LEADER OF DOWN – Born to raise Hell

Pubblicato il 03/12/2018 da

Insieme al bassista e fondatore dei Leader Of Down, Tim Atkinson, ripercorriamo le tappe che hanno portato alla nascita della band e alla pubblicazione del disco “Cascade Into Chaos”. Il grande merito di Tim è quello di aver riunito sotto lo stesso tetto gran parte della storica famiglia dei Motörhead. Oltre a Würzel (già co-fondatore di questa nuova realtà), su disco suonano infatti Fast Eddie Clarke, Phil Cambpell e niente meno che il leggendario Lemmy Kilminster, di cui possiamo ascoltare l’ultimo materiale inedito che ci ha lasciato prima della sua dipartita. Tim Atkinson è prima di tutto un fan e con la sua cordialità tipicamente british ci ha accompagnato, senza nascondere la sua commozione, attraverso la sua lunga storia che come traguardo può vantare il debutto discografico di una band che speriamo abbia un roseo futuro.

TIM, I LEADER OF DOWN NASCONO CIRCA DIECI ANNI FA DA UN’IDEA TUA E DI WÜRZEL.
– Io e Würzel stavamo lavorando insieme ad un progetto educativo, una specie di scuola del rock. Tutto andava benissimo, le persone erano contente ed un giorno mi è venuta l’idea di mettere in piedi una band. Quando ho proposto la cosa a Würzel, lui mi ha chiesto perché cavolo avessi aspettato così tanto per fargli quella proposta (ride, ndR). Quel giorno sono nati ufficialmente i Leader Of Down ed abbiamo cominciato a trovarci tutte le settimane per suonare e scrivere insieme delle nuove canzoni. Nei mesi successivi si è unito a noi il batterista Steve Clarke, ex Fastway, ed insieme a lui io e Würzel abbiamo continuato a scrivere e perfezionare la nostra musica. Non è stato un processo veloce, purtroppo Würzel non stava già bene e aveva bisogno di tempo per affrontare le cure che gli avevano prescritto.

E’ VERO CHE IL NOME LEADER OF DOWN DERIVA DALLA CANZONE “DOWN DOWN” DEGLI STATUS QUO, CHE WÜRZEL SBAGLIAVA A CANTARE?
– Confermo, tutto vero! Questa canzone piaceva molto a Würzel, continuava a canticchiarla, sbagliando però le parole. Invece di cantare “down down deeper and down”, lui diceva “down down leader of down” (ride, ndR). Questo accadde anni prima che ci conoscessimo a fondo, fu lui a raccontarmi della canzone. Ricordo che una sera ero insieme ad alcuni amici a cui avevo chiesto consigli su come chiamare la band. Ad un certo punto, non ricordo esattamente come, ho raccontato la storia di Würzel che cantava “Down Down” e in quel momento abbiamo pensato che Leader Of Down sarebbe stato un nome perfetto per la band. Credo che Würzel avrebbe apprezzato, è sempre stato una persona divertente che rideva anche quando lo si prendeva un po’ in giro.

COME SI SONO SVOLTI I LAVORI IN STUDIO?
– Le canzoni sono state scritte tempo prima di entrare in studio, successivamente abbiamo registrato tutte le parti strumentali senza le voci. Ad esempio la canzone “Paradise Turned Into Dust” è stata registrata molto tempo prima di essere completata perché Würzel voleva a tutti i costi che fosse Lemmy a cantarla. Quando Würzel contattò Lemmy per chiedergli di cantare sul brano, lui accettò subito, ma ci volle molto tempo prima di completarlo perché in quel momento i Motörhead erano molto impegnati a suonare in giro per il mondo. Lemmy voleva registrare le sue parti in America, poi si è ammalato ed i momenti in cui la band era ferma dai tour lui li utilizzava per riposarsi e riprendere le forze. Per questi motivi i lavori si sono protratti per molto tempo, fino al 2014 quando Lemmy finalmente è riuscito a incidere le sue parti. Purtroppo nel 2014 Würzel non era più tra noi e non ha mai potuto ascoltare la canzone ultimata, tutto ciò fu molto triste. Per l’occasione io e Steve Clarke siamo andati a Los Angeles per raggiungere Lemmy e registrare la canzone tutti insieme. Quella è stata un’esperienza davvero strana, particolare. Sai, “Paradise Turned Into Dust” l’ho scritta proprio insieme a Würzel e non averlo al mio fianco nel momento di completarla mi ha fatto soffrire molto. Non avevamo nemmeno idea del risultato finale perché, come ti dicevo prima, Lemmy è stato impegnato per molto tempo e fino alla fine non ha potuto lavorare sul serio alle sue parti vocali. Credo però che se Würzel avesse potuto sentire la canzone finita, sarebbe rimasto davvero molto soddisfatto. Per quanto riguarda le altre canzoni, io mi sono occupato della maggior parte dei testi e tutte sono state completate dopo la scomparsa di Würzel.

SEI RIUSCITO A RIUNIRE ALL’INTERNO DEL DISCO GRAN PARTE DELLA FAMIGLIA DEI MOTÖRHEAD: LEMMY, WÜRZEL, PHIL CAMPBELL, “FAST” EDDIE CLARKE. PER QUESTO “CASCADE INTO CHAOS” PUO’ ESSERE CONSIDERATO UN DISCO UNICO NEL SUO GENERE.
– Per me è stata una grande soddisfazione vedere tutti questi grandi musicisti suonare nel disco dei Leader Of Down, hanno accettato molto volentieri e si sono dimostrati delle persone straordinarie. Forse non lo sai, ma io sono da sempre un grande fan dei Motörhead, ho iniziato ad ascoltarli ed amarli sin da quando avevo nove anni. Lavorare fianco a fianco di Würzel, Lemmy, “Fast” Eddie Clarke e tutti gli altri membri della famiglia dei Motörhead è stato come vivere un sogno. E’ vero che negli anni con loro ho instaurato un rapporto di grande amicizia, ma rimane il fatto che questi musicisti per me erano e sono tuttora dei veri eroi prima di tutto. Riuscire a far suonare insieme nuovamente Lemmy e Würzel in una canzone è stato incredibile, così come riunire Würzel e Phil Campbell sulla canzone “Children Of Desease”! Per un fan dei Motörhead come me è impossibile spiegare quanta gioia mi dia questo disco. Devi sapere che possiedo la tessera del fan club dei Motörhead numero 67, per cui puoi capire che li seguo da un bel po’ (ride, ndR).

IMMAGINO CHE LA NOTIZIA DI MUSICA INEDITA CANTATA DA LEMMY ABBIA SCATENATO UNA FORTE CURIOSITA’ NEI CONFRONTI DELLA BAND.
– Senza dubbio molte persone saranno attirate dalla possibilità di ascoltare ancora una volta Lemmy cantare su musica rimasta inedita sino ad oggi. Per quanto mi riguarda, come dicevo prima, credo che l’evento più importante sia trovare Lemmy e Würzel insieme dopo tanto tempo, perché loro due non hanno più registrato nulla insieme da quando Würzel lasciò i Motörhead nel 1995. Posso dirti che ciò che si può ascoltare su “Cascade Into Chaos” è un qualcosa di unico, non possiedo altro materiale cantato da Lemmy da utilizzare nel prossimo disco della band.

COME E’ NATA INVECE LA COLLABORAZIONE CON WHITFIELD CRANE DEGLI UGLY KID JOE?
– Tutto è nato per merito di Phil Campbell. Quando gli ho chiesto di suonare un assolo sulla canzone “Children Of Desease”, è stato Phil a suggerirmi di contattare Whitfield Crane per le parti vocali. Sempre Phil ci ha messo in contatto con lui. Whitfield conosce bene i Motörhead, ha infatti collaborato con loro a metà anni Novanta sulla canzone “Born To Raise Hell” ed è diventato amico di Würzel. Ricordo che quando l’ho chiamato per proporgli di collaborare, lui era davvero elettrizzato all’idea! Per motivi di logistica, Whitfield ha registrato tutte le sue parti in America e addirittura ha coinvolto il suo amico Lee Richards, ex Godsmack, per i cori.

COSA RICORDI IN PARTICOLARE DEL PERIODO IN CUI HAI AFFIANCATO I TUOI IDOLI MUSICALI PER LAVORARE AL DISCO?

“Porto con me un sacco di ricordi fantastici e per raccontarli tutti non basterebbero due giorni interi! Ogni persona che ha suonato nei Motörhead si è dimostrata fantastica con me, sono stato trattato come un vero amico e per questo li ringrazierò sempre. Come puoi immaginare, i miei ricordi più cari sono quelli legati a Würzel. Lui riusciva a farmi ridere sempre, era una persona molto allegra e positiva. Anche Lemmy, nonostante fosse una leggenda del rock, mi ha sempre trattato come un suo pari! Era gentile, disponibile, un vero amico”.

MOLTE CANZONI DEL DISCO POSSIEDONO IL SOUND DEI MOTÖRHEAD.
– Non volevamo produrre il disco con suoni troppo distorti e compressi come quelli che vanno tanto di moda oggi. Sin dall’inizio la nostra idea era di comporre un disco di puro rock’n’roll vecchia scuola. Il coinvolgimento di tanti musicisti della famiglia Motörhead ha per forza di cose contribuito a definire certe somiglianze. Credo comunque che “Cascade Into Chaos” abbia una forte personalità. Quando abbiamo terminato le registrazioni, siamo andati dal produttore dei Motörhead, Cameron Webb, per farlo lavorare al mixaggio, gli abbiamo detto chiaramente che volevamo un disco dai suoni che richiamassero gli anni Settanta e Ottanta, decenni d’oro per il rock. Sono riuscito a tributare i miei eroi con questo disco e sono molto soddisfatto del mixaggio finale.

NON A CASO IL DISCO USCIRA’ ANCHE IN FORMATO VINILE.
– Ho voluto a tutti i costi una versione vinile di “Cascade Into Chaos”, perché il suono di un disco a 33 giri è unico, soprattutto per una band come i Leader Of Down. La nostra musica si sposa alla perfezione con il vinile, in questo modo torniamo davvero agli anni Settanta e Ottanta. Sono molto contento che i fan abbiano iniziato nuovamente a interessarsi agli LP, perché offrono una copertina a grandi dimensioni, un bel booklet e un suono caldo e naturale.

PRIMA PARLAVI DEL VOSTRO PROSSIMO DISCO. AVETE GIA’ DEL MATERIALE PRONTO?
“La nostra intenzione è di pubblicare un nuovo disco senza aspettare tanto tempo. Il materiale che ho registrato con Würzel è finito tutto su “Cascade Into Chaos”, però insieme abbiamo scritto un sacco di canzoni che ovviamente ho con me e che utilizzeremo per il nostro prossimo lavoro. I Leader Of Down sono una vera band, non qualcosa del tipo “Würzel & Friends” e credo che il miglior modo per ricordarlo sia continuare a portare avanti la band che lui ha contribuito a creare”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.