PINK CREAM 69 – The Strong Will Rock!

Pubblicato il 21/03/2004 da

Un rilassato Alfred Koffler ci parla dell’ultimo lavoro targato Pink Cream 69, che sicuramente si farà apprezzare dagli aficionados del melodic hard rock, un genere che negli ultimi anni grazie all’operato di svariate band ha riacquistato vigore, dopo la sua momentanea scomparsa negli anni’90.

CIAO ALFRED, PUOI RACCONTARE AI LETTORI DI METALITALIA.COM LA GENESI DI QUESTO OTTIMO LAVORO?
“Certamente: abbiamo trascorso i primi sei mesi del 2003 (con relative pause) a lavorare sui pezzi che trovi nel nostro ultimo lavoro e siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto. Penso che piacerà molto ai fan che hanno apprezzato il nostro precedente lavoro”.

QUAL E’ IL SIGNIFICATO DEL TERMINE “THUNDERDOME”?
“La storia verte su una rappresentazione reale di ciò che accade nei cosidetti “Talent Shows” in Germania. I responsabili di queste trasmissioni illudono molti teenager promettendogli fama e successo in breve tempo. Ma le cose non stanno propriamente così, visto che a loro non importa di trovare gente con talento, ma tendono a focalizzare il lato negativo degli show, mettendo in risalto la frustrazione, le lacrime, e le delusioni dei protagonisti da dare in pasto all’audience.”

SEI SODDISFATTO DELLA PRODUZIONE DEL LAVORO?
“E come non potrei esserlo? Sinceramente, al momento non si poteva fare di meglio. Il suono di ogni singolo strumento è ben definito, e ciò non può che risaltare la qualità delle nostre composizioni”.

QUALI SONO LE PRINCIPALI DIFFERENZE COL PRECEDENTE “ENDANGERED”?
“Innanzitutto, noi cerchiamo di migliorare compositivamente di album in album, mantenendo sostanzialmente una certa coerenza nel nostro sound. Come già detto penso che la principale differenza si può riscontrare nella produzione, nettamente migliore di quella del precedente lavoro.”

IN GERMANIA AVETE SOSTANZIALENTE UN BUON SUCCESSO, MENTRE IN ITALIA SIETE SCONOSCIUTI AI PIÙ, PUR ESSENDO ATTIVI DA BEN QUINDICI ANNI. CHE OPINIONE HAI IN PROPOSITO?
“Uhm…la tua è una domanda interessante. Vedi, trovo già positivo conversare con un giornalista (che parolone! nda) che dedica il suo tempo a parlar bene di noi. Fino a qualche anno fa in alcune nazioni, europee e non, tutto ciò era molto più difficile, forse a causa di una promozione non eccellente e basata quasi esclusivamente sul mercato nazionale”.

C’È QUALCHE POSSIBILITÀ DI VEDERVI IN TOUR IN ITALIA?
“Al momento non c’è nessuna data fissata dalle vostre parti, ma non escludo che in futuro possiamo esibirci nel vostro paese”.

CON QUALI BAND SEI CRESCIUTO? QUALI HANNO MAGGIORMENTE INFLUENZATO LA TUA FORMAZIONE MUSICALE?
“Sicuramente Eddie Van Halen è stata una mia fortissima influenza. Poi direi anche Thin Lizzy, Led Zeppelin e U2. Mi piace molto come suona The Edge. Non è un chitarrista propriamente ‘heavy’, ma ha uno stile unico e riconoscibile tra mille, suonando molte belle canzoni con gran gusto sia nei riff, sia negli assoli”.

TI PIACE QUALCHE BAND DI MODERN ROCK?
“Onestamente non seguo molto la scena moderna, sono maggiormente legato alle band di rock/metal tradizionale come gli Edguy, che pur essendo anagraficamente molto giovani hanno partorito prodotti di ottima qualità”

NEL VOSTRO PRECEDENTE ALBUM AVETE COVERIZZATO “PINBALL WIZARD” DEGLI WHO E QUESTA VOLTA È TOCCATO ALLA CELEBERRIMA “MY SHARONA”. QUALI SONO I MOTIVI DI QUESTA SCELTA?
“La scelta è stata del tutto naturale. Eseguendola spesso, ci siamo accorti che veniva piuttosto bene e di conseguenza abbiamo deciso di includerla nel disco”.

AVETE GIÀ DECISO COME IMPOSTARE IL SUCCESSORE DI “THUDERDOME”? RIMARRETE SUGLI STANDARD CLASSICI O INSERIRETE QUALCHE PICCOLA NOVITÀ NEL SOUND?
“Onestamente siamo molto occupati a promuovere il nostro lavoro e non abbiamo nessuna nuova canzone pronta. Quindi al momento non saprei che dire…sicuramente ci impegneremo a scrivere una manciata di ottime rock song!”.

VOI SPESSO SIETE MENZIONATI COME L’EX BAND DI ANDI DERIS. CHE RICORDO AVETE DI LUI? E COSA PENSI DELLO STILE DEL VOSTRO ATTUALE SINGER, DAVID READMAN?
“Be’, sicuramente Andi è un ottimo cantante e abbiamo trascorso insieme molti momenti divertenti e importanti. Poi gli si è presentata l’occasione con gli Helloween e noi abbiamo trovato un ottimo sostituto dal notevole talento. David è un ottimo cantante dotato di una timbrica pulita e calda che si rifà ai rock singer degli anni ’70. Sta svolgendo un ottimo lavoro con la band e penso che i risultati parlino da soli”.

BENE ALFRED, È TUTTO: CONCLUDI L’INTERVISTA COME MEGLIO CREDI…
“Ringrazio tutti coloro che seguono con passione la band e invito gli scettici ad ascoltare qualche canzone tratta dal nostro ‘Thunderdome’… penso che non rimarranno delusi!”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.