SLAYER: Kerry King, “I terroristi odiano il rock”

Pubblicato il 29/11/2015

Il giornalista belga Tom De Smet ha intervistato il chitarrista degli SLAYER Kerry King poco prima del loro concerto del 17 novembre all’ Ancienne Belgique di Bruxelles (dove avrebbero dovuto esibirsi anche i LAMB OF GOD e i CHILDREN OF BODOM). Nel corso dell’intervista, King ha espresso alcuni pareri sull’attentato al Bataclan, sul terrorismo e sulla sicurezza ai concerti.

“Sono sorpreso che i terroristi ci abbiano messo così tanto a puntare i concerti rock. Perché loro odiano la musica rock. Odiano il nostro stile di vita. Odiano la nostra libertà e il modo in cui ci divertiamo. E, ovviamente, questo fa schifo. Quello che è successo fa sì che tutti ci pensino due volte, prima di rischiare la vita per veder suonare una band. Ma se smetti di andare ai concerti, o smetti di suonarci, fai esattamente ciò che vogliono i terroristi. È importante andare avanti e fare quello che si è sempre fatto, che si ama fare. E sai com’è, io non sono il tipo di persona che passa la vita a preoccuparsi. Abbiamo preso aerei dopo l’11 settembre. Abbiamo suonato subito dopo che Dimebag [Darrell, PANTERA] è stato assassinato. Certo, le cose possono andare per il verso sbagliato. Ma potresti anche uscire da qui ed essere investito da un’auto. Per cui, fai quello che ti piace e smettila di preoccuparti.”

E ha aggiunto:

“Ho scritto un sacco di canzoni sull’influenza negativa delle religioni organizzate. Quello che è successo a Parigi ne è un esempio. Io non credo in ciò in cui crede l’ISIS – o ISL o come diavolo dobbiamo chiamarli, – e dovrei morire per questo? Questa è la cosa più ridicola che abbia sentito in vita mia. Le persone si sono ammazzate tra loro per secoli, a causa delle religioni organizzate”.

33 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.