TWISTED SISTER: Dee Snider, “Ecco perchè ho venduto i diritti dei pezzi”

Pubblicato il 02/08/2018

Il cantante dei TWISTED SISTER, Dee Snider, in una recente intervista rilasciata a Eddie Trunk ha dichiarato quanto segue circa la sua decisione di vendere i diritti di 69 pezzi, tra cui le famosissime “We’re Not Gonna Take It” e “I Wanna Rock”, alla Universal Music Publishing Group nel 2015:

“Sai, loro guardano quanto è il tuo guadagno annuale e ti offrono un pagamento di più annualità. Ti offrono una cosa del tipo: ‘Ti diamo 7, 10 o 14 anni di guadagni tutti in un colpo solo’. Non è questione di vantarsi di essere una rockstar coi soldi, perchè alla fine perchè alla fine uno ha lavorato duramente per arrivare a quel punto, ma il fatto è che se sei in una fascia di reddito per cui paghi il 40-50% di tasse, allora un sacco di denaro dei tuoi guadagni annuali va a finire lì. Se invece vendi il tutto come utile capitale, ci paghi solo il 20% di tasse al posto del 50%. Inoltre un pezzo può darti un guadagno un anno e l’anno dopo magari no, è altalenante. Se invece ricevi i tuoi soldi tutti in una volta sola, puoi investirli e avere un guadagno più costante dai tuoi investimenti, pagando molte meno tasse”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.