TWISTED SISTER: Dee Snider contro l’Hard Rock Cafe

Pubblicato il 24/03/2019

Il cantante dei TWISTED SISTER, Dee Snider, come noto non è certo uno che le manda a dire e in un recente scambio di tweet tra un fan e la catena Hard Rock Cafe, si è inserito criticandola per il fatto che dà spazio ad artisti che con il mondo del rock non centrano nulla.

Il fan:

“Hard Rock Cafè, dal momento che il vostro nome dovrebbe rappresentarvi, potreste finirla di mettere rap e Shakira nella vostra playlist video? Altrimenti credo che dovreste prendere in considerazione un cambio di nome”.

L’Hard Rock Cafè:

“La nostra storia è sui nostri muri. Onoriamo gli artisti di oggi, perchè sappiamo che saranno le leggende di domani. Crediamo fermamente che il rock and roll sia un’attitudine e le rockstar oggi si trovano in ogni genere. La musica ci unisce. Ecco quello in cui crediamo e in cui abbiamo sempre creduto \m/”.

Dee Snider:

“Chi è questo idiota? Sarà qualche millennial che spara un ‘abbiamo sempre creduto in…’, quando non era nemmeno nelle idee dei suoi nonni nel momento in cui l’hard rock venne concepito. Grande lavoro di promozione per la linea della catena. Le corna metal alla fine del post sono una finezza. ‘You rock’.

Hard Rock Cafè:

“Millennial ovunque (e affranti) secondo Dee Snider”

Il gestore dell’account Twitter dell’Hard Rock Cafè, tramite il suo profilo personale:

“Dee Snider, rispetto te e la tua carriera. Io lavoro per l’Hard Rock Cafè e faccio di tutto per mantenere il metal vivo quando sono al lavoro \m/ (dal mio account puoi vedere che non sono un millennial)

Dee Snider:

“Questa cosa mi ha sempre fatto infastidito. La catena Hard Rock Cafe si è fatta il nome che ha grazie a CREAM, JIMI HENDRIX, THE WHO (le band hard rock) e ora… guardatela”

Hard Rock Cafe:

“In realtà abbiamo supportato musica di tutti i tipi. Le leggende non sono relegate a un solo genere, quindi perchè dovremmo esserlo noi? Sui nostri muri ci sono memorabilia di rock star come Hendrix, The Who ma anche Aretha Franklin, Madonna, Snoop e la musica che mettiamo nei nostri locali è tanto varia quanto quello che c’è sui muri”.

Dee Snider:

“Non è come avete iniziato. Ricordo che la prima chitarra appesa ai muri del locale di Londra era di Eric Clapton, dei CREAM e credo anche che la seconda fosse quella di Pete Townshend dei THE WHO”

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.