10/06/2010 - Alice In Chains – Padova @ Alice In Chains - Padova -

Pubblicato il 15/06/2010 da

 

Live report a cura di Luca Paron

Un pezzo di storia. Che siate tra quelli che non vedevano l’ora di risentire i tanti capolavori composti dal quartetto americano, o tra i detrattori critici già sul fatto stesso di non aver mutato nome e chiamarsi ancora Alice In Chains, difficile non ammettere l’importanza e l’impatto avuti dalla band sulla scena hard & heavy. Importanza condivisa con Nirvana, Soundgarden e Pearl Jam per quanto riguarda l’espressione più veritiera e riuscita di quel disagio esistenziale che stava alla base del movimento e della musica grunge, più appartenente se pensiamo a quanti artisti hanno saccheggiato il modo di scrivere tipico della coppia Staley-Cantrell. Jerry Cantrell, Mike Inez, Sean Kinney e un William DuVall ormai non più pietra dello scandalo, sono oggi perfettamente rodati, riuscendo ampiamente a far dimenticare le non esaltanti esibizioni del primo periodo post-reunion (parliamo del 2006…), anche grazie al buonissimo “Black Gives Way To Blue”, inserito in molte delle playlist dei migliori dischi 2009 e riprova della sincera volontà del gruppo di non adagiarsi sugli allori, ma di voler intraprendere un ulteriore cammino sulla via dell’evoluzione musicale dei propri trademark, così come sempre fatto. Vi raccontiamo di seguito il concerto che gli Alice In Chains hanno tenuto al Gran Teatro di Padova, la sera dell’undici giugno scorso…

 

ALICE IN CHAINS

Contriamente a tutte le fonti di informazione "istituzionali" (biglietto, siti ufficiali, manifesti) non è prevista la presenza di alcun gruppo di apertura, tanto da far pensare che il famigerato special guest sbandierato per le tre date italiane si sia perso per strada. E anche gli orari riportati sono stati seguiti con una certa approssimazione, passando l’apertura cancelli dalle 18.30 alle 20.00, e l’inizio concerto dalle 20.00 alle 21.33 (per la precisione…). Ma tant’è, il metallaro italico si adatta creando opportunità dalle necessità: lunghe infatti le file di fronte ai baracchini di cibo e bevande (per una volta ottimi) e palpabile l’atmosfera pre-show di socializzazione collettiva, col risultato di far respirare il classico clima da festival pur con un gruppo solo a suonare. L’età media dei presenti non mente, collocando negli anni novanta le radici dell’amore per la band: pochi i convenuti sotto i venticinque anni, ma tanto l’entusiasmo con il quale si attende al varco chi probabilmente non si era mai visto dal vivo. E quando succede, non potrebbe essere in modo migliore: già dall’iniziale "All Secrets Known", apertura anche dell’ultimo album,la risposta dell’audience è pazzesca, coprendo quasi gli ottimi intrecci vocali di DuVall e Cantrell. "It Ain’t Like That" e "Again" continuano sullo stesso solco, erigendo un muro di chitarre e basso (quasi sempre distorto) che non sarà abbattutto per la serata intera. "Check My Brain" alza ancora la temperatura ma il trittico "Them Bones", "Dam That River", "Rain When I Die" è addirittura difficile da sostenere da quanta adrenalina e lacrime fa rilasciare. A riportare l’atmosfera ai giorni del grunge contribuisce anche la camicia simil-flanella di Mike Inez, mai fuori posto e efficacemente coordinato con Kinney alla batteria. Momento più rilassato con "Your Decision", pezzo che si inserisce perfettamente nel mood poi ribadito da una commovente "Nutshell" più tardi cantata all’unisono da ogni forma di vita presente. Ancora alternanza tra vecchi e nuovi pezzi con "No Excuses", "We Die Young", la sulfurea "A Looking In View", la "Lesson Learned" che profuma di Corrosion Of Conformity e "Acid Bubble". Ma il meglio deve ancora venire e il concerto si chiude con capolavori assoluti: una "Down In A Hole" ben suonata, credibile e sentita sul palco e fuori, "Angry Chair", "Man In The Box" e nel bis le immancabili "Would?" e "Rooster" deflagrano emotivamente su un pubblico mai sazio che pende dalle chitarre di Cantrell e DuVall, per un’orgia finale di nostalgia, soddisfazione e voglia di ripetere l’eperienza. Che Dio ce li conservi così…

SETLIST
All Secrets Known
It Ain’t Like That
Again
Check My Brain
Them Bones
Dam That River
Rain When I Die
Your Decision
No Excuses
We Die Young
A Looking In View
Nutshell
Lesson Learned
Acid Bubble
Down In A Hole
Angry Chair
Man In The Box

Encores:
Would?
Rooster

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.