RAMMSTEIN: un fan russo condannato a due anni e mezzo di carcere per aver condiviso il video di “Pussy”

Pubblicato il 29/04/2021

Rammstein

 

Come riportato da The Moscow Times, Andrei Borovikov, un fan russo trentaduenne dei RAMMSTEIN, è stato condannato a due anni e mezzo di carcere per aver condiviso il video di “Pussy” sul social network VKontakte nel 2014.

Il video, come noto, nella sua versione integrale contiene immagini pornografiche e per questo venne pubblicato su un sito per adulti nel 2009.

Ora Borovikov è stato condannato per “produzione e divulgazione di pornografia”. Oltre alla pena, che appare decisamente esagerata, sta facendo discutere il fatto che l’uomo sia stato un coordinatore regionale di Alexei Navalny, l’oppositore di Vladimir Putin avvelenato nel 2020 e arrestato a inizio 2021. Borovikov venne arrestato poco dopo l’avvelenamento di Navalny.

Come riportato dalla BBC, sul social network VKontakte su cui l’uomo aveva condiviso il video, sono tuttora presenti altri post con lo stesso video ma gli utenti non sono stati incriminati.

Natalia Zviagina, direttrice dell’ufficio di Mosca di Amnesty International, prima della condanna aveva dichiarato:

“Il caso contro Andrei Borovikov è assolutamente assurdo. È palesemente ovvio che viene punito esclusivamente per il suo attivismo, non per il suo gusto musicale.
Non è la prima volta che le autorità russe usano una definizione eccessiva di ‘pornografia’ come pretesto per rinchiudere i loro oppositori. All’inizio di questo mese, l’artista e attivista femminista Yulia Tsvetkova è stata processata per accuse di pornografia a causa dei suoi disegni di corpi femminili. E’ sorprendente che casi come questo arrivino persino in tribunale.
Il caso di Andrei Borovikov è una presa in giro per la giustizia e chiediamo che tutte le accuse contro di lui vengano ritirate. Le autorità russe dovrebbero concentrarsi sul ribaltare la spirale di crisi dei diritti umani che hanno creato, non escogitare nuovi e ridicoli modi per perseguire e zittire i loro critici”.

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.