QUIET RIOT: James Durbin, “Facevamo dischi usa e getta”

Pubblicato il 28/03/2021

L’ex cantante dei QUIET RIOT, James Durbin, in una recente intervista rilasciata a “Vox&Hops” ha parlato della sua uscita dalla band a settembre 2019 dopo due album:

“Non siamo riusciti a trovare un accordo su come andare avanti. Il processo di creazione degli album non mi era piaciuto molto, perché facevamo semplicemente dischi usa e getta e a me non piace farlo. Così è stato e non siamo riusciti a trovare un nuovo accordo. Io volevo solo fare buona musica.
Il mio coinvolgimento nel fare musica con QUIET RIOT era che mi venivano date delle tracce strumentali e non si poteva cambiare nulla, dovevo solo scriverci sopra. A volte era più facile a dirsi che a farsi. In ‘Road Rage‘, quando entrai per la prima volta nella band, Seann Nicols aveva scritto tutte le canzoni, ma poi mi diedero tipo due settimane per scrivere dei testi nuovi di zecca, le melodie per l’intero disco e registrare. Dovetti scriverlo e registrarlo. E a quel punto mi dissero una cosa del tipo: ‘Mandaci solo le tracce di voce, le mixeremo’. Hanno letteralmente aggiunto le voci così com’erano e stampato il disco. Non hanno usato effetti, non hanno usato nient’altro. Quello era il mio grande debutto con loro. È un disco rock classico, è più come un disco degli HUMBLE PIE. Ma quando lo registrai, suonava più alla MOUNTAIN. Era del buon rock classico e ci avevo messo un sacco di armonie e tutto il resto. Ci avevo davvero messo del mio meglio. So che Kevin DuBrow era un grande fan di Steve Marriott e degli HUMBLE PIE, come lo sono io, quindi stavo davvero facendo qualcosa alla Steve Marriott. Poi è stato tolto tutto quanto. Alcune tracce sono state inserite nella sezione sbagliata, e questo è successo su entrambi i dischi. Non era il mio ambiente”.

Attualmente nei QUIET RIOT canta Jizzy Pearl.

 

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.