20/06/2009 - Lustando 2009 – Hardcore Superstar + Strana Officina @ Lustando Festival - Lu Monferrato (AL)

Pubblicato il 04/07/2009 da

Live report a cura di Alessandro Corno

 

Veramente una bella esperienza quella del Lustando 2009, evento che si è svolto a Lu Monferrato. Il tranquillo e verdissimo paesino in provincia di Alessandria per tre giorni ha ospitato artisti di svariati generi musicali, dal reggae dei Sud Sound System, al rock dei The Black Box Revelation fino allo street metal degli svedesi Hardcore Superstar. Noi ovviamente abbiamo scelto proprio la serata con headliner il gruppo scandinavo, per l’occasione supportato da Strana Officina, Bad Bones, Regardless Of Me, Clairvoyants e Lucky Bastardz. Purtroppo ci siamo persi tutto lo show di Lucky Bastardz e Clairvoyants (che qui non porponevano cover degli Iron Maiden, ma solo pezzi propri estratti dal nuovo “Word To The Wise”) a causa di una maledetta coda in zona Genova, ma al nostro arrivo abbiamo trovato un festival non enorme ma ben organizzato soprattutto in relazione al popolarissimo prezzo. Dieci euro per una giornata di musica con un bel palco, un verde prato sotto ai piedi e un sevizio cucina efficiente. Uniche note stonate i quattro euro per una birra che a occhio e croce era poco più di una piccola e alle maledette zanzare killer che per diverse ore hanno tenuto sotto scacco l’intera kermesse. A parte questi dettagli, è stata la piacevole conferma che in Italia abbiamo un altro festival estivo di buona qualità.

 

 

REGARDLESS OF ME

Non conosciamo ancora la gothic metal band milanese e rimaniamo stupiti positivamente da una performance pulita e precisa da parte dei quattro componenti. Il loro sound è differente da quanto proposto dai gruppi più in alto in scaletta, ma i Regardless Of Me ci sanno fare e guidati dalla bravissima cantante Pamela Manzo, riescono a farsi apprezzare anche dai rocker in attesa di Strana Officina e Hardcore Superstar guadagnandosi gli applausi di una platea ancora poco affollata. La prestazione, incentrata sul debutto “The World Within” targato marzo 2009, vede proprio la vocalist al centro della scena, supportata dal drumming di Fulvio Torresani e affiancata dal bassista Enrico Cassano e da  Emiliano Sicilia, decisamente preparato sia come chitarrista che a livello di tenuta di palco. Proprio su quest’ultimo aspetto la band sembra già abbastanza rodata, disonvolta e curata anche come immagine. Probabilmente questo non era un contesto del tutto adatto alla loro proposta musicale, ma i quattro musicisti lasciano una buona impressione e a noi non resta che aggiungere “The World Within” alla lista dei prossimi ascolti.

BAD BONES

Il caldo inizia ad allentare la sua presa e c’è bisogno di un po’ di grinta per smuovere i presenti dagli stand di birra e salamelle. Ci pensano i Bad Bones con il loro rock sporco e Motorheadiano a richiamare il pubblico sotto al palco. La band del bassista cantante Steve “Bone” Balocco (White Skull, Anthenora), del chitarrista cantante Meku “Bone” Borra (Anthenora) e del batterista Lele “Bone” Balocco, dà vita ad uno show tanto grezzo e diretto quanto coinvolgente. Divertenti e dall’attitudine da rocker vissuti, i tre ragazzi pescano i loro assi migliori dal debutto “Smalltown Brawlers”, aprendo proprio con l’opener del disco, intitolata “Poser”, e inframezzando i successivi brani come l’anthemica “Time To Rock”, “Crazy Little Star” e “Ain’t Gonna Live Forever” ad insulti ai poser,  imprecazioni di ogni sorta che farebbero invidia a Pino Scotto e a frequenti incitazioni alla vita all’insegna del rock. Uno show trascinante che termina con una versione sparatissima di “Aces of Spades” degli idoli Motorhead, con la quale si scatena il putiferio di fronte al palco. Una piacevole conferma per un gruppo che dà prova di essere più incisivo dal vivo che su disco.

STRANA OFFICINA

Dopo una lunga pausa la serata è pronta per ripartire con la Strana Officina. Il pubblico ora si è fatto più numeroso e sotto al palco c’è un buon gruppo di fan che attendono con trepidazione il quartetto. La Strana è sempre una garanzia e già con “King Troll” dà prova di saper tenere banco con autorità e di riuscire a coinvolgere anche i ragazzi più giovani appostati nelle prime file. In effetti c’è sempre grande rispetto per questo gruppo e per la sua sfortunata storia e anche chi come il sottoscritto non ha abbastanza anni per aver vissuto gli albori della carriera della band, prova un senso di grande ammirazione verso musicisti come questi che hanno fatto la storia del metal italiano. Parliamo ovviamente di Bud e Enzo, due icone che mostrano ancora un carisma inossidabile e vengono acclamati a gran voce dai presenti. Temporaneamente accompagnati alla chitarra dal bravo Ciano Toscani dei Listeria, i ragazzi scaldano il pubblico con brani di gran presa come “Profumo di Puttana” o la tirata “Kiss Of Death” mentre riescono come sempre a commuovere quando dedicano la stupenda “Autostrada Dei Sogni” a Fabio e Roberto Cappanera (membri fondatori purtroppo deceduti nel 1993 in un incidente stradale). Di band in grado di passare con disinvoltura da veri e propri assalti metallici a momenti più toccanti non ce ne sono molte ma abbiamo la fortuna di averne una proprio in casa nostra e anche chi non conosce il gruppo viene coinvolto in uno show che nel finale raggiunge il top. Il pogo forsennto di “Metal Brigade”, l’affascinante “Viaggio In Inghilterra” e l’immancabile conclusiva “Officina” chiudono autorevolmente l’ennesima prova maiuscola del gruppo toscano.

HARDCORE SUPERSTAR

Sempre più in crescita in Italia, gli Hardcore Superstar hanno l’onore di fare da headliner all’ultima serata del Lustando 2009. Il pubblico è andato via via aumentando (pure delle zanzare che definire “feroci” è ancora poco) e ora l’affluenza è buona, con la gran maggioranza dei presenti qui proprio per il quartetto svedese. Forti di una buona uscita come “Beg For It” gli autoproclamatisi inventori dello street metal aprono con l’intro “This Worm’s For Ennio” a cui segue proprio la titletrack dell’ultimo lavoro. Adrenalina da subito ai massimi livelli e band in ottima forma, si profila uno show a dir poco esplosivo al quale partecipano con entusiasmo tutti i presenti. I suoni a centro platea sono molto buoni e la scenografia mimimale ma discreta riprende l’artwork di “Beg For It”. Senza pause sempre dal recente disco arriva “Into Debauchery”, ancora più trascinante dal vivo che in studio. I nuovi pezzi hanno un impatto notevole ma il lavoro è uscito da poco e quindi è del tutto ovvio che gran parte del pubblico ancora non lo conosca. La partecipazione e il pogo di fronte al palco aumentano invece quando vengono proposti brani da “Dreamin’ In A Casket” o ancorpiù da “Hardcore Superstar”. Se “Medicate Me” infatti smuovere la platea, “Wild Boys” è un vero tripudio. Ottima la prova dei quattro musicisti con il solito Adde che pesta come un dannato e uno Jocke scatenato e vocalmente in gran forma, un frontman eccezionale. Ottima la prova anche di Vic Zino, più metallico sia come stile che come presenza scenica e attitudine rispetto all’ex-chitarrista Silver. Con “My Good Reputation” entriamo nel vivo dello show e da lì in poi è tutto un susseguirsi di brani di grande presa come “Dreamin’in A Casket”, “She’s Offbeat”, “Illegal Fun” e la travolgente “No Resistance”. Impossibile per noi stare lontani dalla zona pogo. La solita pausa di rito preannuncia il tris finale con “Don’t Need Company”, “Bag On Your Head” e l’attesissima hit conclusiva “We Don’t Celebrate Sundays”, il brano che nel 2005 ha ridato il successo al gruppo. Non c’è niente da fare, gli Hardcore Superstar hanno le palle e lo dimostrano ogni singola volta che tengono un live, suonando con un tiro e un’attitudine da grande band, destinata a riscuotere sempre più successo. Unico appunto il fatto che siano stati riproposti solo brani dagli ultimi tre dischi, ignorando un gioiello come “Bad Sneakers And A Pina Colada” (2000). Sarà, speriamo, per la prossima volta.

SETLIST:

This Worm’s For Ennio (intro)
Beg For It
Into Debauchery
Medicate Me
Wild Boys
Shades Of Grey
Nervous Breakdown
My Good Reputation
Dreamin’ In a Casket
She’s Offbeat
Last Forever
Illegal Fun
No Resistance
Need No Company
Bag On Your Head
We Don’t Celebrate Sundays

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.