WITHERED – Preview of Hell

Pubblicato il 10/10/2005 da
 
Dopo un paio di demo e una serie di date live che avevano avuto un buon successo negli Stati Uniti, la sempre attenta Lifeforce Records si è assicurata quasi a tempo di record le prestazioni dei giovani Withered. E i nostri – tanto per far capire alla label che l’investimento era giusto – hanno pensato bene di sfornare subito un bell’album come “Memento Mori”, vera apoteosi di libertà espressiva come non se ne sentiva da qualche tempo. Ai nostri microfoni, per spiegarci tutto sulla band e sul suo primo capitolo discografico, è intervenuto il chitarrista/cantante Mike Thompson…
 
 

HO LETTO CHE I WITHERED SONO PRATICAMENTE UN SIDE-PROJECT DI ALCUNI MEMBRI DEI SOCIAL INFESTATION: VUOI SPIEGARMI PERCHE’ AVETE DECISO DI FORMARE QUESTA BAND?
“E’ esatto, i Withered sono praticamente la nuova band di Chirs Freeman e del sottoscritto. Entrambi facciamo parte dei Social Infestation, una gruppo crust punk che ha base ad Atlanta. Abbiamo deciso di fondare questa band perchè entrambi amiamo il metal estremo e perchè ultimamente con i Social Infestation le cose non stavano andando troppo bene: il nostro bassista era sempre impegnatissimo e dunque non si riusciva a suonare con continuità”.

MA ORA QUAL’E’ LA VOSTRA PRIORITA’?
“Sicuramente i Withered! I Social Infestation rimarranno fermi finchè il nostro bassista non si sarà almeno un po’ liberato dai suoi impegni. Inoltre ‘Memento Mori’ sta venendo accolto davvero bene, quindi non avrebbe senso smettere di promuoverlo per dedicarsi ad un gruppo che per ora è assai meno redditizio e popolare”.

PERCHE’ AVETE SCELTO IL NOME WITHERED PER QUESTO VOSTRO NUOVO PROGETTO?
“Sin dall’inizio il nostro obiettivo è stato quello di suonare musica oscura e angosciante. Withered (appassito, ndR) ci sembrava dunque il nome più adatto a rappresentare ciò che volevamo proporre!”.

“MEMENTO MORI”, IL VOSTRO DEBUT ALBUM, E’ STATO PUBBLICATO DALLA LIFEFORCE RECORDS: COME SIETE ENTRATI IN CONTATTO CON QUESTA VALIDISSIMA CASA DISCOGRAFICA?
“Nel 2004, subito dopo aver realizzato il nostro primo demo, ci siamo imbarcati in un breve tour lungo la east coast degli Stati Uniti. Ad uno di questi concerti erano presenti dei ragazzi della Relapse Records, i quali ci hanno chiesto una copia del demo e l’hanno fatta avere a Drew Juergens, che allora era uno dei responsabili della label. Lui ci ha contatatti subito perchè i brani gli erano piaciuti molto ma di lì a poco si è licenziato dalla Relapse per diventare il boss della filiale americana della Lifeforce. Appena accasatosi presso quest’ultima, Drew ci ha proposto un contratto e noi abbiamo firmato immediatamente! Siamo molto felici di far parte del roster di questa etichetta”.

LA MUSICA DEI WITHERED E’ PIUTTOSTO ORIGINALE: MISCHIATE VARI GENERI E LO FATE NEL MIGLIORE DEI MODI! COME AVETE FATTO A TROVARE QUESTO STILE?
“Non è stato difficile, semplicemente suoniamo la musica che ci piacerebbe ascoltare. A dire il vero, all’inizio volevamo orientarci verso un sound maggiormente black metal, ma poi abbiamo iniziato a comporre in maniera più spontanea e in men che non si dica sono nate quasi tutte le song del disco. I riff sono particolari e sono influenzati dai generi più disparati ma ci sembrava che assieme funzionassero, quindi non abbiamo ritoccato nulla! Tra vecchio death metal svedese, influenze black e di metal moderno, parti grind devastanti e growling e screaming vocals ce n’è per tutti i gusti… e credo che qui stia il bello!”.

MA QUALI SONO LE BAND CHE IN ASSOLUTO PIU’ VI HANNO INFLUENZATO? DISMEMBER, MASTODON…?
“Sì, sicuramente le due che hai detto, ma aggiungerei anche Grave, Immortal, Entombed, Weakling, Neurosis e High On Fire. Credo che i paragoni con i Mastodon sorgano soprattutto a causa del modo di suonare del nostro drummer, il quale è molto tecnico e di estrazione jazz. A quanto ne so io, Brann dei Mastodon ha lo stesso tipo di influenze”.

VOGLIAMO ORA PARLARE DEI TESTI? DI COSA PARLANO?
“I nostri testi sono abbastanza criptici e sono tutti ispirati a nostre esperienze personali o a riflessioni sulla morte. Il titolo del disco, del resto, la dice lunga”.

E’ DIFFICILE SUONARE QUESTO TIPO DI MUSICA NEGLI STATI UNITI, SOPRATTUTTO NEL PIENO DELLA MODA DEL METALCORE? CHE COSA NE PENSI DI QUESTO GENERE O DELLA COSIDDETTA “NEW WAVE OF AMERICAN METAL”?
“Noi andiamo avanti per la nostra strada e ci importa poco se la nostra musica viene capita o meno. Il metalcore comunque sarà anche una moda, però non sta avendo del tutto un’influenza negativa sulla scena: molti ragazzi che ascoltano questo genere si stanno avvicinando al metal vero e proprio e ciò non è affatto male. Purtroppo oggi ci ritroviamo con mille band che suonano tutte la stessa cosa senza un briciolo di personalità, ma puoi star certo che tra pochi anni saranno rimaste solo quelle davvero valide. Tutte quelle che si sono sempre limitate a copiare Darkest Hour e compagnia moriranno nell’indifferenza”.

PENSI CHE IL VOSTRO GENERE DI MUSICA SARA’ MAI DI MODA?
“Non lo so, i Mastodon oggi sono popolarissimi ma bisogna ammettere che si tratta di veri e propri fenomeni, loro sono un caso a parte. Magari un giorno i media inizieranno a dire che il metal è cool e mainstream e allora tutte le band della scena inizieranno a vendere migliaia di dischi e ad essere adorate da una schiera di teenager! Onestamente dubito che ciò accadrà, quindi sarà meglio iniziare a pensare ad organizzare un po’ di tour per convincere la massa che siamo bravi (ride, ndR)! O magari potremmo cominciare ad indossare delle tute e delle maschere strane… così sì che desteremmo l’attenzione (ride ancora, ndR)!”.

AVETE IN PROGRAMMA DEI TOUR? CI SARA’ LA POSSIBILITA’ DI VEDERVI DAL VIVO IN EUROPA?
“Negli USA suoniamo abbastanza spesso mentre faremo la nostra prima calata oltre oceano solo a dicembre, quando supporteremo i Mastodon nel loro mini tour in Gran Bretagna. Per il resto d’Europa se ne parlerà nel 2006”.
 
OK, GRAZIE MILLE PER L’INTERVISTA, MIKE…
“Grazie a te, apprezziamo molto il supporto che ci stai dando. Un saluto ai metalhead italiani, speriamo di vederci presto!”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.