CHAOSBREED – Brutti, sporchi e cattivi!

Pubblicato il 06/06/2004 da

Immaginate la sorpresa di chi scrive quando dall’altra parte della cornetta il buon Taneli Jarva, messosi in contatto con Metalitalia.com per promuovere “Brutal”, il debut full length dei Chaosbreed, si è presentato e ha iniziato a parlare in un italiano quasi perfetto! Eh sì, l’ex frontman dei Sentenced (oggi anche all’opera nei The Black League), ha vissuto sette anni in Italia, frequentando qui da noi, precisamente a Roma, le scuole elementari! Questo perché suo padre è un noto archeologo finlandese, che decise di portarlo con sé una volta chiamato a fare degli scavi in Italia! Taneli temeva di non essere più capace di parlare l’italiano correttamente ma nel corso dell’intervista si è fatto capire benissimo e si è dimostrato una persona schietta e davvero simpaticissima, facendo letteralmente sbellicare dalle risate il sottoscritto con la sua parlata a metà strada tra romanesco, italiano, inglese e finlandese! Una delle interviste più divertenti mai realizzate… senza dubbio!

ALLORA TANELI, VUOI SPIEGARCI COME SONO NATI I CHAOSBREED?
“Nalle, Oppu e Marko avevano da tempo voglia di dar vita ad una band che suonasse death metal come una volta. Nel 2002 suonarono persino un concerto tributo ai Death e a Chuck Schuldiner, proponendo parecchi loro vecchi brani! L’anno successivo proposero a me e ad Esa degli Amorphis di unirsi a loro per fondare un vero e proprio gruppo… scegliemmo insieme il nome e ora eccoci qui”.

TUTTI VOI ORA SUONATE IN BAND CHE PROPONGONO UNA MUSICA DECISAMENTE PIU’ SOFT DI QUELLA DEI CHAOSBREED. COME VI TROVATE AD ESSERE ALLE PRESE NUOVAMENTE CON QUESTE SONORITA’?
“Ehi amico, questo discorso lo puoi fare per gli altri, ma non per me! E’ vero che è da tempo che non suono più death metal, ovvero da quando ho lasciato i Sentenced, ma con i miei The Black League faccio rock’n’roll grezzo in your fuckin’ face (ride, nda)! Comunque, tornando alla tua domanda, non riscontriamo nessun problema nel misurarci con questo sound… lo abbiamo suonato per anni e molti dei nostri gruppi preferiti sono dediti a questo genere. Il death metal ce lo abbiamo nel sangue!”.

FACCIAMO UN PICCOLO PASSO INDIETRO… PERCHE’ LASCIASTI I SENTENCED DOPO LA PUBBLICAZIONE DI “AMOK”?
“Gli altri ragazzi della band volevano suonare musica più melodica e commerciale… io non ero affatto d’accordo e così me ne andai dalla band. Di certo non volevo continuare a suonare death metal puro e semplice tutta la vita… ma c’erano comunque tanti altri modi migliori di evolversi. Contenti loro…”.

OK, TORNIAMO AI CHAOSBREED. IL VOSTRO SOUND E’ TIPICAMENTE SVEDESE, PERCHE’ AVETE SCELTO DI ESPRIMERVI PROPRIO IN QUESTO MODO? LA SCUOLA AMERICANA NON VI PIACE?
“Personalmente adoro gli Autopsy e i vecchi Death ma i gruppi death preferiti degli altri ragazzi appartengono quasi tutti alla vecchia scena svedese quindi si è deciso di suonare musica sulla scia di Entombed e Unleashed… con una punta di Slayer che non fa certo male!”.

COME SONO NATI I PEZZI DI “BRUTAL”?
“La maggior parte dei brani è stata composta da Marko Tarvonen… lui non vedeva l’ora di cimentarsi con questo tipo di sound! Gli altri ragazzi hanno portato qualche riff, aiutato a scrivere i testi e ad arrangiare il tutto. Io ho dato una mano con qualche vecchio riff e con un po’ di testi”.

DI COSA PARLANO I TESTI?
“I testi sono scontatissimi… roba tipicamente death metal: ‘Ti ammazzo, muori, sangue sui muri, bla bla bla…’! Alcuni sono davvero divertenti, mi sono piuttosto impegnato per scriverli (ride, nda)!”.

I CHAOSBREED POSSONO ESSERE CONSIDERATI UNA VERA BAND O UN SIDE PROJECT?
“I Chaosbreed sono una vera band! Vogliamo suonare tanti concerti e cercare di dare un seguito a ‘Brutal’. Certo, Esa ultimamente è molto impegnato con gli Amorphis e lui vede tutto questo come un grosso scherzo, però si diverte e credo che anche lui la pensi come noi”.

TROVI CHE LA SCENA SIA CAMBIATA IN TUTTI QUESTI ANNI? DA QUANDO SUONAVI CON I SENTENCED AD OGGI?
“Non lo so proprio… non ho più seguito con attenzione gli sviluppi della scena metal da quando ho lasciato i Sentenced. Pure oggi, anche se suono nei Chaosbreed, non mi interessa quasi per nulla… nel metal continuo ad ascoltare la vecchia roba di Slayer, Autopsy ed Entombed senza preoccuparmi di cosa accade! Credo che una volta tutto fosse più genuino e oggi è bello, dopo anni passati a suonare tutt’altro, tornare a rivivere certe sensazioni.  Non capisco le band che suonano sempre le stesse cose, dagli Ac/Dc ai Cannibal Corpse… è bello variare e passare nella tua carriera dal metal al rock al jazz… per poi magari ripetere tutto da capo! Così facendo sei sempre entusiasta e dai il meglio di te!”.

CAMBIAMO ARGOMENTO: MI SPIEGHI PERCHE’ IN FINLANDIA IL METAL VA COSI’ FORTE?
“Aaahh… sono contento che tu mi abbia fatto questa domanda così posso sfatare questo mito! Oggi in Finlandia trovi forse in classifica gli Impaled Nazarene o i Chaosbreed? No, trovi Nightwish, Sentenced, HIM, etc. E’ metal questo? Per me no, in Finlandia va solo il rock-metal melodico e commerciale di queste band…roba per famigliole felici! I veri gruppi metal o rock riescono appena ad uscire dall’underground. Io con i The Black League sono arrivato al terzo disco e pare che nessuno se ne sia accorto! Il metal in Finlandia viene trattato come in tutti gli altri paesi, non è assolutamente vero che i miei connazionali sono più open minded! Poi se la gente considera metal le band che ho citato allora e’ un altro discorso..”.

I CHAOSBREED HANNO IN PROGRAMMA UN TOUR PER PROMUOVERE “BRUTAL”?
“Ancora no ma ci piacerebbe molto. Dovremmo suonare in qualche festival ma per ora non posso aggiungere altro. Certo che un tour europeo sarebbe fantastico!”.

OK, GRAZIE TANELI, PUOI PURE CONCLUDERE!
“Mille grazie a te per la bella chiacchierata. Ciao agli amici italiani, se verremo a suonare lì da voi venite pure a cercarmi per scambiare due parole! A presto!”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.