RAVEN: John Gallagher, “E’ ridicolo l’uso di tracce pre-registrate durante i live”

Pubblicato il 09/09/2020

In una recente intervista rilasciata a The Metal Gods Meltdown, il bassista e cantante dei RAVEN, John Gallagher, ha parlato dell’uso di tracce pre-registrate, pratica che molte band ormai adottano durante i live:

“E’ ridicolo. Ho visto band che sul palco erano in nove elementi e nonostante ciò il 50% di quello che ascoltavi era pre-registrato. E’ disgustoso. Dai ragazzi, non ce n’è bisogno. Prendete una band come i QUEEN. Su disco erano pieni di sovraincisioni e orpelli vari ma dal vivo erano solo quattro musicisti che suonavano e la cosa funzionava alla grande. Dal vivo adattavano la loro musica per poterla suonare solo in quattro. Poi dopo aggiunsero un elemento e potevi sentire delle parti di chitarra o tastiera in più, ma si trattava comunque di un vero musicista. Quello è vero talento ed è insostituibile. Ho visto i COLDPLAY e quello che fanno lo fanno alla grande ma a volte li vedi saltare in giro per il palco ed è tutto registrato. Dai… con il talento che hanno, non hanno certo bisogno di queste cose. E’ ridicolo”.

I RAVEN pubblicheranno il loro nuovo album, “Metal City“, il 18 settembre per SPV/Steamhammer.

Artista: Raven | Fotografo: Enrico Dal Boni | Data: 27 luglio 2017 | Venue: Metaldays | Città: Tolmin (Slovenia)

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.