OGGETTI SMARRITI: 10 album death metal che compiono dieci anni nel 2020

Pubblicato il 30/09/2020

A cura di Luca Pessina

Death metal anno 2010. Un decennio fa, etichette oggi sulla bocca di tutti gli appassionati di questo genere come Profound Lore, Dark Descent o 20 Buck Spin dovevano ancora esplodere, fan e band non potevano godere di una piattaforma fantastica come Bandcamp per divulgare e scoprire nuova musica, mentre i festival di settore si contavano sulle dita di una mano, nonostante i risultati eccezionali ottenuti già allora da eventi come il Maryland Deathfest e il vecchio Neurotic in Olanda. Tuttavia, proprio come ora, il panorama underground death metal era in gran fermento e ogni mese era capace di regalare dischi interessanti ad un pubblico sempre più vasto e ricettivo nei confronti delle nuove proposte. Chiaramente nulla di tutto ciò potrà mai essere paragonato agli exploit dei primissimi anni Novanta, quando il movimento death metal prese effettivamente forma e slancio, ma se oggi siamo qui a parlare di una scena sempre più vitale e di una riscoperta esponenziale di certi suoni e valori, lo dobbiamo anche ad alcuni dischi ‘recenti’. Spulciando nel nostro archivio, ne abbiamo selezionati dieci per noi particolarmente significativi fra quelli che nel 2020 spengono dieci candeline. Riascoltandoli, il loro impatto è ancora notevole e in certi casi si fa davvero fatica a credere che sia già passato un decennio da quando questi lavori sono entrati nelle nostre vite.

BLACK BREATH – “Heavy Breathing” (Southern Lord Recordings)


A un certo punto arriva l’estate e anche noi metalhead sentiamo il bisogno di canzoni che facciano da colonna sonora a quello che accadrà. Musica veloce e scorrevole il giusto, ignorante senza essere banale… CONTINUA


DECREPIT BIRTH – “Polarity” (Massacre Records)


Il genio di Chuck Schuldiner viene nuovamente celebrato nell’attesissima nuova fatica dei Decrepit Birth, che con “Polarity” tornano a farsi vivi a due anni di distanza dal magnifico exploit di “Diminishing Between Worlds”… CONTINUA


DEFEATED SANITY – “Chapters Of Repugnance” (Willowtip Records)



Il fascino di un disco come “Chapters Of Repugnance” risiede quasi esclusivamente nella sua impetuosità… CONTINUA

 

DESULTORY – “Counting Our Scars” (Pulverised Records)


La primavera svedese pare non avere fine: infatti, dopo i ritorni eccellenti di Unanimated ed Interment avvenuti negli ultimi venti mesi, è ora il turno dei sottovalutati ma eccezionali Desultory… CONTINUA


HOUR OF PENANCE – “Paradogma” (Unique Leader Records)


Siamo consapevoli che usando frasi ad effetto si rischia di non essere presi troppo sul serio, quindi se dicessimo che gli Hour Of Penance hanno confezionato il disco death metal più convincente che la nostra penisola abbia udito dai tempi dei capolavori dei Sadist, incapperemmo in questo pericolo… CONTINUA


IMMOLATION – “Majesty And Decay” (Nuclear Blast Records)

Introdotto da una copertina meravigliosa, ecco arrivare sul mercato l’ottavo album degli storici death metaller newyorkesi Immolation. “Majesty And Decay” è esplicativo sin dal titolo (e dall’artwork, come appena accennato) e ci mostra a tratti il lato più darkeggiante ed epico della band… CONTINUA


INTERMENT – “Into The Crypts Of Blasphemy” (Pulverised Records)

Sicuramente qualcuno tra voi si ricorderà dei deathster svedesi Centinex, autori di svariati platter disseminati lungo una quindicina di anni di onorata carriera… CONTINUA


MISERY INDEX – “Heirs To Thievery” (Relapse Records)


In un mondo che ormai gira sempre a mille all’ora, restano poche certezze. Nel campo del metal estremo, una è sicuramente il logo Relapse, etichetta che da anni pubblica buona parte del materiale più avvincente del settore, mentre un’altra corrisponde ormai al nome dei Misery Index… CONTINUA


SADIST – “Season In Silence” (Scarlet Records)


E’ sicuramente vero che la scena estrema italiana negli ultimi anni è cresciuta esponenzialmente a livello qualitativo grazie a delle giovani e straordinarie band, che hanno portato il nome del nostro paese a dei livelli inimmaginabili fino a qualche anno fa… CONTINUA


UNDERGANG – “Indhentet Af Døden” (Me Saco Un Ojo)

Secondo alcuni il mondo della musica deve vivere di mode, in continua ricerca per qualcosa di nuovo (o pseudo-tale), che ha valore solo all’interno di un determinato periodo… CONTINUA

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.