QUEEN: Brian May ha rischiato di perdere la casa e lo studio in un incendio

Pubblicato il 11/08/2020

Il chitarrista dei QUEEN, Brian May, ha rischiato di vedere distrutti la sua casa e il suo studio privato di Sunningdale, Regno Unito, a causa di un grosso incendio che ha interessato l’area boschiva circostante e minacciato le abitazioni.

May ha condiviso il seguente messaggio con i ringraziamenti ai pompieri che hanno messo sotto controllo l’incendio.

“Ieri stavo mettendo in salvo più cose possibili da casa mia, col rischio che tutto finisse in fiamme e pregando perchè non accadesse. Oggi finalmente le mie preghiere sono state ascoltate e l’incendio è sotto controllo, sebbene il pericolo non sia del tutto scongiurato. Finchè permane questo periodo di siccità, il rischio che i roghi riprendano rimane molto alto. E’ terribile venire a sapere che questi agenti, che sono in allerta 24 ore su 24 per proteggerci, sono stati ben poco supportati dal governo negli ultimi anni. Cosiccome i tagli del governo al sistema sanitario hanno reso difficile la battaglia su quel fronte per mancanza di fondi, la stessa visione miope ha fatto sì che la riduzione di risorse e personale nei vigili del fuoco ci abbia reso più esposti agli incendi. Finchè continueremo a dare la priorità a vantaggi a livello economico sulla breve distanza, al posto di pensare alla vita della gente e al welfare di chi ci protegge, saremo una nazione in costante pericolo. E’ chiaro che sia necessario ripensare a tutto quanto. Grazie vigili del fuoco di Surrey, Sussex e Hampshire”.

View this post on Instagram

FIREFIGHT in SURREY. I never imagined it could happen here in leafy, and normally damp, Surrey, England. We supported the fight against the immense fires in Australia, and watched sadly as fires ravaged California, but to see this happen in my own home county has been shocking and traumatic. These pictures show Anne Brummer and I this afternoon, surveying the forest fire which is still smouldering less than a mile from my own house and studio, and the fond relics of my entire life. Today Se were able to begin to thank the amazing firefighters who risked their lives to contain this huge and treacherous wild furnace on the heath land of Sunningdale Golf Course – which actually adjoins my property. Yesterday, I was rescuing as many precious things from my house as was practicable, under threat of the whole thing going up in flames, but praying that the horror would not happen. Today my prayers were answered – the fire is under control, but the danger is not over. While this dry heatwave lasts there is still a massive risk of a flare-up leading to disaster. Perhaps even more shocking was learning today that this wonderful force, which is alert 24 hours a day to protect us all, has become tragically undersupporyed in recent years. Just as the Government cuts sent the NHS into battle hideously crippled by lack of funding, the same lack of vision has rendered this country vulnerable to fires – with a fire fighting service criminally cut back in manpower and resources. Something has gone terribly wrong with our leaders’ decision-making process. As long as we prioritise short-term economic gains over the lives of our people and the welfare of those who protects us, we will be a nation continually in danger. It becomes more and more clear that a radical rethink is needed. THANK YOU, firefighters of Surrey, Sussex and Hampshire, and the maintenance team of Sunningdale Golf – for saving all our skins. And thanks Callum and Emily, George, and the nice man from Barcelona for giving us a backstage tour today. Incredible. Photo of Bri and Anne by Callum Strachan. Swipe for stereo views showing the still smoking edges of the huge area of destruction. Bri

A post shared by Brian Harold May (@brianmayforreal) on

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.