REVELATIONS – Gli Iron Maiden dalle origini a Seventh Son

Pubblicato il 27/01/2020 da

 

Frutto della tenace e appassionata scrittura di Martin Popoff – restituita benissimo nella traduzione di Stefania Renzetti – arriva anche in Italia, grazie alla inossidabile casa editrice Tsunami, “Revelations – Gli Iron Maiden dalle origini a Seventh Son”. Si tratta di una monografia, ampia e approfondita, dedicata alla carriera della band inglese nel periodo che va dalla fine degli anni Settanta (anni in cui si forma la band in modo embrionale) alla fine degli anni Ottanta.
Nella introduzione Popoff specifica che è nelle sue intenzioni proporre (come già fatto in altri suoi saggi dedicati ad altre band) una suddivisione temporale, scandendo la carriera dei Maiden in una periodizzazione che, a ben vedere, ha molto senso: è effettivamente innegabile che la band di Steve Harris abbia iniziato un percorso diverso dopo la pubblicazione di “Seventh Son Of A Seventh Son” – per motivazioni legate ai cambi di line-up, ma, specialmente, per una direzione musicale che negli anni Novanta andrà a discostarsi ampiamente dal discorso portato avanti durante il decennio precedente. Inutile negare, inoltre, che i ‘veri’ Iron Maiden sono, per molti ascoltatori, quelli presi in esame in questo testo: Popoff ne è ben consapevole e non nasconde una sua opinione in linea con questo pensiero, dedicando ampie ed entusiastiche pagine allo scavo quasi ermeneutico nei meandri di lavori come “Powerslave” e “Somewhere In Time”.
Il volume si presenta ricco e molto ben curato: una ricognizione dal ritmo rapido e quasi narrativo che immerge il lettore nelle cantine e nelle sale prove dove prendevano forma le idee di Harris, passando poi dai palchi infuocati dalle performance Paul Di Anno, fino ad arrivare all’epica immortale che ammanta gli album con Dickinson. Ogni dettaglio della storia della band ha il suo spazio, approfondito ma sempre con piglio leggero e quasi piacevolmente ‘cazzone’: dai delicati cambi di formazione agli approfondimenti degli allestimenti on stage, nulla viene messo in secondo piano, in un resoconto impreziosito anche da stralci di interviste inedite e dichiarazioni raccolte in presa diretta che non possono non ingolosire i fan più incalliti della Vergine di Ferro. Interessante anche l’appendice composta da foto e immagini inedite, che va a corredare un’edizione già molto bella nel formato e nella cura estetica.
“Revelations” è un libro che prova a essere trasversale: un bellissimo oggetto da collezione per i fan di una belle band più importanti nella storia della musica, e al contempo un buon punto di partenza per gli ascoltatori ‘alle prime armi’, utile per poter mappare la dinamica vita che scorreva nel mondo della musica metal in quella che senza paura può essere considerata l’età dell’oro dell’intero genere.

 

  • Autore: Martin Popoff
  • Anno: 2019
  • Pubblicato da: Tsunami Edizioni
  • Pagine: 256
  • Prezzo: 22 €
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.