CEPHALIC IMPURITY – Dalla Russia Con Orrore…

Pubblicato il 20/02/2011 da

 

I Cephalic Impurity sono una band che viene dalla Russia e suona death metal: abbiamo voluto intervistarli per via della pubblicazione, nel 2010, del loro secondo album “Unique Brutal Revival”. Risponde alle nostre domande Ivan, il cantante, (anche negli Infected Guts) chiamato a confermare le impressioni suggerite dal disco in questione: puntando sull’impatto generale i Cephalic Impurity cercano di costruirsi un suono che li distingua, ed in effetti ci hanno lasciati piacevolmente sorpresi grazie alla fluidità delle loro canzoni, in grado di scansare l’impaccio della noia . Seguite la nostra intervista per capire di che gruppo si tratta, magari completando questa esperienza con l’ascolto di “Unique Brute Revival”.

 

RACCONTATECI DELLA BAND: QUANDO E’ NATA? COME VI SIETE INCONTRATI? 

“I Cephalic Impurity, ex-Infected Guts (da Izhevsk, Russia) sono stati formati nel 2007 da me (Ivan –voce) e Nikita (chitarra). Sei mesi dopo, si sono uniti Benzo (basso) e Andrey (batteria). In questi anni è stato fatto un solo cambio di formazione: adesso Benzo è stato rimpiazzato da Leonid al basso. Al momento di fondare la band ci conoscevamo già bene, avendo suonato insieme in diverse band locali per diversi anni. Grazie a questo, non abbiamo incontrato particolari difficoltà, e abbiamo potuto scrivere velocemente il materiale per il nostro primo album’Perverted Surgical Concept’, pubblicato nel novembre 2008 dall’etichetta Soulflesh Collector Records”. 

 
PRESENTATE IL VOSTRO ALBUM “UNIQUE BRUTE REVIVAL” AI NOSTRI LETTORI E FATE VENIR LORO VOGLIA DI ASCOLTARLO! 
“Nell’agosto 2010 la Soulflesh Collector Records ha pubblicato il nostro secondo album intitolato ‘Unique Brute Revival’. Prodotto da Arkadiy Navaho, noto studio master (Scrambled Defuncts, Katalepsy, Fleshbomb), l’album vi consegna una solida produzione di dura, incessante brutalità, che vi strapperà le orecchie. Ogni canzone è piena di riff spaccateste e vocals inumane. E’ l’estremo bilanciamento tra groove, tecnica, slam e originalità che garantisce ai fan death metal senza compromessi. Penso che questa risposta sia abbastanza per far ascoltare il nostro album ai lettori. Speriamo apprezziate!”. 
 
LA VOSTRA NAZIONE NON E’ PARTICOLARMENTE FAMOSA PER LA SUA SCENA METAL. POTRESTE DESCRIVERCI LA SCENA RUSSA, IN PARTICOLARE QUELLA DEATH METAL? CI SUGGERIRESTE ANCHE QUALCHE GRUPPO DEGNO DI NOTA? 
“La scena metal russa ha in questi anni mostrato una notevole crescita sia nel numero di band che pubblicano dischi, sia nel numero di fan che li ascoltano (cosa che non deve stupire, vista la grandezza dello stato), ma – secondo me – il problema principale rimane la mancanza di un adeguato numero di studio di registrazione professionali, con la conseguenza che le band dispongono di una qualità di registrazione piuttosto povera, cosa che impedisce loro di ottenere buoni contratti quando si rivolgono alle varie etichette. Ritengo che questo sia vero per tutti i settori del metal russo. Nonostante ciò, vi suggeriamo alcuni gruppi death metal russi che vale la pena citare: Katalepsy, Ease of Disgust, Fetal Decay, Perverse Dependence”. 
 
PERCHE’ AVETE SCELTO “CEPHALIC IMPURITY” COME MONICKER? 
“All’inizio avevamo in mente due nomi: Neurectomy e Cephalic Impurity. Abbiamo optato per il secondo. In seguito abbiamo anche pensato di cambiare nuovamente il nome, ma abbiamo rinunciato poiché le persone che ci conoscevano come Cephalic Impurity erano già molte”. 
 
LE CANZONI DEL VOSTRO ULTIMO ALBUM SEMBRANO SEGUIRE LA VIA DEL DEATH AMERICANO, MA AL CONTEMPO LA LORO STRUTTURA E’ UN POCO MENO COMPLESSA IN MODO DA FAVORIRE L’IMPATTO GENERALE: SECONDO NOI QUESTO ASPETTO DONA AL VOSTRO DISCO UNA BUONA FLUIDITA’, TALE DA RENDERE PIACEVOLI ANCHE ASCOLTI RIPETUTI. SIETE D’ACCORDO CON LA NOSTRA AFFERMAZIONE?
“Grazie per il valido e profondo commento. Concordo con questa descrizione della nostra musica e posso anche dire che è esattamente ciò che noi volevamo ottenere quando abbiamo iniziato. Volevamo che la nostra musica fosse tecnica e devastante , con il giusto bilancio tra aggressione e ‘orecchiabilità’. Non vedo motivo di fare musica unicamente ‘per musicisti’: secondo me dovrebbe essere chiara, comprensibile e priva di inutile fronzoli”. 
 
QUALI SONO, SECONDO VOI, I PIU’ EVIDENTI SEGNI DI EVOLUZIONE DAL PRIMO ALBUM A QUEST’ULTIMO?
“Penso che ci siamo evoluti in maniera definita dal disco precedente, per quanto riguarda la struttura dei brani, il materiale in sé e la qualità delle canzoni. Questo può essere attribuito ad un passo in avanti piuttosto consistente: durante questi due anni, dalla pubblicazione del primo album, abbiamo fatto un sacco d’esperienza in termini tecnici e compositivi, che certamente hanno aiutato”.
 
ABBIAMO ANCHE NOTATO CHE LA PRODUZIONE DELL’ALBUM E’ MOLTO BUONA, APPROPRIATA AL DEATH METAL: CI SONO PARTICOLARI STUDI DI REGISTRAZIONE, NELLA VOSTRA NAZIONE, CUI RIFERIRSI? OPPURE SI TRATTA SOLO DI UNA CIRCOSTANZA FORTUNATA? 
“Grazie ancora per le tue considerazioni! Di sicuro non è stato un caso o cose del genere. Come dicevo sopra, nella nostra nazione è piuttosto difficile trovare uno studio e delle persone con un’idea chiara di come il death metal dovrebbe suonare. Аrkady Navaho è tra i pochi che sanno farlo. Io non credo nei miracoli e penso che sperare che tutto funzioni per una circostanza fortunata sia uno spregevole lusso”. 
 
POSSIAMO IMMAGINARE CHE SIATE FAN DELL’HEAVY METAL MOLTO APPASSIONATI: QUALI GRUPPI PREFERITE? E QUALI GRUPPI STATE ASCOLTANDO MAGGIORMENTE IN QUESTO PERIODO? 
“E’ piuttosto difficile enumerare i gruppi che mi piacciono di più perché ce ne sono tantissimi, ma in generale posso dirti Origin, Dying Fetus, Misery Index, Disgorge, Skinless e molti altri. Di recente ho ascoltato Septycal Gorge (italiani, ndR), Inherit Desease, Defeated Sanity, Decimation più altri”. 
 
IL DEATH METAL E’ UN GENERE MUSICALE OSTILE E GARANTISCE ASSAI POCHE GRATIFICAZIONI ECONOMICHE: PUOI DIRCI SE RIUSCITE A VIVERE DELLA VOSTRA MUSICA OPPURE SE AVETE UN LAVORO? E, NEL CASO, QUALI? 
“Sfortunatamente non riusciamo a vivere della nostra musica, così dobbiamo ovviamente lavorare, ognuno in un’area differente. Io sono impiegato attualmente come ingegnere telecomunicazioni STA, Andrew vernicia automobili, Nikita è un elettricista e Leo un designer”. 
 
CHE TIPO DI RAPPORTO AVETE CON I VOSTRI FAN? VI PIACE TENERVI IN CONTATTO CON LORO TRAMITE INTERNET, ecc? 
“E’ sempre un piacere chiacchierare con i fan, sia ad un concerto che sulla rete. Diamo sempre attenzione a questo aspetto perché una grande parte di ciò che abbiamo adesso, la abbiamo grazie al supporto dei fan. Inoltre, non posso sopportare quando un gruppo si comporta in modo arrogante nei confronti dei fan che ha: manderei chi fa così all’inferno, tra le sofferenze (letteralmente: to hell, with pathos!, ndR)”. 
 
FARETE UN TOUR PER PROMUOVERE IL VOSTRO ULTIMO DISCO? VERRETE IN ITALIA? 
“Sì, in aprile faremo un tour con gli Abysmal Torment, ma si terrà solo in Russia. Sicuramente ci piacerebbe molto viaggiare per l’Europa a suonare, faremo di tutto perché accada!”. 
 
SPERIAMO DAVVERO DI VEDERVI PRESTO LIVE, PERCHE’ CI PIACEREBBE VEDERE COME LE VOSTRE CANZONI RENDANO DAL VIVO. PRIMA DI FINIRE L’INTERVISTA, VOLETE LASCIARE UN SALUTO AI NOSTRI LETTORI? GRAZIE! 
“Grazie mille per l’intervista! Speriamo di venire da voi in un prossimo futuro, e grazie a chiunque abbia speso minuti della sua vita a leggere questa intervista. Speriamo che vi piaccia il nostro album e seguite le date del nostro tour. Stay brutal and sick!”.
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.