death Records ha organizzato e finanziato il concept, la direzione artistica e il graphic designer per quella prima uscita.

Infine, ho personalmente disegnato sia il logo che il simbolo di Niryth e ho finanziato personalmente il grafico che ha convertito i miei progetti in file di stampa professionali.

Ma, nonostante ciò, sembra che Niryth sia solo un progetto di Wallace!

Niryth è iniziato come una bellissima e magari ingenua estensione della relazione che Wallace e io abbiamo condiviso durante il periodo in cui eravamo una coppia. Sapevamo, naturalmente, che la nostra relazione romantica avrebbe potuto finire, ma sentivamo che la musica che stavamo creando insieme con Niryth era così importante per noi che abbiamo deciso di continuare il progetto a livello professionale anche nell’eventualità di una separazione. Ed è quello che si è cercato di fare quando ci siamo davvero separati. Ci sono numerosi validi esempi nella nostra scena, dai Fleetwood Mac ai Dead Can Dance. Sfortunatamente, alla fine dell’anno, abbiamo raggiunto il capolinea, per molte ragioni (legate e non al nostro comune passato privato), la maggior parte delle quali può essere prontamente confermata da numerosi testimoni.

Nella mia lettera di dissociazione, datata 11 dicembre 2019, ho informato Wallace che noi dei Triumph Of Death all’unanimità sentivamo di dovere continuare la band con una formazione diversa, e Wallace è stata quindi licenziata. Ma per quanto riguarda Niryth, ho lasciato la scelta – di chi di noi avrebbe continuato il progetto – interamente a lei. Dopo un lungo periodo di riflessione, Wallace ha deciso di continuare Niryth e il batterista Pidi Leuenberger e io abbiamo lasciato il progetto. Intendevamo dare vita alla nostra versione della band. Non per essere in competizione con Niryth, ma perché tutti e tre i membri di Niryth avevano investito così tanto lavoro, tempo e denaro in questa musica (vedi sopra), da sentire un forte attaccamento verso queste canzoni.

La situazione mi ha ricordato la separazione dei Sisters Of Mercy nel 1985, che ha portato ai progetti Sisterhood, The Mission e The Sisters Of Mercy.

In 39 anni nell’ambiente musicale, ho vissuto molti episodi che potrebbero essere etichettati come implausibili, alcuni dei quali pateticamente causati nientemeno che dal sottoscritto. Ma questo è una novità anche per me: essere accusato di aver rubato canzoni, un progetto. Canzoni interamente scritte da Wallace e da me. Un progetto che, a ben vedere, ho co-fondato fin dal primo minuto.

Nella summenzionata lettera di dissociazione, ho proposto a Wallace di rimanere professionali, astenendoci da dichiarazioni pubbliche personali o dispregiative da tabloid. Avevo aderito a questa linea e il contenuto di questo post è qui unicamente per fornire alcune informazioni apparentemente indispensabili sulle dinamiche interne di Niryth.

Artista: Triumphof Death | Fotografo: Benedetta Gaiani | Data: 30 novembre 2019 | Evento: Black Winter Fest XII | Venue: Campus Industry Music | Città: Parma

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.