02/06/2016 - GODS OF METAL 2016 @ Autodromo Nazionale Monza - Monza

Pubblicato il 02/06/2016 da

GODS OF METAL 2016
02/06/2016 – Autodromo Nazionale di Monza – Monza

gods of metal - locandona definitiva - 2016


Running order
:

Apertura porte: 10.00

11.00 – 11.25 OVERTURES
11.40 – 12.05 PLANETHARD
12.30 – 13.00 JEFF ANGELL’S STATICLAND
13.30 – 14.00 THE SHRINE
14.30 – 15.15 HALESTORM
15.45 – 16.30 GAMMA RAY
17.00 – 18.00 SIXX:A.M.
18.30 – 19.45 MEGADETH
20.15 – 21.30 KORN
22.00 – 24.00 RAMMSTEIN

 

Introduzione
Quattro lunghi anni di attesa, dal 2012 al 2016: tanto ci è voluto per veder rinascere il Gods Of Metal, la manifestazione heavy metal/hard rock più storicamente importante e conosciuta in terra italica. Dall’edizione fantasmagorica del 2012, quando si esibirono in quattro giorni Manowar, Guns ‘n’ Roses, Motley Crue e Ozzy & Friends, passiamo oggi, 2 giugno 2016, ad un’edizione in unica giornata con dieci band ad esibirsi. Inutile stare qui a commentare la decurtazione del giorno supplementare previsto fino a qualche mese fa, e le polemiche nate dopo le defezioni di Kiss e Down, avvenute per motivazioni completamente diverse. Ci vogliamo concentrare invece sul presente, per viverci al meglio questa dodici ore e passa di musica rock e metal, oltretutto in una location davvero bella e funzionale – non fosse solo per l’elevato chilometraggio da fare per accedere all’area concerti vera e propria: un ampio stralcio di terreno erboso, all’interno dell’Autodromo Nazionale di Monza, a sua volta contenuto nel maestoso Parco di Monza, è stata adibita a spaziosissima parterre rock, davvero degna, finalmente, di uno dei tanto ammirati festival estivi esteri. Speriamo più che altro che il tempo regga, in quanto le previsioni sono poco incoraggianti. Nel momento in cui scriviamo, la mattinata è instabile e nuvolosa, ma la temperatura è ideale ed il Sole fa ancora spesso capolino.
Due parole, infine, sul bill presenziante in questa edizione: Megadeth e Gamma Ray sono le uniche due compagini ascrivibili al 100% all’ambito metal tout-court, mentre con Rammstein e Korn entriamo in zona ‘mostri sacri del metallo alternativo e industriale’; inutile scrivere che, attualmente, i ragazzi di Berlino forniscano uno degli show più attraenti e spettacolari al mondo (rimanendo chiaramente nel campo di nostro interesse), mentre la band di Jonathan Davis si trova nel bel mezzo di una seconda vita, capace di campare di rendita ma anche di conservare uno zoccolo duro di diehard fan. I Sixx: A.M. forniranno probabilmente una performance energica, alla loro prima calata europea in assoluto (e quindi italica), così come gli Halestorm si confermeranno una realtà sicuramente valida. Curiosità, infine, per il primo poker di formazioni in running order, con Overtures e Planethard a tenere alto il bandierone italiano e Jeff Angell’s Staticland e The Shrine a cercare di farsi notare il più possibile.
Siamo un po’ in ritardo con la nostra tabella di marcia allo stand, ma ora ci siamo attrezzati in pieno e vi invitiamo a seguire il nostro report in diretta,, al solito corredato dalle foto della manifestazione.
Buona giornata, ragazzi!
(Marco Gallarati)

gom-20160602-193841-_MG_3022

Crediti stand e report in diretta
Organizzazione e allestimento stand: Alessandro Corno, Luca Corbetta e Boris Nieli
Fotografie (band e pubblico): Francesco Castaldo
Report in diretta: Giovanni Mascherpa (Rammstein, Sixx: A.M., Gamma Ray, The Shrine, Planethard), Marco Gallarati (coordinamento, introduzione, Overtures, Jeff Angell’s Staticland, Megadeth), Maurizio Borghi (Korn), William Crippa (Halestorm)

OVERTURES – 11.00 – 11.25

Provenienza: Gorizia, Italia
Facebook

Purtroppo, causa ritardi nell’arrivo all’area concerti, dovuti al lungo percorso da compiere, al ritiro pass alla cassa accrediti e ai vari controlli dovuti superare prima dell’accesso allo spiazzo erboso, ci perdiamo mezza esibizione degli opener Overtures (un nome, un ruolo destinato!), band goriziana che propone un melodic power metal di discreta fattura con chiare influenze hard rock. I suoni non sono ancora perfezionati, anzi, e l’ambientazione open-air, con un vento moderato che infastidisce, non aiuta certo i nostri portacolori. L’afflusso è ancora limitato, ma la giornata sarà lunghissima perciò ci aspettiamo un buon pubblico. I venticinque minuti concessi agli Overtures, quindi, trascorrono in un lampo e si passa rapidamente a volgere lo sguardo attorno, studiando l’happening e quanto predisposto dall’organizzazione per vivere la giornata nel miglior modo. Peccato non poter dirvi di più sui friulani, ci scusiamo vivamente con loro.
(Marco Gallarati)

PLANETHARD – 11.40 – 12.05

Provenienza: Milano, Italia
Facebook

La vincono con il camaleontismo, i Planethard, la prova del Gods Of Metal. I primi slot sono un onore ma anche una mezza mortificazione, a volte, dato il poco pubblico presente e una certa pigrizia degli astanti nel seguire qualcuno che non conosce bene. L’act milanese la mette giù dura, mischiando chitarroni modern thrash a melodie fini di stampo progressive. I suoni ci fanno tirare un sospiro di sollievo, dignitosamente definiti e su volumi abbastanza alti, che non deprimono la botta di suono della formazione. Emerge la voce potente e cangiante di Alberto Zampolli, in palla fin dalle prime battute e ben coadiuvato dalle due seconde voci. A un’apertura fra il power e il prog alla Dream Theater fa presto seguito un’alternanza convincente di frangenti quadrati e massicci e scivolamenti nella delicatezza, ingentiliti da gorgheggi sottili e solismi di gran gusto. All’altezza di “This World”, terzo brano in scaletta, si alza l’asticella della durezza e chi è già bello sveglio può lasciarsi andare a un po’ di headbanging liberatorio. I musicisti sono sciolti, felici dell’occasione di suonare a un festival così importante, e se la giocano bene, muovendosi disinvolti per l’ampio stage senza segnalare alcun impaccio. Chiedono l’apporto vocale dell’audience in un paio di situazioni, sul singolo dell’ultimo album “Now”, rilasciato nel 2014, e sull’ultimo pezzo in scaletta, ricevendo in cambio un urlo apprezzabile in termini di decibel. Causa pit, il colpo d’occhio è un po’ sconfortante, tanti ragazzi seguono lo show dalle transenne delimitanti la zona VIP dal resto della venue: è un peccato, perché di vuoto vicino al palco ce n’è molto. Al termine del quinto brano, i Planethard salutano ringraziando per un supporto comunque discreto e una prestazione che complessivamente ha soddisfatto chi ha un minimo di amore per sonorità sì progressive, ma belle robuste.
(Giovanni Mascherpa)

JEFF ANGELL’S STATICLAND – 12.30 – 13.00

Provenienza: Seattle, Washington, USA
Facebook

Non capiamo l’utilità di chiamare band di siffatto calibro al Gods Of Metal. Questa la scriviamo subito in quanto, in definitiva, è il pensiero comune che avrà attanagliato i presenti all’esibizione degli Staticland di Jeff Angell. Nulla contro il terzetto di Seattle, sia chiaro, anzi: la sua performance è stata sufficientemente convincente e grintosa, fautrice di un rock blueseggiante e psichedelico, di Doorsiana memoria e ricordante anche i più moderni Christian rocker Collective Soul. Vocalizzi rochi e poco melodici, chitarre distorte in giri circolari e groovy ma mai troppo violenti, un drumming portante che ha saputo il fatto suo ed un elemento caratterizzante, la pianola elettrica, tenuta troppo in secondo piano in fase di mixing suoni; tracce di basso pre-registrate – non partite, peraltro, durante la prima canzone – hanno completato la line-up di un combo che ha avuto la possibilità di usufruire di un dieci minuti in più, avendo cominciato prima rispetto all’orario di marcia. Un pubblico ancora distratto, impegnato a bere e rifocillarsi oppure a prendere il Sole, ha seguito con minima attenzione l’onesto show degli Staticland, tributando loro la minima, ma convinta, dose di applausi meritata. Il beltempo benedice per ora il Gods Of Metal 2016 e rimaniamo in attesa dei prossimi The Shrine.
(Marco Gallarati)

THE SHRINE – 13.30 – 14.00

Provenienza: Los Angeles, California, USA
Facebook

Solo rock’n’roll. Soltanto rock’n’roll. Visceralmente rock’n’roll. Null’altro sono i The Shrine, dalla California, tre ceffi con dei bei baffoni ad adornar loro il volto. Basterebbe questo dettaglio fuori moda per identificarli e farci capire chi abbiamo davanti. Nessuna sorpresa, infatti, quando parte un hard rock stradaiolo, grezzo e imperlato di sudore, fomentato da un chitarrismo libero, selvaggio, perso in una corsa a perdifiato fra fumosi giri hard degli anni ’70 e quel coacervo di spumeggianti riff a presa rapida che era la prima NWOBHM. A fare da propellente, un certo ruggente disordine ignorante figlio del primo punk e, ogni tanto, qualche grammo di grasso in fuoriuscita dalle chitarre che fa tanto stoner/rock. Un’esibizione sguaiata, quella del power-trio statunitense, che con l’ultimo “Rare Breed” ha raggiunto una sua maturazione nel segno di una rivisitazione alcolica e grezzona del verbo dei Thin Lizzy, con tutte le variazioni di cui sopra. E gli omaggi alla band di Phil Lynott si sprecano e coronano di un pizzico di valore artistico, in aggiunta a quello rumoristico dato quasi per scontato, una prestazione non da annali ma vissuta con grande trasporto e divertimento. Gli assoli di chitarra sono effettivamente piuttosto pregevoli e carichi di feeling, la voce stonata e un po’ afona in questo contesto ci sta tutta e contribuisce a un giudizio cautamente positivo su una mezz’ora di fiero hard rock senza troppe pretese. Chi c’è si diverte, peccato che, come già detto, nelle vicinanze del palco ci sia più gente intenta a navigare sullo smartphone e a sonnecchiare piuttosto che a seguire il concerto.
(Giovanni Mascherpa)

HALESTORM – 14.30 – 15.15

Provenienza: Red Lion, Pennsylvania, USA
Facebook

Sono ormai le 14.30 ed a presentarsi sul palco del Gods Of Metal 2016 è la band guidata dai fratelli Hale da Red Lion, Pennsylvania, gli Halestorm. Lzzy ed Arejay si battono il cinque a bordostage prima di irrompere sulle assi sulle note di “Apocalyptic”, primo singolo estratto dall’ultimo album “Into The Wild Life”: il pubblico reagisce alla grande e il gruppo, Lzzy Hale in primis, si mostra carico e voglioso di ‘spaccare’, anche se, come di consueto, Josh Smith e Joe Hottinger si portano nelle retrovie per lasciare il giusto spazio alla ‘Bad Girl Of Rock’. Si prosegue con “Love Bites” e “Mz. Hyde”, che tengono alta la tensione. Buona parte del pubblico sorprende e mostra di conoscere alla perfezione i brani, cantando a gran voce, prima che il mood generale si tranquillizzi con “Amen” e “Scream”, brani formalmente più articolati e meno di impatto. “I Am The Fire” e “Sick Individual” portano allo scioccherello drum solo di Arejay Hale, per fortuna abbastanza breve. La potenza di “Mayhem” precede “I Get Off” dal debut. Lzzy gioca con la voce ed incita i fan a seguirla, fan che affaticano molto le corde vocali ma si divertono nel siparietto. Arriva anche il turno di “Freak Like Me”, al termine della quale, con disappunto da parte dei presenti, viene annunciata l’ultima canzone per oggi, “I Miss The Misery”, che in versione prolungata chiude il set. Grande successo per la band, che vince e convince, con la cantante sugli scudi, acclamata a gran voce. Spiace che in una setlist da dodici brani non abbiano trovato spazio le rinomate ballad della band, “Break In” e “I’m Not An Angel” su tutte, ma questo è comunque il Gods Of Metal e l’energia è più consona dei dolci sentimenti.
(William Crippa)

GAMMA RAY – 15.45 – 16.30

Provenienza: Amburgo, Germania
Facebook

Quando la tua band è in fase calante e stai andando stancamente verso la pensione, l’avvicendamento alla voce principale è una scelta dolorosa, ma in molti casi vincente. Allunga la vita, con buona pace dei nostalgici. Ecco allora che ascoltare al posto di Kay Hansen, che ormai interviene solo alle secondi voci e in pochissimi frangenti alle lead vocals, il vocione pulito di Frank Beck alza esponenzialmente il livello dello show. Libera da zoppie e incertezze e permette al gruppo di spingere deciso, indirizzandosi verso il materiale più energico e di impatto. La batteria rimane troppo secca e metallica per l’intera durata del concerto e si perde qualcosa anche nelle ritmiche chitarristiche, ma tutto sommato ciò non inficia l’apprezzamento di una performance che entra subito nel cuore dei presenti. Il power melodico alle latitudini italiane fa sempre breccia, “Heaven Can Wait” infiamma un pit finalmente quasi tutto in piedi e fa alzare battimani convinti, anche da parte di chi è rimasto un po’ intorpidito fino a questo momento. Quando poi arriva il ripescaggio ruffiano degli Helloween con “I Want Out” abbiamo le prime mischie, che non vanno a calare neanche quando arrivano canzoni più recenti come “Master Of Confusion”, suonata con impeto, voglia, la necessaria volontà di non fare solo del revival ma di essere ancora un nome che conta sulla scena. La risposta è davvero buona e un’ottima risposta la ricevono anche “Man On A Mission” e “Rebellion In A Dreamland”, a unire passato e presente in un unico, saldo, abbraccio d’acciaio. Chiude all’insegna della velocità e delle melodie sorridenti “Send Me A Sign”, salutata da un altro scroscio d’applausi, a tenere a bada per ora una pioggia scesa un poco durante i Gamma Ray ma che almeno per il momento non si è scatenata sul prato del Parco di Monza.
(Giovanni Mascherpa)

SIXX: A.M. – 17.00 – 18.00

Provenienza: Los Angeles, California, USA
Facebook

Prima data di sempre su suolo europeo per la band di Nikki Sixx. Basterebbe questo per identificare come un momento storico il concerto dei Sixx:A.M., arrivati con “Prayers For The Damned” al quarto disco di una carriera che ha avuto finora soltanto momenti di assoluta eccellenza. E mentre negli Stati Uniti di tour ve ne sono stati parecchi dagli esordi di “The Heroin Diaries Soundtrack” ad oggi, solo quest’anno l’Europa ha avuto questo privilegio. In corrispondenza del loro arrivo, le nuvole si schiudono in parte e lasciano passare un po’ di sole, salutando musicisti che han fatto di positività e speranza i loro vessilli. Il primo a comparire è Dustin Steinke, truccato come nelle foto promozionali dell’ultimo album, che annuncia il primo brano con un’inconfondibile serie di colpi dati alla cassa. Segnale che diventa conferma definitiva con l’entrata in scena di uno zarrissimo DJ Ashba, sviolinante l’attacco di “This Is Gonna Hurt”. A ruota arrivano tutti gli altri, con le due graziose coriste a prendere posto alla destra del drummer. L’impasto sonoro è nei primi due pezzi abbastanza scarso nella pulizia, non tutto è ben distinguibile, anche se sono soprattutto i volumi a puntare verso il basso. Poco male, quando c’è classe in abbondanza e giganteggiano indiscusse fuoriserie del rock contemporaneo, si sorpassa qualsiasi empasse. La relativa freddezza del pubblico – a quanto pare da queste parti i Sixx:A.M. sono ancora un nome minore, vabbè… – non ferma un James Michael solo leggermente al di sotto della vastità vocale dei dischi, anche se è soprattutto il panteresco chitarrista, dalle movenze sornionamente feline, a lasciare senza fiato con le sue cromature piacione ed evocative. Passata “Rise” al mixer aggiustano il tiro e irrompe magnifico l’afflato drammatico di “When We Were Gods”, quando ci si accorge che quanto a potenza e pesantezza i Sixx:A.M. sono a tutti gli effetti un gruppo metal. Altrove, una “Everything Went To Hell”, con le coriste sugli scudi, formidabili anche nell’energia e nella coesione col resto dei musicisti, farebbe sfracelli: qua viene accolta col giusto brio solo dai diehard fan. Pazienza, “Prayers For The Damned” sfocia del tutto nell’incrocio fra opera rock, epica urbana e accenni spirituali che ha reso splendido l’ultimo lavoro in studio, prima di entrare in ‘zona classici’ con “Lies Of The Beautiful People”, seguita a ruota da un’altrettanto magica “Stars”. DJ Ashba e Sixx intanto vanno al limite del palco ad aizzare la folla, incrociando occhi e strumenti in un fuoco artistico ed emotivo con pochi eguali attualmente nelle sonorità mainstream. Con peccaminoso anticipo sull’orario di chiusura previsto, unico rimprovero a una prestazione assolutamente soddisfacente, arriva la celeberrima “Life Is Beautiful”, il primo tassello all’epoca di un’avventura che sta ridefinendo alcuni confini nel rock degli anni 2000. Finalmente il volume dei cori arriva quasi all’accettabile, dando il commiato ai rocker statunitensi.

Just open your eyes, open your eyes and see that life is beautiful!
(Giovanni Mascherpa)

Setlist:
This Is Gonna Hurt
Rise
When We Were Gods
Everything Went To Hell
Prayers For The Damned
Lies Of Beautiful People
Stars
Life Is Beautiful

MEGADETH – 18.30 – 19.45

Provenienza: Los Angeles, California, USA
Facebook

Con i Megadeth finalmente raggiungiamo un quasi-apice di concerto. Un’ora e un quarto di show compatto, intenso, aggressivo ed essenziale, con pochi fronzoli, poche parole e tanta, tantissima sostanza. Setlist divisa in tre parti e coreografia ‘listata a lutto’, senza backdrop e look in nero, i ‘Deth hanno fornito un’ottima performance, baciata anche da suoni buoni, con solo una (solita) grancassa troppo, troppo rimbombante. Dave Mustaine ha ormai la voce che ha, ma il carisma è intatto, supportato dal solito preciso Ellefson e da un Kiko Loureiro in gran spolvero, spalla ideale del leader maximo. “Hangar 18” decolla subito dopo l’intro, tempo qualche secondo di far salire il volume del microfono di Dave, e siamo proiettati in pieni mid-Eighties. “Wake Up Dead” e “In My Darkest Hour” sanciscono un inizio di set col botto. Poi si comincia ad alternare la setlist, tra brani nuovi, forse leggermente meno apprezzati, e canzoni tratte dalla discografia di mezzo della compagine californiana, quali “She-Wolf”, “Trust” e “Sweating Bullets”. Fra i pezzi nuovi, invece, segnaliamo “Dystopia”, “Fatal Illusion”, “Poisonous Shadows” e “Post-American World”. Il bannerone dietro la line-up è sostituito da una costruzione fantascientifica, ricordante il pannello comandi di un’astronave e vagamente richiamante la cover dell’ultimo full-length album, che proietta immagini ad hoc per ogni track suonata: un’effettistica piuttosto sobria e funzionale, senza essere enorme e/o distraente dall’atmosfera di lutto che permea l’esibizione dei Megadeth. Difatti, dopo aver suonato classici giganti del calibro di “Symphony Of Destruction” e “Peace Sells…”, Mustaine chiede un momento di silenzio per ricordare il recentissimo compianto Nick Menza. Sorvolando il fatto che il pubblico italiano è partito subito con un applauso fuori tono, il ricordo è stato breve ma intenso, culminato piuttosto con la proposizione di “Holy Wars…The Punishment Due”, brano-meraviglia che mai ci stancheremmo di ascoltare. Grandi ‘Deth, quindi, per uno show che ci ha riconciliato alquanto con il vero metallo, un po’ carente in questa edizione Godsiana 2016. E ora ci si prepara per i Korn, mentre il meteo regge, seppur tiri un vento serale ben freddino, e la gente ora è accorsa in maniera soddisfacente.
(Marco Gallarati)

KORN – 20.15 – 21.30

Provenienza: Bakersfield, California, USA
Facebook

Cala la sera sul Parco di Monza, la gente è in trepidante attesa per i Rammstein…ma prima ci sono i Korn, from Bakersfield, California. Remotissimi i tempi in cui la band rappresentava un’icona di depressione e disagio, oggi la formazione di Jon Davis si è evoluta in molteplici direzioni dal punto di vista stilistico, senza però perdere di vista la propria affezionatissima fanbase. Com’è giusto che sia, l’ora precisa di questa esibizione copre ogni periodo storico, con un occhio di riguardo alla ‘fase Silveira’, quella senz’ombra di dubbio nel cuore dei fan e quella che ha donato al gruppo la popolarità trasversale che gli permette di esibirsi dopo mostri sacri del thrash metal e appena prima degli headliner. Anche se non è più una novità, fa piacere vedere Head di nuovo nel gruppo, sebbene la complicità con Munky sembra essere sfumata negli anni, così come quella tra gli stessi compagni. Come sempre accade ultimamente, Davis è preciso e intonato: resta in primissimo piano a livello di volumi, non sbava ma non graffia, è evidente come sia diventato un vero cantante, ma quell’impeto viscerale che dovrebbero trasmettere “Blind”, “Somebody Someone”, “Freak On A Leash” e “Shoots And Ladders” è del tutto svanito. Del Jon Davis degli anni ’90 è rimasta giusto la bombola d’ossigeno, insomma. Uno show un po’ statico e freddo per chi li segue dagli esordi, ma ciò non vuol dire che non sia valso la pena di essere visto. Il pubblico, infatti, pare più che soddisfatto considerata la scaletta a prova di bomba e i momenti “acchiappa-like” (lo spezzone di “One” su tutti) che fanno alzare le corna a tutta l’arena. Come succede spesso, il gruppo si gioca “Blind” in apertura, “Shoots And Ladders” a metà spettacolo e “Freak On A Leash” in chiusura. Qualcuno lamenta l’assenza di “Another Brick In The Wall”, ma in realtà non ne sentiamo troppo la mancanza. Un’esibizione senza interruzioni che si stoppa un po’ troppo prima del dovuto – i Korn hanno suonato un quarto d’ora meno del previsto – ma che tutto sommato non ha deluso il pubblico eterogeneo di oggi.
(Maurizio Borghi)

RAMMSTEIN – 22.00 – 24.00

Provenienza: Berlino, Germania
Facebook

Assistere a un concerto dei Rammstein rappresenta una delle esperienze uditive e visive più gratificanti, totali, immaginifiche che un essere umano possa vivere. Trascende la musica, abbraccia l’arte nella sua totalità, coinvolgendo completamente i sensi, aspirando via tutto quello che nulla centra col concerto e concentrando tutte le energie fisiche e mentali nell’apprezzamento di un teatro dell’assurdo, del grottesco, dell’osceno, che non ha pari. A partire dalla discesa dei due chitarristi da pedane poste alla sommità dell’impalcatura del palco, l’ingresso del cantante cosparso di cenere, si entra in un universo di orrori e romanticismi, cascate di acciaio e brulicare di synth. Dolmen di luci intermittenti scendono tra i musicisti durante “Reise Reise”, carmina burana post-industriale che trasmette una sensazione di serissima sacralità, fra chitarroni debordanti – suoni pazzeschi, di un’imponenza faraonica – e tastiere malatissime nel loro liquido sciamare. “Keine Lust” e “Feur Frei” lasciano partire bombardamenti di fiammate e fuochi d’artificio, ogni componente del gruppo assume un suo ruolo di celebrante in una dirompente rappresentazione distopica di un mondo di macchine grige e ottuse, tiranniche ma capaci di improvvise sortite in un estatico goticismo. Non c’è un solo dettaglio fuori posto, si accavallano ordinate luci di ogni tipo, originali, esagerate, mentre Till Lindemann officia la cerimonia alternando ferocia e sentimento. Memorabile quando va a prendere il dinoccolato tastierista, lo costringe a entrare in una vasca di metallo e, salendo su una pedana, dall’alto lo cosparge di scintille, dopo averlo tiranneggiato in lungo e in largo, dittatoriale. Finita la scenetta, l’anfetaminico responsabile di keyboards e sintetizzatori passa da una tenuta da carcerato arancione a una di soli brillantini. Serafico, si mette a camminare sul tapis roulant e suonare in contemporanea. Chiaro, osservando la densità umana e la reazione a ogni canzone, che il grosso del pubblico fosse qua per gli headliner e avesse un interesse
relativo, nella maggioranza dei casi, per ciò che è venuto prima. La setlist pesca fra gli episodi più ricchi di sfumature e di maggiore intensità, anche se gli attimi di atmosfera non mancano, grazie a versioni mozzafiato di “Sonne” (in chiusura) e “Du Riechst So Gut”. Il tripudio di fuoco scalda anche a parecchi metri di distanza dal palco, pyros scoppiano ovunque, rendendo l’atmosfera crudelmente carnevalesca. Lascia interdetti la sensazione di essere davanti a delle macchine, dei perfetti attori di uno spettacolo imparato così bene da non consentire la minima sbavatura neanche a farlo apposta. Non c’è un singolo particolare che non sia curato, qualcosa che stoni, fuori posto. I Rammstein sono uno dei vertici espressivi della commistione fra musica, immagini, effetti scenici, capacità di narrare storie pazzesche e atroci, oppure semplicemente buffe, in uno stile unico, non replicabile. Conclusa “Sonne”, gli addetti della crew smontano tutto nell’incredulità generale, senza un altro saluto dopo quello prima dell’encore. Un piccolo scherzetto a conclusione di un concerto impressionante. Chiusura magnifica di quella che ci sentiamo di definire un’ottima edizione del Gods Of Metal, apertasi con i dubbi legati al maltempo, rivelatasi decisamente gradevole e divertente per tutto il corso della giornata.
(Giovanni Mascherpa)

ALCUNE NOTE CONCLUSIVE
Il giorno dopo, quando si tratta di grandi eventi, è tempo per i classici bilanci. Saremo brevi e sintetici quanto basta, perchè a tutti gli effetti le critiche negative, tanto di moda verso chi organizza il Gods Of Metal ed altri happening rilevanti in Italia, possono essere davvero ridotte al minimo storico. La location – spessissimo punto-cardine delle suddette rimostranze – si è rivelata pressochè perfetta: erba ovunque e ampi spazi; bagni chimici in abbondanza, sebbene le code, almeno in quelli a ridosso palco, fossero ad un certo punto inevitabili; nessuna struttura, a parte le due ‘torri di controllo’, a limitare la visuale da qualsiasi punto ci si trovasse; stand gastronomici e di bevande classici e con i soliti prezzi, ma qui si tratta di aspetti a cui sono anni che siamo abituati…forse ci si potrebbe lamentare di mancanza di novità, ma sappiamo bene che un festival di un solo giorno in Italia non è paragonabile ad eventi su più giorni all’estero; avremmo voluto più panche per creare dei veri e propri beergarden e probabilmente, non ci fosse stata una giornata così fresca, avremmo criticato la mancanza di zone d’ombra, ma, una volta tanto, le condizioni atmosferiche sono state protagoniste in senso positivo, non ustionandoci con bordate di solleone e non inzuppandoci d’acqua e fango. Certo, di contro abbiamo avuto di che temprarci per diventare dei marciatori di professione: chilometri di strada nei boschi del Parco di Monza e dell’Autodromo, sia per chi ha parcheggiato dentro le Porte dell’Autodromo, sia per chi (come chi scrive) ha lasciato l’automobile appena al di fuori degli ingressi: soprattutto nel deflusso, appena terminati i Rammstein, il caos macchine-pedoni è stato sì organizzato e diretto bene, ma anche mastodontico. C’era da aspettarselo, comunque, non si riusciranno mai a far defluire rapidamente migliaia di umani da stradine strette ad una corsia. Per cui, la vera e unica richiesta che ci sentiamo di fare è che, ancora una volta, ci piacerebbe riavere quelle belle bancarelle di dischi/CD/vinili oppure gli stand con vestiti e chincaglierie che sono tanti anni ormai che non vediamo più, se non ad altri festival italiani organizzati con spirito più underground. Spesso è frustrante doversi occupare ‘soltanto’ di guardare le band, mangiare e bere, espletare le proprie funzioni fisiologiche, gingillarsi sui social e col cellulare e non poter invece recuperare il bello spirito di ricerca musicale a tutto tondo che si sente e respira quando si passano in rassegna i millemila album esposti agli stand.
E per quanto riguarda la musica, invece? Be’, il bill lo conoscevamo tutti: dopo le defezioni di Kiss e Down, che avrebbero certamente alzato le quotazioni, l’edizione 2016 è stata un pochetto claudicante, soprattutto per quanto riguarda i support-act. Difatti, se Rammstein, Korn e Megadeth hanno ripagato e rispettato le attese e i Sixx:A.M. erano comunque al loro primo concerto italiano, il resto è scivolato via tutto con troppa indifferenza, forse solo rimasto appeso ad un filo grazie alla straordinaria grinta di Lzzy Hale degli Halestorm. E’ venuta a mancare un po’ di qualità globale sotto il profilo artistico, quella qualità che in anni passati ci permetteva di esaltarci anche a mezzogiorno in punto, invece di stare a guardare dei semi-sconosciuti tra un’occhiata allo smartphone, una chiacchiera con l’amico ed una spalmata di crema solare sul naso. Poi, ovvio, si può discutere fino al 3000 di quanto i Rammstein e/o i Korn siano Gods Of Metal, ma questo è un altro tipo di approccio che magari vi lasciamo sviscerare in sede di commento.
Ricapitolando, dunque: location promossa al 100%, organizzazione all’80%, bill al 50%. E ci vediamo l’anno prossimo, sempre che il Gods ritorni!
(Marco Gallarati)

Voi!