FROST – Defender Of The Faith!

Pubblicato il 01/02/2004 da

Non manca molto all’inizio del concerto dei Seven Witches e mi trovo faccia a faccia con Jack Frost, chitarrista di indubbia qualità, che dichiara spudoratamente la sua passione per l’heavy metal più puro, dimostrandosi assolutamente soddisfatto del suo “Raise Your Fist To Metal”, un disco che, seppur non abbia inventato nulla, si rivela molto interessante e molto potente. Inoltre, essendo una persona molto semplice e cordiale, la chiacchierata scivola via che è un piacere…

 


CIAO JACK, HO ASCOLTATO IL TUO NUOVO DISCO E MI E’ PIACIUTO PARECCHIO. SEI SODDISFATTO APPIENO DEL RISULTATO OTTENUTO?
“Grazie per i complimenti. In effetti sono anch’io molto soddisfatto del lavoro che ho svolto, alternando brani potenti a brani più catchy e maggiormente immediati. Ciò non toglie che questo sia un disco heavy metal al 100%”.

C’E’ UN SIGNIFICATO PARTICOLARE DIETRO QUESTE CANZONI?”
“Sinceramente, durante il processo di composizione non mi pongo questo problema. Mi spiego meglio: le song sono molto dirette e i testi si basano sui semplici avvenimenti quotidiani, evitando qualsiasi ricercatezza o finezza stilistica. Non stiamo parlando di semplice musica da ‘headbanging’? (ride nda)”.

HO NOTATO CON PIACERE CHE SONO STATI COINVOLTI IN QUESTO PROGETTO PERSONAGGI IMPORTANTI DI SVARIATE BAND COME JOE COMEAU, ROB ROCK, E TANTI ALTRI ARTISTI, STILISTICAMENTE ASSAI DIVERSI TRA LORO MA CHE HANNO RESO IL DISCO PIUTTOSTO OMOGENEO E COMPATTO… SEI D’ACCORDO CON QUESTA OPINIONE?
“Direi proprio di sì. E’ stato davvero divertente ed al tempo stesso elettrizzante lavorare con loro. Hanno apportato un notevole contributo alla realizzazione dei brani, interpretandoli al meglio, e ciò ha sicuramente alzato il livello delle composizioni”.

COSA PENSI DELLA SCENA METAL NEGLI STATI UNITI?
“Quello che oggi viene spacciato come heavy metal negli USA non è assolutamente tale. I Limp Bizkit si possono definire metal? I kid sono troppo impegnati a seguire il trend dettato da MTV, e non c’è passione e devozione al genere come accadeva negli anni ’80, ormai sono rimaste poche band davvero valide e coerenti. Sicuramente qui in Europa si sta molto meglio”.

TI VA DI PARLARCI DELLA TUA ESPERIENZA CON I SAVATAGE, E DI QUALI SONO STATI I MOTIVI DELLA TUA SEPARAZIONE DA JON & C?
“L’esperienza con i Savatage è stata grandiosa. Ho imparato moltissimo con loro, ed è un motivo di orgoglio aver fatto parte (anche se per poco tempo) di una delle band storiche dell’heavy metal. Lo split è stato del tutto amichevole, ovviamente Al Pitrelli aveva già suonato parecchio con loro e dopo la fine dei Megadeth il suo rientro è stata quasi una conseguenza logica. Auguro a Jon tutto il meglio possibile (signori si nasce… ndA)”.

QUALI SONO LE BAND CHE NEL PASSATO TI HANNO FATTO INNAMORARE DI QUESTO GENERE?
“Tutti gli act storici come Iron Maiden, Grim Reaper, Fates Warning, Judas Priest, Kansas, Overkill e tanti altri. Gruppi che, nel bene o nel male, hanno cercato di essere coerenti e passionali nei confronti di un genere che difficilmente cadrà”.

NELL’ULTIMO PERIODO C’E’ STATO QUALCHE DISCO CHE TI E’ PIACIUTO PARTICOLARMENTE?
“L’ultimo lavoro di Ritchie Kotzen è grandioso. Le composizioni sono tutte di ottima fattura e credo che questo ragazzo abbia molto da comunicare con la musica e tantissime idee da esprimere in futuro”.

TORNANDO INDIETRO NEL TEMPO CAMBIERESTI QUALCOSA NELLE TUE VECCHIE RELEASE? SEI SODDISFATTO DEL LAVORO CHE HAI SVOLTO O, SE POTESSI, CAMBIERESTI QUALCOSA?
“Sono soddisfatto al 100% del lavoro svolto fino ad oggi. Ho sempre composto con impegno e passione, e certamente continuerò a farlo fino a quando mi sarà possibile”.

DOVREMMO ASPETTARCI UN TOUR SOLISTA CON TUTTI GLI OSPITI CHE HANNO PARTECIPATO AL DISCO?
“Sarebbe davvero grandioso, ma difficilemente realizzabile. Innanzitutto per i costi da sostenere, e poi non è neanche semplicissimo far combaciare gli impegni dei musicisti in questione, dato che la priorità è riservata giustamente alle band in cui militano… ma una possibilità remota di fare un unico show non la escludo”.

BENE JACK, SIAMO GIUNTI AL TERMINE. HAI QUALCOSA DA AGGIUNGERE PER I LETTORI DI METALITALIA.COM?
“Certamente! Vi ringrazio davvero di cuore del supporto concessomi in tutti questi anni. State certi che non vi deluderò!”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.