MEGADETH – So Far, So Good…gli anni d’oro

Pubblicato il 18/09/2019 da

 

Per quanto interessanti ed appassionate, spesso le autobiografie musicali peccano di un vizio di forma e cioè quello di presentare un’immagine fin troppo edulcorata delle situazioni, eventi e personaggi che ne formano il contenuto, finendo per donare un impronta sicuramente colorita, ma poco veritiera circa quanto narrato nel libro. Questo rischio viene completamente evitato ed anzi ampiamente debellato dal nuovo libro di Martin Popoff sui Megadeth, o più precisamente sul loro padre-padrone Dave Mustaine.

Seguendo infatti un rigoroso percorso di riferimenti, citazioni e larghe porzioni di interviste ai protagonisti più o meno prossimi della interminabile carriera dei Megadeth, Popoff realizza un lavoro che ‘parla da sé’, inserendo poco o nulla in quanto a giudizi ed opinioni personali e lasciando emergere un profilo quantomeno spietato (quando non apertamente denigratorio) circa la personalità complessa del rosso chitarrista americano. E’ questo sicuramente il carattere più scioccante del nuovo lavoro pubblicato da Tsunami, la biografia di un antieroe affogato nei suoi vizi, vittima della rabbia e della sua personalità scontrosa, insuperabile talento artistico e musicale che saprà però raggiungere risultati favolosi con la forza della tenacia e della determinazione e scrivere alcune delle pagine più appassionate ed apprezzate della musica metal internazionale. Una figura scomoda ma fondamentale, resa dall’autore con pennellate grezze e allo stesso tempo affettuose, in grado di riuscire a ricomporre in una visione coerente ed antitetica l’effigie di una rockstar sempre al limite, nella buona e nella cattiva sorte. Partendo dalla famigerata cacciata di Mustaine dai Metallica, spettro intramontabile che aleggia perpetuo anche tra le pagine di questo libro, la disamina in questione affronta la carriera dei Megadeth fin dai suoi esordi tossici ed eccessivi, passando per il periodo di maggior successo della formazione ‘classica’ e concludendosi appunto con il racconto di “Cryptic Writings”, fine di un periodo stellare per la band californiana. Passo dopo passo, il report di Popoff è incalzante ed esaustivo, capace di affrontare ogni aspetto, da quello commerciale a quello personale ed intimo con grande coerenza narrativa, permettendo di immergersi nell’evoluzione di Megadave e del suo gruppo con uno sguardo ampio e variegato. Non mancano infatti gustosi episodi legati alle registrazioni in studio, al reclutamento dei tanti musicisti che hanno militato alla corte di Mustaine e alla loro cacciata, senza considerare il dettagliato commento tecnico e musicale dedicato ad ogni canzone della corposa discografia in questione, insomma un lavoro certosino ed accurato che saprà accattivarsi l’attenzione di musicisti, giornalisti, fan sfegatati ed anche naturalmente tutti coloro semplicemente interessati a far luce sul percorso di una delle più importanti metal band ancora in circolazione.

Il grande pregio di questo libro insomma rimane il carattere conciso ma onnicomprensivo adottato dal suo autore, che dopo circa cinquanta volumi dedicati ad hard rock, classic ed heavy metal, sa sicuramente come tenere attaccato il lettore al suo libro pagina dopo pagina. “Megadeth” in definitiva, racconta le vicende di un uomo, delle sue sconfitte e delle sue vittorie in maniera sincera, rigorosa, regalando uno spaccato inedito ed affascinante circa le mille sfaccettature che hanno costruito nel tempo il mito dei Megadeth e del loro insostituibile mastermind.

MEGADETH – So Far, So Good…gli anni d’oro
Autore: Martin Popoff
Anno:2019
Pubblicato da: Tsunami Edizioni
Pagine: 191

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.