19/06/2009 - Dark Quarterer @ Teatro Dei Concordi - Campiglia Marittima (LI)

Pubblicato il 01/07/2009 da

Live report e foto a cura di Alessandro Corno

 

 

È il mese di marzo quando riceviamo l’invito da parte di Gino Sozzi, manager dei Dark Quarterer, per la serata del 20 giugno, quando la storica band di Piombino registrerà il suo primo live DVD nel teatro settecentesco Dei Concordi a Campiglia Marittima. Ovviamente non potevamo mancare e dopo una giornata di mare e quattrocento chilometri di strada arriviamo nel tranquillo paese, una località in stile medievale arroccata su un’altura che offre un panorama stupendo della costa toscana. Bellissimo anche il piccolo teatro dove è stato allestito il set e dove veniamo fatti accomodare nelle prime file. Le poltroncine e il sipario in velluto rosso, le luci calde, gli ottoni e le  gallerie che sovrastano la platea hanno un fascino speciale che nessuna arena concerti convenzionale è in grado di trasmettere. Giusto il tempo per scambiare due chiacchiere con Gianluca Grazioli di Eutk, che Gino Sozzi sale sul palco e presenta la serata, sottolineando l’importanza e l’unicità di un evento come questo. “Signore e signori, i Dark Quarterer”.

 

 
  

DARK QUARTERER

La campana ha suonato da poco le dieci quando i Dark Quarterer danno inizio allo show sulle note di “Wanderning In The Dark”, opener dell’ultimo spettacolare “Symbols”, album che questa sera verrà eseguito interamente. Le note scorrono fluide e spontanee dalle mai dei quattro musicisti, i quali sentono di trovarsi di fronte ad una grande occasione e forse per questo mostrano un tantino di tensione nei primi minuti. L’esecuzione è ad ogni modo di altissimo livello, con Gianni ovviamente al centro del palco e dell’attenzione, perfetto sia nella sua performance canora che al basso. Il concerto è molto curato sia come suoni che come impatto visivo, con la proiezione sul fondo del palco di immagini inerenti i contenuti dei brani. Il resto dell’allestimento è minimale ma è colpo d’occhio del teatro  il vero e bellissimo aspetto scenografico.  A fine pezzo una lunga pioggia di applausi accompagna il gruppo verso “Ides Of March”, seguita dalla lunghissima “Pyramids Of Skulls”. Il tocco di Paolo è infallibile e anche Francesco Sozzi dà ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, prova di essere un grande chitarrista, capace sia di velocissimi soli che farebbero impallidire i molti pseudo virtuosi della Domenica in circolazione, che di passaggi più lenti e carichi di emozione. Molto più tranquillo ma altrettanto fondamentale Francesco Longhi alle tastiere. Il gruppo sta registrando un live che verrà venduto in tutto il mondo dunque a Gianni spetta il compito di introdurre con la sua solita pacatezza ogni brano sia in italiano che in inglese. Comodamente seduti in poltrona ci gustiamo in ogni sua nota “The Blind Church” e “Shadow Of The Night”, perfetti esempi di come l’epic progressive dei quattro toscani abbia oggi raggiunto livelli di raffinatezza e personalità, che parecchi colleghi molto più blasonati manco si sognano. Anche i migliori però a volte sbagliano e complice un caldo insopportabile su “Crazy White Race” Paolo perde una bacchetta ed il gruppo interrompe il brano. Qualche battuta, qualche sorriso e tra gli applausi Gianni precisa con fare scherzoso come questa sera l’errore sia assolutamente vietato. Il pezzo viene dunque ripetuto e alla band spetta una meritata pausa prima del rietro in scena con la storica “Dark Quarterer”. Nella seconda parte dello show il gruppo ripropone brani dai suoi album precedenti e d’obbligo sono “Colossus Of Argil”, anche questa ripetuta per la rottura di una corda della chitarra, e “Retributioner”. Ci si avvia verso la conclusione con le stupende “Lady Scolopendra” e “Deep Wake”, al termine della quale il pubblico si alza dalle poltroncine per una lunga standing ovation che si ripete anche sul finale della conclusiva “Last Song”. Dopo tre intense ore di concerto Gianni ringrazia tutti i presenti, da chi si è fatto chilometri e chilometri per raggiungere il tranquillo paese toscano, tra cui anche degli svedesi, a chi ha contribuito alla riuscita della serata.  Complimenti dunque ai Dark Quarterer, una band fiera di essere ancora un gruppo underground e per questo libera di esprimersi artisticamente come meglio crede. Un applauso anche a chi crede in loro come Giuliano Mazzardi della My Graveyard e il manager Gino Sozzi, il vero organizzatore  e promotore di questo bellissimo evento. Ora aspettiamo il live DVD, la cui uscita è prevista per inizio dicembre.

SETLIST:

Wandering In The Dark  
Ides Of March
Pyramids Of Skulls
The Blind Church
Shadow Of The Night
Crazy White Race
Dark Quarterer
Colossus Of Argil
Retributioner
Lady Scolopendra
Deep Wake
Last Song

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.