VULVATRON picchia il cantante degli UPON A BURNING BODY

Pubblicato il 12/08/2015

Come riportato da Lambgoat, la ex cantante dei GWAR, Vulvatron, (vero nome Kim Dylla e con una certa esperienza come wrestler) ha dato una bella lezione al cantante degli UPON A BURNING BODY, Danny Leal, durante il festival Heavy Montreal.

Ecco cosa ha dichiarato Vulvatron via Facebook:

“Quindi pare che il tizio a cui ho fatto il culo ieri sera sia il cantante di qualche xxsceneemocorexx band di nome UPON A BURNING BODY. Immagino che qualche ragazzina di sedici anni gli abbia fatto qualche avance dopo che hanno aperto sul baby stage e lui abbia pensato di venire lì e molestare le nostre ragazze. Grande errore. Ad ogni modo, sappiate che quel pezzo di merda ha un cazzo talmente piccolo che se ci prova con delle ragazze e queste lo rifiutano o non sanno chi sia, si incazza e diventa molesto. Immagino che quantomeno ora non metterà più su Instagram quelle foto con quegli occhiali ridicoli. Il combattimento più facile della mia vita”.

E di seguito la precisazione che ha rilasciato Vulvatron a Lambgoat:

“Il mio messaggio è di non venire a toccare il culo a ragazze a caso e quando queste ti allontanano dicendoti di no, dire loro ‘fottetevi puttane, mi scopo ragazze migliori ogni giorno’ e pensare che nessuno poi si difenda. La security non era lì in quel momento, quindi ho pensato che la cosa migliore fosse dargli una regolata fino a quando non fosse arrivata. L’ho colpito sugli occhiali con la mia birra, poi in dieci secondi l’ho bloccato per il collo, l’ho sbattuto fuori dalla nostra area e gli ho detto di non trattare le ragazze in quel modo. E’ tornato indietro con cinque amici (immagino abbia detto loro che aveva bisogno di aiuto…) ma a quel momento era arrivata la security. Continuava a dire di voler colpire ‘le troie’, quindi lo hanno portato fuori e lui ha detto: ‘Non sapete chi sono, sono un musicista”.

 

Vulvatron

Gwar - vulvatron - 2014

 

Danny Leal

upon a burning body - danny leal - 2015

PROSSIMI CONCERTI

40 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.