PANTERA: gli eredi di Dimebag Darrell fanno causa alla Dean Guitars

Pubblicato il 17/08/2021

Rita Haney, la fidanzata e fiduciaria dell’eredità del defunto chitarrista dei PANTERA, “Dimebag” Darrell Abbott, ha fatto causa alla Dean Guitars, azienda con cui il musicista aveva un endorsement.

Secondo quanto riportato sui documenti della denuncia, disponibili su www.dimebagdarrell.com, la Dean avrebbe violato il contratto più volte, tra cui non pagando agli eredi di Dimebag certi diritti d’immagine e registrando il marchio e vendendo il brevetto dei modelli di chitarra Razorback, di proprietà di Dimebag, senza che gli eredi venissero messi al corrente di queste operazioni. Lo stesso è successo per il design della chitarra Dime 3.

Rita Haney dichiara:

“Dopo molte considerazioni, è con grande tristezza che annuncio che il lungo rapporto tra Dimebag e Dean Guitars è finito. Purtroppo, lunedì 16 agosto siamo stati costretti a fare causa a Dean Guitars, per il motivo esposto nella denuncia che può essere letto su www.dimebagdarrell.com. Era necessario per noi porre fine all’endorsement di Dean Guitars con Dime per continuare a onorare e celebrare la sua eredità nel modo che merita e nel modo in cui l’aveva concordata.
 
Non prendiamo questa decisione alla leggera ed è con tristezza che condividiamo questa notizia con voi, fedeli fan di Dime. Come sapete, dopo aver firmato l’accordo con Dean Guitars nel 2004, Dime era entusiasta di poter finalmente lavorare con il solo e unico Dean Zelinsky, che ha lasciato l’azienda nel 2008. Darrell aveva affermato più volte che per lui era come tornare a casa ed era qualcosa di cui era enormemente orgoglioso.
Ho passato giorni a rileggere tutte le note di chitarra, gli elenchi, le lettere e i disegni di Darrell (alcuni non ancora pubblicati). Sapendo quali erano i desideri di Darrell e vederli scritti su carta, ancora una volta dopo tutti questi anni, è risultato evidente che che lui non sarebbe rimasto. Voglio che vengano seguite le parole di Dime e che il suo lascito venga valorizzato come lui intendeva.
 
Ho fatto diversi tentativi per risolvere amichevolmente la controversia con Dean Guitars. Tuttavia, mi è diventato chiaro che il rapporto di Dimebag con Dean Guitars era giunto al termine, quando il nuovo CEO di Dean Guitars mi ha detto che Dime è morto da 16 anni e non potevano più fare i soldi che facevano una volta… e poi hanno continuato a dirmi che dovrei andare da qualche altra parte. Bene… lo faremo!
 
Guardando avanti, il nostro obiettivo sarà quello di garantire la giusta e rispettosa valorizzazione dell’eredità artistica di Dime e del segno indelebile che lui e la sua musica hanno lasciato in questo mondo. È con assoluta convinzione che affermiamo che questo non può più accadere continuando a collaborare con Dean Guitars.
Da fan, speriamo che la pensiate come noi. Il nostro amore per Dime non ha vacillato negli oltre 16 anni dalla sua scomparsa ed è ancora importante per noi tuttora, nonostante ciò che ci è stato detto da Dean Guitars. Vogliamo recuperare quello ‘spirito dell’accordo tra le parti’ che è stato messo da parte da Dean Guitars. Con questo spirito, speriamo presto di avere notizie migliori da condividere con voi per quanto riguarda il futuro delle ‘Dime guitars‘.
 
Dime amava così tanto i suoi fan e voi ragazzi non avete mai perso la vostra lealtà e il vostro amore per lui. Non possiamo ringraziarvi abbastanza per il vostro continuo supporto.
 
Lunga vita a Dimebag Darrell! Getcha pull!”

 

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.