CORNERSTONE – Intervista a Dougie White

Pubblicato il 17/03/2002 da

I Cornerstone sono senza dubbio uno dei gruppi di punta della Massacre Records, recentemente tornati sul mercato con il nuovo, ottimo, “Human Stain”, disco all’insegna dell’Hard Rock piu’ classico di marca Deep Purple che segue, a distanza di un paio d’anni, “Arrival”, il debut album dei nostri. Nella band militano nomi piuttosto conosciuti come Duogie White (ex cantante degli importantissimi Rainbow) e Steen Mogesen (bassista dei Royal Hunt) coadiuvati dall’ex batterista degli stessi Royal Hunt Allan Sorensen e, alla chitarra, da Kaspar Damgaard, gia’ visto all’opera con Mike Tramp. Per questa intervista ho avuto modo di parlare con il singer della band che si e’ dimostrato, come sempre, estremamente disponibile.
SONO PASSATI BEN DUE ANNI DALLA PUBBLICAZIONE DI “ARRIVAL”, COSA PUOI DIRMI SUL PROCESSO COMPOSITIVO CHE HA PORTATO ALLA STESURA DI QUESTO NUOVO DISCO?
“Beh, dopo la pubblicazione di “Arrival” e il tempo speso a promuoverlo con la solita trafila di interviste, viaggi promozionali, etc. ci siamo presi una piccola pausa dovuta al fatto che Steen doveva dedicarsi ai suoi Royal Hunt: registrare il nuovo disco, andare in tour e via dicendo. Io comunque ho iniziato a scrivere del nuovo materiale e a sviluppare delle idee che avevo in testa da tempo, cosi’ quando Steen si e’ liberato una parte del lavoro era gia’ stata completata. Inoltre e’ stata una piacevole sorpresa constatare che Steen era riuscito comunque a scrivere del materiale per i Cornerstone cosi’ in breve tempo siamo riusciti ad ultimare tutti i brani e a dare il via alle registrazioni. L’album e’ stato registrato in Danimarca, a Copenaghen precisamente, ed e’ stato prodotto da Steen. Credo che abbia fatto un ottimo lavoro, sia dal punto di vista della produzione che da quello musicale questo e’ senza dubbio il nostro miglior album finora.”

TOGLIMI UNA CURIOSITA’, TU VIVI IN SCOZIA E STEEN IN DANIMARCA, COME FATE A PROVARE O A COMPORRE?
“Per quanto riguarda provare diciamo che non lo facciamo quasi mai (ride, nda)! Invece per comporre la cosa e’ piu’ semplice di quanto tu pensi: appena mi vengono in mente un paio di idee le registro e le invio a Steen, lui le ascolta, ci lavora un po’ su e poi me le rimanda indietro e cosi’ via. E’ tutto merito delle poste, non so da te in Italia ma qui, per nostra fortuna, sono molto efficienti (ride, nda)!”

POCO FA MI HAI DETTO CHE PER TE IL NUOVO ALBUM E’ SENZ’ALTRO IL VOSTRO MIGLIORE, NO SEI PIU’ SODDISFATTO DI “ARRIVAL”?
“Certo che ne sono soddisfatto solo che “Human Stain” gli e’ superiore in tutto e per tutto, siamo convinti di aver fatto davvero un buon lavoro e personalmente sono davvero entusiasta di questo album, pensa che lo sto ascoltando anche in questo momento!”

I CORNERSTONE POSSONO ESSERE CONSIDERATI UNA VERA BAND O SI TRATTA SOLO DI UN SIDE PROJECT?
“A mio modo di vedere i Cornerstone sono una vera band. Ok, non facciamo lunghi tour e le persone realmente coinvolte sono solo due, io e Steen, ma posso assicurarti che sia io che lui ci dedichiamo a questo progetto con la massima dedizione. Penso che sia emblematio anche il fatto che abbiamo pubblicato due album in poco piu’ di due anni, raramente i side projects hanno questa prolificita’.”

DI COSA PARLANO I TESTI DI “HUMAN STAIN”?
“Io non amo soffermarmi su un solo argomento quando scrivo i testi, posso dirti che gli argomenti cambiano di brano in brano, alcuni parlano di esperienze e fatti della vita di tutti i giorni, per altri invece traggo ispirazione da libri o film. Ad esempio, l’ultimo brano del disco, “Forever Young”, e’ basato su un racconto di Oscar Wilde: “Il Ritratto di Dorian Gray”.”

COME VI TROVATE CON LA MASSACRE RECORDS? PIU’ DI UNA VOLTA NON HO SENTITO PARLARE MOLTO BENE DI QUESTA LABEL…
“So di cosa parli, anche a me sono giunte voci di bands che si lamentavano di loro, accusandoli di scarsa professionalita’. Per quanto ci riguarda pero’ non possiamo proprio lamentarci, con noi stanno lavorando egregiamente e la promozione che stanno facendo per questo nuovo disco e’ davvero notevole, incentivata forse dal fatto che “Arrival” ha riscontrato un buon successo quando e’ uscito e lo stesso sta facendo il nuovo disco.”

PENSI CI SIA LA POSSIBILITA’ DI VEDERVI IN TOUR PRIMA O POI?
“Non lo so proprio, tutto dipendera’ dal successo che avra’ il disco, se venderemo molte copie magari la Massacre decidera’ di mandarci in giro per l’Europa altrimenti faremo solo qualche concerto qua e la’. E’ un grosso problema il fatto che Steen sia spesso impegnato con i Royal Hunt inoltre, non so se avrebbe il tempo per partire per un tour.”

COME PENSI CHE SI SVILUPPERA’ IL VOSTRO SOUND IN FUTURO?
“Non ne ho la minima idea, spero che tutto nasca in modo spontaneo, magari ci sara’ un ritorno alle sonorita’ del nostro debut album o magari andremo avanti per questa strada, non te lo so proprio dire!”

SEI STATO IL CANTANTE DEI RAINBOW, COSA RICORDI DI QUEL PERIODO?
“Ho molti piacevoli ricordi del periodo trascorso a cantare con loro, mi piaceva moltissimo andare in tour, girare il mondo con degli ottimi musicisti e visitare ogni giorno una citta’ e un paese diverso. Sono molto orgoglioso di tutto questo, cantare con loro e’ stata una delle esperienze piu’ significative della mia vita. Purtroppo ora e’ tutto finito ma pazienza, la vita va avanti come si suol dire (ride, nda)!”

OK DOUGIE, SIAMO IN CHIUSURA, GRAZIE PER L’INTERVISTA…
“Grazie a te! Spero di riuscire prima o poi a visitare il vostro sito, essendo in Italiano non ci capiro’ nulla ma vedro’ comunque di farvi visita (ride, nda)! Un saluto a tutti voi!

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.