YES: è morto il batterista Alan White

Pubblicato il 26/05/2022

Alan White, storico batterista degli YES, è morto all’età di 72 anni.

Al momento il gruppo non ha reso nota la causa della morte. Ecco il comunicato ufficiale:

“È con profonda tristezza che gli YES annunciano che Alan White, il loro amatissimo batterista e amico da 50 anni, è scomparso all’età di 72 anni dopo una breve malattia. La notizia ha sconvolto e sbalordito l’intera YES family. Alan non vedeva l’ora di suonare nel prossimo tour nel Regno Unito per celebrare il suo 50° anniversario con gli YES e il loro iconico album ‘Close To The Edge‘, dove il viaggio di Alan con gli YES iniziò nel luglio del 1972. Di recente ha celebrato il 40° anniversario del suo matrimonio con la sua amorevole moglie Gigi. Alan è morto in pace a casa sua.
 
Alan è considerato uno dei più grandi batteristi rock di tutti i tempi. È nato nel 1949 nella contea di Durham ed è entrato negli YES il 30 luglio 1972 per il ‘Close to the Edge Tour‘. In precedenza aveva lavorato con JOHN LENNON all’album ‘John Lennon/Plastic Ono Band‘ dopo una telefonata nel 1969 per suonare al Toronto Rock Festival. Alan ha continuato a lavorare con Lennon anche nell’album ‘Imagine‘ e con George Harrison ad ‘All Things Must Pass‘. Ha anche lavorato con molti altri musicisti nel corso degli anni, tra cui GINGER BAKER’S AIR FORCE, JOE COCKER, GARY WRIGHT, DORIS TROY e BILLY PRESTON per citarne solo alcuni. Nel 2017 Alan White è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame con gli YES.
 
Dal 2016 una serie di problemi di salute, hanno limitato il tempo che Alan è stato sul palco con gli YES nei recenti tour. Jay Schellen ha preso il suo posto e Alan ha suonato, tra grandi applausi, verso la fine di ogni concerto.
Gli YES dedicheranno a White il tour per il 50° anniversario di ‘Close to the Edge‘ che si terrà a giugno nel Regno Unito.

 

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.