Regno Unito: i grandi eventi musicali potrebbero riprendere a giugno

Pubblicato il 22/02/2021

Il Governo del Regno Unito ha reso noto un programma in quattro fasi distanziate di almeno 5 settimane, attraverso il quale le misure restrittive del terzo lockdown nazionale attuato per contrastare la pandemia dovrebbero venire progressivamente allentate. Come noto, la vaccinazione per il COVID-19 nel paese sta procedendo molto velocemente e al momento la prima dose è stata somministrata a circa 18 milioni di persone. Sono inoltre molto buoni e incoraggianti i dati rilevati sull’efficacia nella riduzione dei sintomi della malattia e dell’infezione che già la prima dose di vaccino consente di ottenere dopo tre settimane dalla somministrazione. Questo ha indotto il Primo Ministro Boris Johnson e il suo Governo ad avanzare un piano piuttosto ambizioso.

La prima fase del programma è prevista per l’8 marzo, quando riapriranno le scuole con lezioni in presenza e quando ogni cittadino potrà tornare ad incontrare un’altra persona all’aperto fuori dalla propria abitazione per motivi ricreativi o per attività motoria. Sarà comunque necessario utilizzare mascherine e rispettare il distanziamento sociale di due metri. Il 29 marzo invece la prima fase entrerà nella sua seconda parte, quando saranno consentiti ritrovi all’aperto per più di due persone, fino a un massimo di sei o di due nuclei famigliari ma sempre con distanziamento sociale. Prevista per questa data anche la ripartenza degli sport all’aperto.

La seconda fase scatterà non prima del 12 aprile, quando riapriranno palestre, parchi divertimenti, biblioteche, musei, tutti i negozi compresi dunque quelli di beni non di prima necessità e altre attività come i ristoranti con specifiche regole di distanziamento sociale e precauzioni.

Per quanto riguarda lo spettacolo, il primo vero cambiamento si vedrà con la fase 3, che dovrebbe scattare il 17 maggio. E’ in questa data che, se tutto va bene, si prevede la ripresa di eventi musicali e sportivi. Per gli eventi al chiuso si prevede una presenza massima di 1.000 spettatori o 50% della capienza della struttura, mentre per quelli all’aperto e negli stadi il limite sarà di 4.000 o 50% di capienza. Per eventi all’aperto ma con posti a sedere il limite previsto sarà invece di 10.000 persone o 25% della capienza. I test prima degli eventi potrebbero venire introdotti come misura precauzionale.

Il 21 giugno, infine, con l’inizio della quarta e ultima fase, dovrebbero venire rimosse tutte le limitazioni ai contatti sociali e riapire discoteche e grandi eventi, anche musicali, a piena capacità. Anche in questo caso i test prima degli eventi potrebbero venire introdotti come misura precauzionale.

Le quattro tappe saranno distanziate di almeno cinque settimane e il passaggio alla successiva verrà approvato previa verifica di quattro parametri:

  • l’avanzamento della campagna vaccinale
  • l’efficacia della stessa
  • l’andamento dei ricoveri
  • l’assenza di varianti del virus resistenti al vaccino che determino un peggioramento dell’epidemia

Se questi parametri rimarranno sotto controllo e seguiranno il trend atteso, le varie tappe non subiranno ritardi. Se invece i dadi dovessero comportare lo slittamento di una delle tappe, anche le successive verranno posticipate di conseguenza. Previsti inoltre una serie di studi pilota tramite i quali le autorità andranno a verificare quali eventuali misure precauzionali aggiuntive adottare negli eventi sia per la terza che per la quarta fase. Il rischio dello slittamento della fase quattro rende ad ogni modo difficile pensare che gli organizzatori dei grandi festival estivi inglesi possano prendere il rischio di procedere con i preparativi e sostenere i costi che questo comporterebbe.

Come riportato dalla BBC, Boris Johnson ha dichiarato:

“Oggi la fine è davvero in vista. Un anno disgraziato lascerà il posto a una primavera e un’estate che saranno molto diverse e incomparabilmente migliori del quadro che vediamo oggi intorno a noi”

A questo indirizzo il piano di riapertura a fasi completo di tutti i dettagli.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.