TAAKE: King Dude abbandona il tour dopo le proteste antifasciste

Pubblicato il 20/02/2018

In seguito alle proteste di gruppi antifascisti e alle accuse di nazismo mosse ai TAAKE, King Dude ha deciso di abbandonare il tour nordamericano della band, alla quale faceva da spalla. Di seguito le sue dichiarazioni:

“Per ragioni che vanno al di là del mio controllo e, francamente, al di là delle mie possibilità di comprensione, lascerò il tour coi TAAKE. Voglio che sia chiaro che sono un Luciferiano e che non predico l’odio, né vorrei incoraggiare situazioni che possano alimentarlo. Credo nella crescita personale e spirituale e nella diffusione della conoscenza a prescindere da ogni costo e sacrificio.
La bandiera sotto la quale le persone si riuniscono ad un concerto di King Dude dev’essere quella dell’accoglienza per tutti, qualunque sia il loro lo stile di vita, razza, religione, genere, ecc. Questo non dovrebbe nemmeno essere specificato, perché è così che ho sempre tenuto i miei show e non vedo perché dovrei cambiare strada in questo tour. I discorsi politici non sono i benvenuti ai miei show, non c’è posto per roba del genere.

Vorrei che i miei concerti fossero un santuario per tutti, un posto dove trovare una chiesa senza averne una dove andare.
Restate in contatto per avere novità per gli show di riparazione. Vi ringrazio ancora per il vostro costante supporto.”

 

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.