MICHAEL SWEET – Honestly My Life And Stryper Revealed

Pubblicato il 08/07/2014 da

Michael Sweet - Resize - 2014

A ridosso della recente pubblicazione di “Honestly My Life And Stryper Revealed” è divampata sul web una polemica, poi sedata dal buonsenso e dalla comprovata capacità dialogica dei due protagonisti, tra Nikki Sixx dei Mötley Crüe e Michael Sweet, a causa di un equivoco scaturito da una frase parzialmente estrapolata (“Se comprate questo libro con la speranza di leggere delle storie che mi ritraggono chiuso in un armadio a farmi di eroina, a pagare prostitute con tutti i miei risparmi o a farmi sbattere fuori dal proprietario di un club alla moda, probabilmente dovreste leggere la biografia dei Mötley Crüe, in quanto non troverete tutto ciò nel mio libro”) dal primo capitolo della suddetta autobiografia. Se la bufera sia una trovata pubblicitaria per alimentare il giusto hype o un genuino malinteso non ci è dato sapere, resta il fatto che il libro in questione rappresenta un’occasione imperdibile per chiunque abbia avuto il desiderio di apprendere le gesta del leader e principale compositore dei cult heroes cristiani: gli Stryper.
La strepitosa band americana è da sempre orientata nei confronti di un hard rock ultra tecnico e ad alto tasso melodico, che negli anni ottanta ha ottenuto un buon successo oltreoceano e ha destato al contempo una forte curiosità tra gli appassionati per le tematiche trattate, di stampo cristiano. Non crediate dunque di imbattervi in goliardiche storie di sesso estremo, condite da uno smodato consumo di incalcolabili quantitativi di droga; avrete semplicemente modo di leggere una testimonianza scritta da una persona che ha dedicato la propria vita alla Fede e alla musica. Il volume è ottimamente avvolto da una copertina rigida, dalla quale spicca la foto del personaggio catturato con lo sguardo pensieroso, capace di ritrovare sè stesso dopo una vita trascorsa tra innumerevoli alti e bassi. Il precoce talento musicale cammina di pari passo con la sua adesione al cristianesimo, entrambi fattori decisivi che gli permettono di intrarendere un cammino musicale in lenta e costante ascesa prima nei Roxx Regime, poi negli Stryper. Di lì a poco, si scatena una cospicua frangia di attivisti cristiani completamente incapaci di accettare che la parola di Dio venga profusa attraverso una musica reazionaria come l’heavy metal. Sul versante opposto gli Stryper ottengono il disprezzo incondizionato dai metallari duri e puri, restii ad accettare la loro proposta quanto meno singolare. Contro ogni previsione, però, questi ultimi raccolgono una popolarità imprevista su MTV, ma il sogno dura poco perché alla fine degli anni ottanta il successo volta loro le spalle, causando la disgregazione tra i componenti stessi. Tra una carriera solista mai decollata del tutto ed una serie di eventi che hanno messo a dura prova la sua esistenza, questo combattente ha dimostrato una straordinaria tenacia che lo ha traghettato ad oggi in una rispettabile seconda giovinezza artistica e umana.
Il linguaggio adottato dall’autore (il quale si è avvalso della collaborazione del manager Dave Rose e del giornalista Doug Van Pelt) è semplice e scorrevole, estremamente abile nel rendere codesta lettura piacevole e facilmente comprensibile a chiunque abbia maturato almeno una solida infarinatura di inglese scolastico. Sulla quarta di copertina, troviamo inoltre una manciata di brevi ma significativi commenti curati da alcune celebrità di spicco del calibro del wrestler Chris Jericho, del bizzarro leader dei Megadeth Dave Mustaine e di Twiggy Ramirez, storica spalla del provocatorio Marilyn Manson. Con una spesa complessiva di venticinque dollari avrete l’opportunità di portare a casa una testimonianza preziosa di vita vissuta, seriamente capace di farci riflettere, indipendentemente dal proprio Credo. Ben fatto, Michael.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.