PAIN OF SALVATION: fuori Ragnar Zolberg, al suo posto rientra Johan Hallgren

Pubblicato il 01/05/2017

Con un lungo post sulla loro pagina Facebook ufficiale i PAIN OF SALVATION hanno annunciato che Ragnar Zolberg, chitarra e voce,  non è più parte della band, al suo posto rientra in formazione Johan Hallgren:

“Dopo alcuni anni di lavoro con Ragnar, sento che siamo arrivati al punto in cui è divenuto necessario separarsi.
È triste, perché con lui perdiamo un ottimo cantante e un ottimo personaggio da palco. È stato bello scrivere un nuovo album con lui e sono veramente grato per quei momenti. Tutti lo siamo. Tuttavia, con il tempo è divenuto lampante che il suo posto non è con questa band. Musicalmente ha funzionato bene, ma ci sono tante altre variabili da considerare per rendere una band forte e stabile.
Non stiamo andando incontro a un periodo di incertezze, ma a uno di cambiamenti volontari e di forza. Abbiamo un’ottima etichetta discografica/agenzia di booking e entrambe ci hanno detto che comprendono la nostra decisione e che ci appoggiano e supportano totalmente in questo momento. Tutti gli show pianificati si terranno come da programma. Come? Bé, siamo felici di annunciare che, da oggi, Johan Hallgren ritornerà con la band nuovamente come membro a tempo pieno e andremo avanti a tutta velocità. Siamo contenti di vederlo di nuovo a bordo e siamo certi che voi lo accoglierete a braccia aperte, così come abbiamo fatto noi.
Ciò di cui non vediamo l’ora è riavere la possibilità di incontrarci e provare più spesso, che è una delle ragioni per cui ho iniziato a fare musica: avere un piccolo e devoto gruppo di persone che si ritrova per sudare in una sala prove e condividere uno stupido sogno. E poi, tramutarlo in realtà.
Quindi, questo è un nuovo capitolo della vita dei PAIN OF SALVATION, ma anche non del tutto. Ci feriamo, guariamo, ci risolleviamo e continueremo a fare musica, questa è una promessa. Speriamo di ricevere il vostro affetto e il vostro supporto in questo momento.
Vogliamo ringraziare Ragnar per gli anni belli passati assieme con noi e augurargli buona fortuna per i suoi impegni futuri. Ancora, un caloroso bentornato nella nostra famiglia Johan Hallgren.

Peace,
Daniel & Pain of Salvation”

Di seguito il lungo post pubblicato dalla band.

Lo stesso Zolberg aveva dato la notizia di essere stato allontanato dalla band già ieri sera. Nel suo post, sempre affidato a Facebook, racconta apertamente dei problemi legati alla gestione della band da parte di Daniel Gildenlöw:

 

“[..] Abbiamo lavorato all’album come una squadra, ma appena il disco è stato terminato l’anno scorso, il band leader ha iniziato a comportarsi in una maniera simile a quella di cui abbiamo sentito recentemente parlare per la band GHOST. Sono stato pagato per una minima parte: 1000 euro per un lavoro di due anni, che non coprono neanche le mie spese di viaggio.

Sebbene i PoS stiano recentemente ottenendo dei buoni risultati dal punto di business, essere parte della band è stato un cattivo affare fin dall’inizio e mi è costato molto di più di quanto in effetti ci abbia guadagnato, sia mentalmente che economicamente. Un salario minimo non è ciò che ti aspetti quando suoni show che sono sold out e sempre pieni. Non ti aspetti nemmeno pessimismo e critiche dopo ogni concerto. Ho sinceramente fatto presente tutto tentando di mantenere un approccio professionale alla questione, dopotutto è anche la mia musica che abbiamo suonato e volevo che tutto andasse liscio il più possibile, nonostante l’ingiusto trattamento ricevuto. Invece di scusarsi, offrendo un salario migliore o dare i giusti meriti quando dovuti, mi è stato chiesto da Daniel di lasciare la band.

Sono felice per tutto ciò che ho imparato in questi ultimi anni e per le persone che ho avuto modo di conoscere grazie a questa avventura e sono anche molto felice di andare avanti. Una cosa che ho imparato e che credo debba essere tenuta a mente è: mai prendersi i meriti per il lavoro di altri, non è carino ed estremamente irrispettoso.
Grazie!”


0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.